giovedì 16 novembre 2017

Ecco come apparivano certi familiari oggetti quando sono comparsi sul mercato la prima volta

La velocità con cui si evolve la tecnologia è tale che dimentichiamo rapidamente come apparivano certi oggetti quando furono lanciati sul mercato la prima volta. 

A volte, anzi, non ne abbiamo la benché minima idea!

Forse ricorderete come apparivano i primi telefonini portatili (comunque vi rispolveriamo noi la memoria!), ma ci sono altre invenzioni o oggetti di stile famosissimi che sicuramente non avete visto agli esordi: rimediate scorrendo questa interessante galleria...



Il primo computer Apple (1976)


Il primo veicolo Ford, il modello A (1903)

Il primo frigorifero Bosch (1993)


Il primo televisore Samsung, il P-3202 (1970)


Il Siemes C1, uno dei primi telefoni mobili (1985)



La prima versione di Microsoft Windows (1985)


Il primo catalogo IKEA fu pubblicato nel 1951 (l'azienda era stata fondata da pochi anni, 
nel 1943)


La prima macchina fotografica Canon



Uno dei primi modelli LEGO, un'anatra in legno commercializzata a partire dal 1935



Uno dei primissimi modelli di Harley-Davidson

Il primo Starbucks aprì a Seattle il 31 marzo del 1971: si trovava nella zona del mercato di Pike Place fu fondato da tre studenti e si occupava solo della vendita di chicchi di caffè


Il modello HP-110, il primo portatile dell'omonima multinazionale statunitense (Hewlett-Packard)


Una delle prime confezione di Nivea messe in commercio:questa è del 1924

immagine: Twitter/NIVEA_ES

Sega Game 1000: la prima console della giapponese SEGA (1983)





Una delle primissime bottiglie del mitico profumo Chanel N° 5 (1921)




La prima videocamera Sony: la HVC-F1 
del 1981


La prima copertina della celeberrima rivista Vogue (1892)



Il primo rasoio elettrico Philips (1939)


immagine: Twitter/Philips_ID

La prima Barbie (1959)




Il primo iPhone... Ve lo ricordavate bene? 

Era il 2007

immagine: techzone360.com

Il primo dentifricio Colgate (1928)



Uno dei primi profilattici mai realizzati



Nessun commento:

Posta un commento