giovedì 23 novembre 2017

"Area 51 Caller", fu soltanto uno scherzo?

Probabilmente molti di voi ricorderanno questo strano fatto accaduto nel corso del famoso programma radiofonico statunitense "Coast to Coast" di Art Bell (Arthur William Bell, nato il 17 giugno 1945, nella foto): era l'11 settembre 1997, l'episodio ha trovato una sua conclusione tre anni fa ma rimane ancora in parte avvolto da un alone di mistero ...

11.09.1997 - Durante una delle sue trasmissioni in diretta, Art Bell riceve una strana quanto allarmante telefonata da parte di un uomo che dichiara di essere un ex agente governativo nonché ex dipendente dell'area 51.

La telefonata è brevissima, il tono dell'uomo è allarmato e, soprattutto, a mano a mano che procede la conversazione, appare sempre più terrorizzato.. Le sue parole si alternano ai suoi singhiozzi, e le poche che riesce a pronunciare, prima di un black out tecnico causato da un guasto al satellite, sono a dir poco incredibili.
E soprattutto spaventose...

mercoledì 22 novembre 2017

Aspartame - la scomoda verità

L'aspartame non è stato approvato per l'utilizzo negli alimenti fino al 1981. 

Per oltre otto anni la FDA (Food and Drug Administration - Amministrazione degli Alimenti e dei Medicinali) ha rifiutato di approvare l'uso dell'aspartame a causa delle convulsioni e dei tumori al cervello che questa sostanza ha provocato negli animali da laboratorio.

L'FDA ha continuato a rifiutare di approvarlo fino a che il presidente Reagan non prendesse la carica (era molto amico della G. D. Searle - adesso Monsanto) e licenziasse il commissario della FDA che aveva negato l'approvazione dell'aspartame. Successivamente, il Dott. Arthur Hull Hayes fu nominato commissario. Ma la forte opposizione per l'approvazione di questa sostanza continuava a tal punto che venne nominata una Commissione Investigativa. Il responso della Commissione recitava così: "non approvare l' aspartame". 

Tuttavia il Dott. Hayes passò sopra la decisione della commissione e approvò ugualmente l'aspartame.
Poco tempo dopo aver approvato l'utilizzo dell'aspartame anche nelle bevande gassate, il commissario Arthur Hull Hayes, firmò un contratto di collaborazione con l'agenzia delle pubbliche relazioni della G.D. Searle...

martedì 21 novembre 2017

Teoria dell'evoluzione: 44 ragioni che la smontano

di M. Snyder
Traduzione di Anticorpi.info

La teoria dell'evoluzione è falsa. Semplicemente, non è vera. In realtà è solo una favola per adulti basata su un'antica filosofia religiosa pagana a cui centinaia di milioni di persone in tutto il mondo scelgono di credere per pura fede.

Ogni volta che a un adulto occidentale venga chiesto di illustrare le prove dell'attendibilità della teoria dell'evoluzione, la domanda cade nel vuoto. La maggior parte delle persone farfuglia qualcosa sul fatto che 'la maggior parte degli scienziati la supportino', e questo fatto basta e avanza.

Tale forma di anti-intellettualismo dilaga ancora oggi nelle università. Se ne dubitate, provate a recarvi in un campus universitario e chiedete agli studenti le motivazioni per cui credono alla teoria dell'evoluzione. In pochissimi saranno effettivamente in grado di fornire risposte. 
La maggior parte di essi manifesterà solo una cieca fede nella classe sacerdotale nella nostra società ('gli scienziati')...

lunedì 20 novembre 2017

Il cratere di Chicxulub e la fine dei dinosauri

E' ufficiale, è stato l’asteroide.
2013 - Uno studio su Science rivede, con una precisione finora mai raggiunta, la datazione dell'impatto che causò il grande cratere dello Yucatan e quella dell'estinzione dei dinosauri. I due eventi praticamente coincidono. Secondo i ricercatori l'asteroide non è l'unica spiegazione della grande estinzione di massa, ma diede il colpo di grazia decisivo.

È uno dei grandi casi insoluti della storia della Terra, anche se da molto tempo i sospetti si concentrano in Messico. 

Chi fece fuori i dinosauri, circa 60 milioni di anni fa? 

Le ipotesi in campo comprendono un improvviso aumento dell’attività vulcanica, o un fenomeno di cambiamento climatico che mise sotto stress interi ecosistemi (si trattò infatti di una estinzione di massa in cui, assieme ai dinosauri, scomparvero migliaia di specie animali e vegetali). Ma da qualche decennio l’ipotesi più accreditata è quella dell’impatto di un asteroide, che avrebbe bruscamente e drammaticamente alterato il clima di un’intera parte del pianeta.

Su Science di questa settimana, Paul Renne dell’Università di Berkeley e i suoi colleghi spostano di nuovo il pendolo verso quest’ultima ipotesi. E indicano una volta per tutte nel cratere di Chicxulub, nella penisola messicana dello Yucatan, il luogo del delitto...

domenica 19 novembre 2017

Il "Fenomeno Ummita"

Paolo G

Premessa
Il fenomeno Ummita non è qualcosa che può essere liquidato in poche parole.

I soli due fattori della durata (per quanto concerne le missive, sicuramente dagli anni 60 fino a praticamente i primi anni del 2000, e non si sa veramente se lo si può considerare concluso) e della mole dei relativi documenti (centinaia se non migliaia di pagine) impongono una grande cautela.

Cercherò di fornire in queste note generali gli elementi di base utili per la comprensione del fenomeno, soprattutto per chi è appena venuto a conoscenza della questione, ma mi corre in ogni caso l’obbligo di segnalare fin dall’inizio che la questione nel suo insieme è veramente molto complessa.

Una prima descrizione

Il fenomeno Ummita prende il nome da UMMO, supposto pianeta a circa 14 anni-luce dalla Terra, orbitante intorno ad una stella che potrebbe essere Wolf 424 [Nota: le recenti scoperte in astronomia hanno di fatto smentito questa possibilità; è stato infatti appurato che Wolf 424 è una stella doppia].

sabato 18 novembre 2017

Chi ha creato i creatori?

- Notizia del 1989. Articolo del 2006 -

I giornali scientifici riferiscono nei dettagli le ultime ipotesi scientifiche sulla creazione avanzate dallo scienziato russo Vladimir Shcherbak, studioso di modelli matematici applicati ai fenomeni biologici.

Studiando le strutture e i processi molecolari dell'immagazzinamento dell'informazione ereditaria nel codice genetico universale (cioè quella "banca dati" chimica che è comune ad ogni essere che vive nel nostro pianeta) il ricercatore sovietico avrebbe scoperto l'esistenza di relazioni più arcaiche di quelle sino ad oggi conosciute. 

Lo scienziato afferma inoltre di aver individuato delle simmetrie nelle relazioni di informazione che costituiscono un "secondo livello" di informazione genetica, di tale complessità da escludere la possibilità che esse siano il risultato di un'evoluzione spontanea della materia.

Shcherbak, come molti suoi colleghi, esclude l'esistenza di Dio e quindi il Suo intervento; la vita sul nostro pianeta sarebbe piuttosto il risultato del "progetto biologico" di un'intelligenza extraterrestre.
L'astronomo inglese Fred Hayle e Francis Crick, esperto nella ricerca genetica, avevano già formulato qualche anno fa delle ipotesi simili.

Esseri intelligenti provenienti dallo spazio esterno, in un lontano passato, avrebbero portato e organizzato la vita sulla Terra ...

venerdì 17 novembre 2017

Smettere di lavorare

Davide Ragozzini

Questo tempo è il tempo che impone cambiamenti radicali del pensiero, del costume, delle abitudini. Impone lo sviluppo di capacità che ci consentano di avere una visione allargata, quanto meno in termini di possibilità, dell’universo e della sua multidimensionalità, delle nostre latenti capacità intellettive e spirituali. È il tempo che impone una rivisitazione degli schemi sociali, economici ma soprattutto è il tempo in cui urge la nascita di una potente pretesa della nostra libertà.

L’evoluzione, nella sua manifestazione, contraddistingue un individuo (o un piccolo numero) dalla moltitudine.

Non è mai il contrario.

Tutte le volte che accade, questo individuo è costretto a lottare con le idee e il costume diffuso e la moltitudine pretende da lui che si conformi e che soprattutto non comprometta, con le sue azioni o propagande, le loro”verità “ sulle quali arroccano le loro false certezze e le loro “comodità”, fatte spesso di ingiustizie.

Ma in lui fermenta e si agita una forza oscura che lo spinge inesorabilmente in avanti, talora procurandosi terribili sofferenze ma alla fine accade qualcosa che sembra sospinto da una forza soprannaturale: l’individuo riesce in qualche modo a stimolare l’attenzione della massa che lentamente passa da un torpore caratterizzato da scetticismo e incredulità, divenendo infine capace di innalzare la percezione necessaria a comprendere e ad accogliere la nuova visione ...

giovedì 16 novembre 2017

Ecco come apparivano certi familiari oggetti quando sono comparsi sul mercato la prima volta

La velocità con cui si evolve la tecnologia è tale che dimentichiamo rapidamente come apparivano certi oggetti quando furono lanciati sul mercato la prima volta. 


A volte, anzi, non ne abbiamo la benché minima idea!

Forse ricorderete come apparivano i primi telefonini portatili (comunque vi rispolveriamo noi la memoria!), ma ci sono altre invenzioni o oggetti di stile famosissimi che sicuramente non avete visto agli esordi: rimediate scorrendo questa interessante galleria...