sabato 15 giugno 2024

«Intelligenze non umane sono in mezzo a noi», dicono tre accademici

Gli Alieni potrebbero essere tra noi. 

Nascosti in basi sotterranee o sottomarine. O forse, da qualche parte sulla Luna. 
Potrebbero essere arrivati da lontano, in epoche remote, per poi  diventare stanziali. 

Ma se avessero origini terrestri quanto noi, condividerebbero parte del nostro DNA tanto da non esserci troppo dissimili per aspetto. 

Questa specie non umana, con la quale coabiteremmo da sempre senza saperlo, dotata di una tecnologia molto più avanzata, sarebbe responsabile dei crescenti avvistamenti UFO. 

No, non è l’ultima corbelleria di qualche appassionato di sci-fi, ma il succo di un corposo articolo scientifico che ha già ricevuto la peer review- la revisione tra pari- e sarà presto  pubblicato sulla rivista Philosophy and Cosmology ...

venerdì 14 giugno 2024

Il mistero di Swedenborg


“Voltaire affermò che l’uomo più straordinario della storia è stato Carlo XII. Direi invece che il più straordinario uomo – se mi è concesso questo superlativo – era il più misterioso dei sudditi di Carlo XII, Emanuel Swedenborg.” 

di Jorge Luis Borges

Lo scienziato e teosofo mistico svedese Emanuel Swedenborg nacque a Stoccolma il 29 gennaio 1688, terzogenito di Jesper Swedenborg (1653-1735) e Sara Behm. Il padre era professore di teologia all'università di Uppsala e decano della cattedrale, e più tardi divenne vescovo di Skara, mentre le notizie riferenti alla madre riportano che ebbe in tutto nove figli e che morì nel 1696, quando Emanuel aveva otto anni.

Considerato un genio molto precoce [un recente studio lo classifica tra i personaggi della storia con uno dei più alti Q.I. (quozienti d'intelligenza) mai registrati], Swedenborg entrò alla facoltà di filosofia dell'università di Uppsala nel giugno 1699, a soli undici anni. Il suo campo di studio tuttavia non si limitò alla filosofia, ma spaziò dalle scienze alla matematica, legge, musica d'organo, lingue classiche (latino, greco ed ebraico) e moderne (inglese, olandese, francese e italiano) ... 

giovedì 13 giugno 2024

Mentire al mondo, mentire a sé stessi

 Una delle più stupefacenti capacità dell’uomo è quella di mentire a sé stesso.

Gli esseri umani imparano fin da piccoli che dire una bugia è spesso una scorciatoia per evitare punizioni o giudizi negativi. 

Quello che invece i bambini non imparano, da piccoli, è mentire a sé stessi. 
Non ne hanno bisogno. Se hai rubato la cioccolata, è sufficiente dire alla mamma che “non sei stato tu”, ma non hai alcun bisogno di mentire a te stesso per giustificare la tua azione: tu sai che l’hai rubata, e ti sta bene così (anzi, ti senti persino furbo, per averla sfangata).

Questo accade perché il bambino non ha dei principi morali a cui deve rispondere. Lui ha solo voglia di cioccolata, e se riesce a soddisfare quella voglia evitando le punizioni, lui è a posto così ...

mercoledì 12 giugno 2024

Il club degli articoli cancellati dai motori di ricerca

Esiste un sito che tiene traccia dei tanti link che le testate giornalistiche fanno scomparire dai motori di ricerca. E dimostra quante informazioni sulle vicende del passato diventano molto difficili da individuare.

Chi fa una ricerca su Internet si aspetta che gli venga restituita una fotografia più o meno completa e soddisfacente della realtà su cui sta interrogando il motore di ricerca. Ma in realtà le cose non stanno così: negli ultimi anni soprattutto gli articoli dei giornali hanno iniziato a dissolversi e non venire più mostrati all’utente. Non compaiono sui motori di ricerca – Google è in assoluto il più diffuso – e se ne perde la loro utilità sostanziale, cioè quella di saltar fuori dal monitor in correlazione a quello che l’utente chiede. 

Questo avviene per effetto della “deindicizzazione”, che in buona sostanza consiste nel rimuovere un articolo dalle conoscenze di Google così come fosse un indirizzo cancellato dall’elenco telefonico. La strada, il civico e il numero di telefono rimangono lì, ci mancherebbe. 
Ma nessuno può conoscerli a meno di non sapere esattamente dove si trovano ...

martedì 11 giugno 2024

Sostenere il genocidio per fermare il multipolarismo


di Pepe Escobar

L'Egemone sta progettando una guerra mondiale per fermare il multipolarismo. Sostiene il genocidio di Gaza da parte di Israele come un male necessario per vincere duramente in Asia occidentale, pensando che il genocidio non importerà  a nessuno una volta che la guerra sarà globale...

Questa settimana si è svolto il Forum economico di San Pietroburgo (SPIEF). È uno dei principali incontri annuali in Eurasia. Il tema generale del 2024 è la “multipolarità“, che si addice al fatto che questo è l’anno della presidenza russa dei BRICS. Il vertice BRICS del prossimo ottobre a Kazan sarà cruciale per tracciare i contorni della road map verso il multipolarismo in futuro.

Ecco il problema. E questo ci porta probabilmente alla domanda chiave che la Maggioranza Globale deve affrontare: come possiamo permetterci di sognare il multipolarismo quando siamo sprofondati nell’Impensabile, ridotti al ruolo di semplici spettatori, osservando un genocidio trasmesso 24 ore su 24, 7 giorni su 7, su ogni smartphone del pianeta? ...

lunedì 10 giugno 2024

Come la corsa ci ha reso umani

 La corsa di resistenza ha forgiato l'evoluzione dell'uomo

Per la necessità di cacciare animali e procurarsi il cibo nella vasta savana africana, l’uomo è evoluto dal nostro antenato scimmiesco: l’uomo doveva percorrere lunghe distanze ed ha imparato a correre; questa nuova abilità ha modellato l’anatomia umana e lo ha reso ciò che è oggi.

Questa è la conclusione di uno studio pubblicato nel 2004 sulla copertina del giornale scientifico Nature dal biologo Dennis Bramble (University of Utah) e l’antropologo Daniel Lieberman (Harward University).

Bramble e Lieberman sostengono che, circa 2 milioni di anni fa, il nostro antenato, Homo, è evoluto dal nostro antenato scimmiesco perché la selezione naturale ha favorito la sopravvivenza dell’Australopiteco che poteva correre, modificando l’anatomia umana con caratteristiche che hanno reso possibile la corsa su lunghe distanze ...

domenica 9 giugno 2024

Dopo 3 anni di censura emerge la verità sui vaccini

di Michel Chossudovsky e Sarah Knapton

Dopo 3 anni di censura, i media mainstream confermano che i vaccini COVID “possono essere responsabili dell’aumento dei decessi in eccesso” 

“I farmaci Covid possono essere responsabili dell’aumento dei decessi in eccesso”.

Se questo rapporto del Telegraph fosse stato pubblicato all’inizio del 2021, sarebbero state salvate milioni di vite.

Ma nel 2021 è stata imposta la censura. 
Il giornalismo onesto è stato messo a tacere. 
I media hanno sostenuto la campagna di paura ...

sabato 8 giugno 2024

Astensionismo alle urne, qualche ragione per capire

Senso di tradimento, differenze minime tra i partiti, una diffusa sensazione di inutilità del voto: sono alcuni fattori che hanno fatto crollare il numero di votanti alle elezioni. E tutto lascia pensare che per le Europee il trend continuerà.

di Roberto Marchesini

L’affluenza alle elezioni, in Italia, è crollata da oltre il 90% a sotto il 50 (in alcuni casi anche meno); e tutto fa pensare che sarà molto bassa anche alle prossime elezioni europee. Cerchiamo di capire quali potrebbero essere le cause di questo astensionismo sempre più diffuso.

Una prima causa potrebbe essere spiegata dal cosiddetto «paradosso dei gelatai» (clicca qui). Su una spiaggia lunga un chilometro, due gelatai dividono la spiaggia in due e piazzano il proprio chiosco a metà della loro metà spiaggia, a cinquecento metri di distanza. Lentamente, per sottrarre all’altro dei possibili clienti, ciascuno dei due gelatai si avvicina al centro della spiaggia; alla fine i due gelatai si trovano entrambi al centro della spiaggia. Si tratta, ovviamente, di una metafora secondo la quale «destra» e «sinistra», per accaparrarsi i voti dei «centro» e degli indecisi, rinunciano alle posizioni più estreme e convergono tra loro verso un ipotetico «centro». 
Insomma: c’è differenza tra FdI, Lega e PD? O, in fondo, dicono tutti le stesse cose? 
Quindi perché votare l’uno o l’altro se, chiunque vinca, sarà comunque la stessa cosa? ...

venerdì 7 giugno 2024

UFO, anche il parlamento di Tokyo vuole la verità

Anche il parlamento del Giappone vuole saperne di più sugli UAP.  

La nuova commissione- chiamata "Lega per il Chiarimento dei Fenomeni Aerei Non Identificati per la Sicurezza Nazionale" entra ufficialmente in carica il 6 giugno con la sua prima seduta. Il gruppo parlamentare include deputati di diversi schieramenti politici. 

Personalità di primo piano, come l’ex ministro della Difesa Shigeru Ishiba o Shinjiro Koizumi, già ministro dell’Ambiente, figlio dell’ex premier Junichiro Koizumi e- a quanto dicono- avviato a ricoprire presto il medesimo ruolo dell’illustre genitore. 

Compito della commissione: analizzare gli avvistamenti di oggetti volanti di origine sconosciuta con l’obiettivo di spingere la ricerca relativa a questi misteriosi fenomeni molto più in là di quanto non si sia fatto finora ...

giovedì 6 giugno 2024

Giorni più lunghi grazie alla Luna

Il clima globale sulla Terra è influenzato dai cicli di Milankovitch, impressi nelle sequenze di sedimenti antichi.

Un recente studio pubblicato su Pnas mostra come tali cicli, osservati in due sequenze di sedimenti, siano coerenti con una rotazione della Terra più rapida e una distanza Terra-Luna più corta. 

A causa delle maree, la Luna continuerà ad allontanarsi e la Terra continuerà a rallentare, portando ad avere giorni più lunghi di 24 ore.

Per tutti quelli che desiderano giornate più lunghe di 24 ore, i geologi hanno buone notizie: i giorni sulla Terra si stanno allungando. Un nuovo studio ricostruisce la storia della relazione del nostro pianeta con la Luna e mostra che, 1.4 miliardi di anni fa, un giorno sulla Terra durava poco più di 18 ore. Questo, almeno in parte, è dovuto al fatto che la Luna era più vicina e ha cambiato il modo in cui la Terra ruotava attorno al suo asse.

Il sistema Terra-Luna può essere paragonato a una pattinatrice che esegue una trottola, la cui velocità di rotazione cambia allontanando o avvicinando le braccia al corpo. «Mentre la Luna si allontana, la Terra si comporta come una pattinatrice che sta girando su se stessa e che rallenta la sua rotazione allargando le braccia», spiega Stephen Meyers, professore di geoscienza presso la University of Wisconsin-Madison e coautore dello studio pubblicato nei Proceedings of the National Academy of Sciences ...