mercoledì 19 novembre 2014

Superare la paura della malattia (e del cancro) ..

 ... ed iniziare ad usare la forza che sta alla base dell’esistenza.

"Il coraggio non è non aver paura, ma avere la forza di superarla." 
Tiziano Terzani

In ogni momento mi “scontro” con persone che pur riconoscendo alcune teorie di queste fantomatiche medicine alternative nonché alcuni processi corporei si intimoriscono quando si parla di cancro o altre malattie di forte impatto sociale; non riescono a superare la massiccia programmazione mediatica, perché di questo si tratta, che è andata avanti in questi ultimi decenni sulla vicenda e mi risulta difficile in poco tempo far sopraggiungere la consapevolezza che “il diavolo” non è così cattivo come lo si dipinge.

Chiariamoci subito: tutti abbiamo paura, è naturale ed è biologico che sia così, essa ha la sua funzione e guai se non ne avessimo, tuttavia se essa dipende da una mancanza di conoscenza e determina un atteggiamento inadeguato al superamento delle situazione della vita appare opportuno ridurla nei limiti entro i quali possa essere utile alla nostra esistenza.
Abbiamo paura del cancro, della leucemia, della sclerosi multipla, dell’aids ecc. semplicemente perché non abbiamo la minima idea di cosa sono nel dettaglio e quello che ci viene detto giornalmente non fa altro che incrementare questo timore in quanto si diffonde in ogni dove l’incapacità di arginare tali fenomeni patologici che spesso portano alla morte.
Siamo proprio sicuri che quello che ci dicono sia reale? ...


Vorrei spiegare a parola mie e con le più genuine motivazioni come sfuggire al fenomeno globale e sociale del terrore del cancro e delle altre malattie di rilevante entità, con una disamina molto semplificata di un argomento per il quale servirebbero migliaia di libri, che peraltro già esistono; invitando per i dovuti approfondimenti alla visione dei link e dei consigli di lettura citati a fondo articolo.

I PRO E I CONTRO DELLA MALATTIA

Parto subito col darvi una notizia positiva: le malattie in genere, quindi anche il cancro, non sono un male ingiusto, al contrario sono un bene poiché costituiscono un processo di riparazione del corpo, quindi non temiamole a priori, ma cerchiamo di comprenderle nel dettaglio.
Altra notizia di eccelsa utilità è il fatto che il nostro corpo ha il potere dell’autoguarigione e in casi non gravissimi, fa tutto da solo anche e soprattutto senza farmaci. Ora però non pensiamo subito al peggio, alle gravi patologie o altro, c’è il metodo di giungere ad una soddisfacente guarigione anche per quelle con un ponderato aiuto.
La notizia meno piacevole invece è che le malattie non possono essere prevenute; tuttavia si può predisporre il corpo in modo da consentirgli il superamento di tali processi vitali in maniera autonoma e con il minor disagio possibile.
Basta mantenere molto alte le energie (ossigenazione del sangue ed altro) corporali tramite un’alimentazione corretta, un adeguato esercizio fisico e soprattutto con un’attività mentale sempre positiva e tesa al superamento delle odierne difficoltà imposte dal sistema di vita; beh sicuramente non è facile, ma per la nostra saluta uno sforzo consapevole credo che ne valga la pena giusto?

LA MALATTIA

Non ho certo le competenze adeguate per poter spiegare il fenomeno nella sua complessità tuttavia vorrei fornire degli elementi conoscitivi di base validi per tutte le patologie in maniera il più semplice possibile.
Da quanto asseriscono varie medicine alternative (non solo la Nuova Medicina Germanica) si è appreso che la stragrande maggioranza dei nostri traumi psico-fisici sono di origine mentale/emotiva/biologica, con conseguente calo d’energia in una o più parti del corpo, quindi in sostanza derivano dal nostro “vissuto” abbinato ad un determinato evento della vita presente o passata (gli eventi passati sono registrati nelle nostre cellule) che ci coglie impreparati e ci ingenera uno shock.
Puntualizzo subito che per “vissuto” non si intende solo l’esperienza diretta ma anche esperienze “riflesse”(la Medicina Ufficiale direbbe genetiche) che risultano registrate nel nostro splendido organismo biologico.

Quando questo shock ci coglie impreparati, cosa succede?

La mente, che non distingue la vita reale dalla nostra immaginazione, invia un segnale di pericolo al corpo per indurlo ad una variazione di condotta che gli consenta di superare il “pericolo” quindi, in relazione al sentito/percepito, si attiverà un programma(registrato nei nostri tessuti nel corso dell’evoluzione della specie) che altererà la funzione di uno o più organi e/o tessuti.
Durante questa fase, che generalmente non comporta sintomi, l’aumento o la riduzione dell’attività o delle dimensioni di una componente del corpo consente di salvaguardarci dalla minaccia incombente (es. se ci troviamo in una situazione improvvisa di sfida, non necessariamente fisica, si avrà un aumento di zuccheri nel sangue per donarci il giusto vigore per superare l’eventuale “disputa”; - se ci troviamo in una circostanza con un pericolo di vita automaticamente si attiva l’asse ipotalamo-ipofisi-surrenale, viene secreto l’ormone dello stress, il sangue viene fatto confluire agli arti per consentire un attacco/difesa o una fuga, le altre funzionalità del corpo vengono drasticamente ridotte, viene ridotta la funzionalità cosciente(ragionamento) del cervello ed aumentata quella istintuale (cervello antico) ecc.), al termine di tale situazione incresciosa si attiva la normalizzazione delle funzioni di base che richiede un notevole dispendio di energie; il corpo dovrà far aumentare/ridurre quel componente corporeo che aveva alterato, anche demolendo eventuali tessuti/organi che aveva incrementato nelle dimensioni(leggasi tumore), ripristinandone la piena funzionalità.
Questa fase è quella più importante ed è l’unica fase riconosciuta a livello ufficiale, quella precedente del pericolo percepito è sconosciuta ai più e di certo non insegnata nelle opportuni sedi, è definita calda in quanto aumenta la velocità delle reazioni biologiche per giungere presto alla vita normale, in questo momento il corpo necessita di molte energie per recuperare la regolarità delle sue funzioni e quindi invia il segnale del dolore, associato ad altri (sudore, febbre, infiammazioni ecc.), che ha lo scopo di far rallentare/fermare le attività coscienti dell’individuo per utilizzare le energie nell’auto-guarigione.

LA FUNZIONE DELLA MALATTIA

Lo scopo della malattia è quello di ripristinare le funzionalità dell’organismo, quindi è utile per la nostra stessa sopravvivenza.
Analizzando l’utilità del meccanismo biologico automatico (che la NMG chiama SBS speciale programma biologico sensato) da cui scaturisce quella che noi definiamo a torto malattia, quando in realtà è un sintomo di una fase cruciale del citato programma, non possiamo fare a meno di notare la sua necessità al fine di garantire la sopravvivenza del nostro corpo per ragioni ben più elevate della mera vita fisica e consente all’organismo di evolversi per adattarsi all’ambiente circostante.

IL CANCRO

Anche qui non potrò essere esaustivo per la vastità dell’argomento, ma qualche piccola ed essenziale informazione sul male del secolo la ritengo doverosa.

La proliferazione controllata, non certo impazzita come vogliono farci credere, di cellule di un particolare tessuto/organo è indotta dal nostro essere biologico per fargli aumentare la sua efficienza (es tumore al polmone per avere più aria e non morire, tumore alle ovaie per aumentare la possibilità di rimanere incinta, alla prostata per aumentare le capacità riproduttive maschili ecc. ecc.) ma ci sono anche procedimenti opposti, cioè di riduzione dell’organo, come ad esempio l’osteoporosi, cancro ai dotti lattiferi ecc.) e non avviene certo per caso, è essenziale per superare biologicamente alcuni shock in corso o vissuti, non ha certo lo scopo di arrecarci del danno, ma esattamente l’opposto.

Trattandosi di un aumento o riduzione delle dimensioni dell’organo/tessuto per aumentarne o ridurne l’efficienza tale evento è spesso connesso ad eventi di considerevole entità emotiva, se invece lo shock non è di forte entità il corpo non influisce sulle dimensioni ma solo sulla funzionalità accelerandola o rallentandola.
Essendo un processo di rilevante gravità anche la sua fase riparativa sarà molto intensa e pertanto i sintomi saranno così forti tanto da indurci ad andare dal medico, qui però inizia il vero dramma, quello che invece vorremmo che terminasse, con sintomi molto marcati chiaramente il dottore oltre a prescrivere i soliti farmaci farà anche eseguire degli esami diagnostici che evidenzieranno il problema all’organo/tessuto dolente e se tale problema, come spesso avviene, viene diagnosticato come cancro (proliferazione ormai in fase di disfacimento) allora cominciano i guai e le paure.
Il primo guaio è la diagnosi, sentirsi dire che si ha un cancro qui o lì, piccolo o grande che sia, e che si deve intervenire subito è un evento devastante per la maggior parte di noi, altro che shock e quindi …. ricordate cosa succede nel corpo se noi viviamo uno shock? Un nuovo processo biologico si attiva per la paura di morire o di sentirsi spaesati o soli al mondo ecc..
Il secondo guaio, come se il primo non bastasse è il protocollo sanitario. Si inizia un calvario interminabile fatto di dottori, esami, ospedali, cure infernali, controlli a tappeto che si protrae per diversi anni, evento che non fa altro che aumentare il forte shock già attivato con la diagnosi.
Il terzo guaio può avvenire se si sono vissuti male i primi due guai e si verifica in seguitoquando siamo tornati alla normalità della vita, oramai salvi da quel maledetto cancro, succede che l’organismo ritornato ad una situazione di non pericolo avvii il programma riparatorio dello shock della diagnosi e del protocollo e si ricomincia tutto daccapo. Dagli esami diagnostici risulterà che una cellula impazzita è sfuggita al trattamento chemioterapico ed è andata a far danno in un altro organo (es. il polmone o le ossa), tale processo viene definito metastasi ed ora dovrebbe essere chiaro chi/cosa le genera no?

Uscire da questo circolo vizioso è difficile solo perché non lo si conosce altrimenti si manda a quel paese tutti e si avvia un processo di cura consapevole, rivolgendosi a medicine differenti da quella ortodossa, che ci consenta di aiutare il nostro corpo di giungere quanto prima all’autoguarigione.

PREVENZIONE

Due righe sulla prevenzione (vedasi anche articoli correlati): credete davvero che le case farmaceutiche rinunceranno mai agli inimmaginabili introiti derivanti dall’affare cancro o delle malattie invalidanti che necessitano di cure a vita?

Basterebbe ascoltare i messaggi che ci invia il nostro corpo per percepire la nostra salute, non servono analisi ed esami diagnostici di ogni genere che vengono pubblicizzati in ogni dove per la nostra salute, questo senza tener conto delle probabilità molto alte di falsi positivi e che si traducono in cure farmacologiche e/o chirurgiche non necessarie.

PERCEZIONE E VISSUTO

Ma se come detto prima le malattie non sono prevedibili considerato che scaturiscono da eventi inattesi e imprevisti allora non c’è scampo?
Beh, vederla in questo modo costituisce la prova di non aver compreso la funziona della malattia, cioè quella di farci sopravvivere non di farci morire, quindi la prima cosa da fare è di non temerla, tuttavia non è piacevole essere ammalati e ancor meno avere delle patologie invalidanti quindi sarebbe opportuno evitare di far scattare il meccanismo biologico di sopravvivenza. Come?
Cosa determina per ognuno di noi se una situazione è pericolosa o meno? Le nostre percezioni consentono al nostro organismo di adattarsi e vivere nell’ambiente in cui ci troviamo, quando percepiamo un qualcosa (persona-situazione-cibo-altro) come pericoloso chiaramente ci sarà una risposta a tale “sentito biologico” che a seconda dell’entità della percezione sarà più o meno incisiva.

Eliminando dalla nostra mente le paure indotte e le programmazioni distruttive, tramite una cancellazione consapevole determinata dalla conoscenza, potremo vivere una vita serena e stare al riparo da molte patologie, se ci ritroviamo in situazioni “indesiderate” di forte intensità, ricordiamoci di quanto avverrà dentro di noi e limitiamo volontariamente la tensione associata all’evento per non incappare, al termine del conflitto, in un brutto male.
Inoltre c’è la possibilità di conoscere la causa specifica delle varie malattie in modo tale da conoscere il sintomo che seguirà ad un determinato evento traumatico, chiaramente dovremmo cercare di alleggerire il conflitto per avere una riduzione della successiva malattia. Anche questo non è certo una passaggio facile, ma tant’è.
La morte biologia e il suo senso. 
La malattia non è altro che la fase finale del programma biologico di sopravvivenza agli “attacchi” dell’ambiente, se si supera questa fase l’organismo si è un po’ evoluto e riuscirà a rispondere meglio a tale trauma. Nell’ipotesi, che il conflitto prosegua per un periodo di tempo piuttosto lungo, la fase riparativa potrebbe essere di una intensità devastante, tanto da non poter essere superata e cagionare la morte. Considerato che l’organismo non ha saputo superare il conflitto(non si è saputo adattare) il programma biologico della natura non trova altra soluzione se non quella definitiva. Tranquilli di solito non si muore per questo, ma per i devastanti trattamenti farmacologici, ma quelli però sono a norma di legge e quindi va bene....

QUANDO IL CIBO FA “MALE”

A volte il nostro corpo reagisce negativamente(allergie, intolleranze, crisi epilettiche ecc.) ad alcuni alimenti specifici o altro (es pollini, metalli sulla pelle, ecc.) in quanto ha memorizzato in precedenza come “pericoloso” un evento associandolo a quello specifico elemento che in qualche modo presente all’atto dello shock e ogni volta che torna in contatto con esso attiva il programma di sopravvivenza. 

Ecco perché le allergie e le intolleranze possono far capolino in qualsiasi momento della nostra vita; vengono attivate dagli eventi che viviamo drammaticamente.
In questi casi ci sono dei metodi efficaci per dissociare tale registrazione dal nostro organismo (vedasi metamedicina) in alternativa provare a riprogrammare il corpo inducendolo ad accettare amorevolmente quel cibo tanto amato con piccolissime dosi aumentandole molto lentamente.

Il fumo e le altre sostanze nocive

Il nostro corpo ha molti sistemi di difesa e tra essi c’è anche quello di espellere tutto quello che non è compatibile con esso, quando ingeriamo qualcosa di nocivo il corpo secerne tutte le sostanze endocrine che ha a disposizione per scomporre tale veleno per poi eliminarlo in vari modi(tosse, defecazione, urina, vomito ecc.); le sostanze che non possono essere disciolte vengono incapsulate per renderle innocue e in caso di eccesso depositate in loco(i polmoni neri dei fumatori=sostanze tossiche incapsulate). Chiaramente se l’intossicazione (tossiemia) è di eccessiva entità il corpo reagirà come se avesse subito un vero e proprio attacco all’organo interessato e ci darà dei fortissimi sintomi(malattia) che ci impediranno ogni attività fino al ripristino della normalità.

Naturalmente se abbiamo un forte timore di una sostanza/alimento e la ingeriamo di frequente alla lunga la nostra paura attiverà una risposta difensiva del corpo (es. a tutti i fumatori è stato detto che il fumo causa il tumore ai polmoni e glielo hanno anche scritto sul pacchetto di sigarette, convivendo con questa paura alla lunga…., la verità, come spero avrete capito, potrebbe essere un’altra), quindi quando si mangia/ingerisce qualcosa è meglio non pensarci su troppo, non somatizzare l’evento in maniera negativa, ma godersi il momento con molta calma e senza esagerare per evitare la tossiemia acuta.
L’intossicazione genera di riflesso un abbassamento delle energie del corpo che è costretto a un superlavoro di pulizia, in questi casi una buona alimentazione (vegetali e frutta in abbondanza, meglio crudi) fornisce la miglior energia al nostro corpo consentendogli un facile smaltimento dei “rifiuti”.
La tossiemia più diffusa e che costituisce la prima causa di morte in America ed io credo anche in Italia è quella indotta dai farmaci. Chiaro!

LA QUESTIONE GENETICA

Anche qui il discorso è molto lungo e non può essere sviscerato nel dettaglio, volendo però ridurre in poche parole possiamo dire che i geni non c’entrano niente con la nostra malattia, anche quando si nasce già malati si tratta di una reazione biologica di sopravvivenza registrata dalle nostre cellule (nella membrana) in fase di gestazione/parto o da quelle dei nostri genitori e che si tramanda nelle nostre per consentirci di superare i conflitti che abbiamo vissuto direttamente/di riflesso nel grembo o quelli dei nostri genitori e trovarci preparati biologicamente al mondo in cui vengono alla luce. Si tratta di evoluzione (piccolo es. se ci trasferiamo in Africa, la nostra pelle inizia a modificarsi ed assume una colorazione scura per proteggerci autonomamente dal sole intenso a cui ancora non siamo abituati, vivendo diversi anni in tale situazione le cellule registrano tale comportamento come usuale e lo tramandano alle generazioni future che nasceranno sempre più scure per poter sopravvivere nell’ambiente in cui già vivono i genitori).
Chiaramente la questione è molto più articolata, ma comunque perfettamente in linea con le regole della natura tese all’evoluzione ed alla sopravvivenza.

UNA CURA PER TUTTO

Pian piano anche la scienza ultra riduzionistica si sta avvicinando a comprendere il potere delle emozioni, ci si è avveduti che esse muovono delle enormi energie in grado di modificare la realtà fisica, ecco perché il sistema ci tiene alla larga da esse incentivando le nostre abilità razionali, tipiche del lato sinistro del cervello tramite l’istruzione pubblica, la tv, gli svaghi moderni, l’occupazione totale del nostro tempo libero ecc. ecc, guai se prendessimo coscienza delle nostre reali potenzialità.

Ci sono delle verità personali in questa vita che quando le incontri non le lasci più, personalmente ho compreso che esiste una cura alle molteplici vicissitudini dell’essere umano, non è un rimedio, ne tantomeno un farmaco, non si vede né si può toccare, non costa nulla ma ha un suo prezzo, pervade in ogni cosa dall'atomo all’universo intero, costituisce la stragrande percentuale di tutto ciò che esiste di misurabile (5%) e non (95%),è una forza, è intelligente, dona la vita, è una forma d’energia sconosciuta alla scienza tanto che la definisce oscura, viene anche chiamata forza elettro debole, ma di debole ha solo il nome, essa genera e modifica costantemente la materia, mai nessuno è riuscito a individuarla scientificamente, nonostante ciò l’uomo può accedere ad essa ed usarla, l’uomo la percepisce come un umore, come un sentimento; si chiama AMORE.

Proviamo a fare "un salto" nelle nostre profondità potremo così scoprire la pace che vi alberga, la nostra vera essenza, il mistero del nostro respiro e la connessione permanente a quella forza che tutto pervade. Troviamo il tempo da dedicare al nostro esssere interiore che non fa parte di noi, ma che siamo noi. Noi siamo essenzialmente dentro e solo in parte fuori, limitatamente al nostro corpo fisico, non identifichiamoci nelle cose che abbiamo o che facciamo, in esse non troveremo quella forza sconosciuta che sostiene la vita e quindi ne sentiremo la mancanza e ci ammaleremo.

Se manca l'amore non arriva soltanto la malattia, ma sopraggiunge anche la morte e non solo per gli esseri viventi, ma per tutto il creato. Riuscire a comprendere questo fondamentale quanto complesso concetto è necessario per vivere bene e capire la natura della nostra esistenza.

LA RICERCA PERSONALE

Non vorrete credere a tutte queste sciocchezze vero? Dove sono le prove? Dove sono gli studi di settore?
Chi cerca trova, purché non si pretenda di trovare la verità assoluta, considerato che essa è variabile così com’è variabile(evoluzione) la natura in genere e l’uomo stesso.
Il percorso di conoscenza è personale, non si può imparare qualcosa solo perché l’ha detto qualcun altro, bisogna giungere ad una personale e profonda consapevolezza per poter accettare una verità. Gli altri possono solo indicarci la strada sta a noi decidere di percorrerla.

"Oltre il dominio della paura c'è una strada sicura, si chiama VITA."
Marcello Salas

APPROFONDIMENTI NECESSARI PER CAPIRE E PER CAMBIARE
LIBRI:

Biologia delle credenze (B.H. Lipton); Grazie dott. Hamer (C. trupiano); La medicina del futuro (G. Mambretti); La malattia è un’altra cosa (M. Pfister); Alimentazione naturale 1 e 2 (V. Vaccaro); Guarire con il metodo Gerson (C. Gerson); Cancro S.p.A. (M. Pamio); Il pensiero che cura (M. Pamio); Programmazione mentale (E. Taylor);Neuroschiavi (M. della Luna); L’Universo organico e l’utopia reale (G. Conforto); Il gioco cosmico dell’uomo (G conforto); Bleep (W. Antz); ecc. ecc.

LIBRI GRATUITI
Kankropoli (A. R. Mondini)
Il tradimento della medicina (A. R. Mondini)
1000 piante per guarire dal cancro senza chemio (G. Nacci)

Fonte: compressamente.blogspot.it

Cancro - il grande business
La causa primaria del cancro

17 commenti:

  1. Questo ci meritiamo per aver sfidato il trono dico io!
    Si tratta di evoluzione (piccolo es. se ci trasferiamo in Africa, la nostra pelle inizia a modificarsi ed assume una colorazione scura per proteggerci autonomamente dal sole intenso a cui ancora non siamo abituati, vivendo diversi anni in tale situazione le cellule registrano tale comportamento come usuale e lo tramandano alle generazioni future che nasceranno sempre più scure per poter sopravvivere nell’ambiente in cui già vivono i genitori).Da questo posso quindi dedurre che dopo un certo numero di generazioni le neonate non avranno l'imene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' per la stessa analogia che lei non ha il cervello?

      Elimina
    2. A questo quesito io non sono materialmente in grado di rispondere, dovrò chiedere una consulenza al sopracitato Vaccaro, magari scriverà una tesina tutta per me!

      Elimina
  2. Quindi un bambino di 1 anno che si ritrova con un cancro al cervello e' perche' il suo fisico biologico gli sta' mandando un segnale su un suo srile di vita che deve correggere e magari il bambino muore per colpa dello stress avuto dalla diagnosi...ho capito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sue riflessioni spaventano dalla profondità che trapelano.

      Elimina
  3. Credo che il discorso sia molto più articolato (non ci sono regole fisse ovviamente) e che l'intento dell'autore sia di dare indicazioni di base su come considerare diversamente la malattia, e di mettere l'accento su ciò che la medicina tradizionale non tiene in considerazione, o omette volontariamente. Ai futuri medici non viene insegnato tutto ..

    Poi, come al solito, ognuno è in grado di discernere. Una possibilità che ci viene normalmente negata dagli insegnamenti ufficiali. :)

    RispondiElimina
  4. Quello che dici e' giustissimo,ma questi articoli,come altri in altri campi(ufologia,esoterismo,fisica quantistica,new age ecc)a me e credo a molti,danno la sensazione di voler usare queste tematiche tanto per scrivere qualcosa,nel migliore dei casi..nel peggiore(e molto spesso),per lucrarci sopra!Tutto questo non fa altro che il gioco di chi questi argomenti vuol ridicolizzarli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Tanto per scrivere qualcosa"?
      "Lucrarci sopra"?

      Spiega meglio il concetto ..

      Oltretutto c'è chi lucra - per davvero - diffondendo menzogne (nel migliore dei casi inesattezze, anche in buona fede), tutti i giorni nelle scuole e nelle università.
      Se non siamo d'accordo su questa asserzione di base non possiamo capirci.
      L'informazione alternativa seria permette di aprire nuovi orizzonti e magari serve a rimettere in moto i cervelli anestetizzati che gli umani si ritrovano da un bel po' di tempo a queste parti. Abbiamo perso i mezzi e la capacità di pensare con la propria testa.
      Chi legge queste apparenti novità sicuramente avrà voglia di approfondire, chi su una tematica, chi su un'altra.
      Per me questo già vale tanto .. :)

      Elimina
  5. Siamo ancira d'accordo!La differenza sta nel fatto che tu a quanto percepisco ritieni questo articolo "informazione alternativa seria",io no tutto qua!Su quali dati scientifici si basa l'autore per affermare che il cancro e' un bene per il nostro corpo e se muoriamo e' solo perche' entra in gioco lo stress e la paura data dalla diagnosi?Quante persone nel mondo e soprattutto in passato sono morte di cancro sensa nemmeno sapere cosa avevano oppure quante altre sono morte anche affrontandolo in maniera serena(una di queste citata anche in questo articolo)?Questi sono argomenti seri e particolari e bisogna parlarne con cognizione di causa,no sbrodolando teorie campate in aria!Siamo tutti cincordi che lo stato d'animo influisce sul presentarsi di una malattia e sul suo esito perche' e' un processo che e' scientificamente spiegabile,ma il fatto che un cancro sia un bene per noi e' un'affermazione che per essere pronunciata DEVE avere un fondamento no essere basata sul pensiero di chi la dice,solo in rispetto delle persone che con quella malattia hanno a che fare e i suoi familiari!

    RispondiElimina
  6. E' chiaro che tutto ciò meriterebbe seri approfondimenti, e questo è soltanto un assaggio che, spero, possa indurre qualcuno a farli.
    In fondo all'articolo c'è una lista di libri ai quali l'autore fa riferimento. Tra i quali spiccano i nomi di Bruce Lipton, Hamer, Gerson, per citarne alcuni. Certo si può sempre contestare i loro studi, ma prima di tutto bisogna conoscerli. Hanno in comune il fatto che considerano le malattie, o disfunzioni, come segnali da "ascoltare". In questo senso, e anche se sembra paradossale, non c'è differenza tra un cancro o un'indigestione .. con tutto il mio rispetto e solidarietà a chi soffre di qualche malattia degenerativa, in particolare nella sopportazione di tutto l'apparato costruito intorno ad esse.
    La mia ammirazione va a chi ha intrapreso una strada "alternativa", il che significa dare prova di grande costanza, coraggio e senso di responsabilità. :)
    :)

    RispondiElimina
  7. La mia ammirazione va a chi riesce ad accettare e gestire con serenita' il presentarsi di una malattia,qualunque sia la "strada curativa" che decide di intraprendere e qualunque sia il suo esito...quelle sono a mio avviso le vere grandi persone,le quali hanno capito tutto(o quasi),sensa magari nemmeno sapere nulla sulla vigliaccheria delle case farmaceutiche,sulla demagogia di qualche "pseudo studioso" di medicine alternative o di rimedi che invece qualcosa potrebbero fare!Forse sono solo anime piu evolute,che hanno "la verita" meno latente nel proprio inconscio,non lo so e credo che sia impossibile e forse anche ingiusto saperlo,fatto sta' che trovarsi di fronte a una di queste "sconosciute" persone mi fa sentire piccolo piccolo,perche' conscio di essere impreparato ad una eventualita' del genere,benche' abbia passato anni a "studiare" e analizzare queste tematiche da svariati punti di vista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che numero verde si deve comporre per collegarsi con il suo cervello?
      O ci sono degli orari precisi in cui funziona?

      Elimina
    2. Legga con piu attenzione Steiner e vedra' che trovera' la risposta alle sue donande...ps:mentre cerca il numero verde le consiglio vivamente di cercare anche il numero di uno bravo che possa cercare di aiutarla..buonanotte

      Elimina
  8. Sarei curiosa di conoscere, Giorgio, il numero che Lei consiglierebbe di chiamare ..

    RispondiElimina
  9. Catherine, la mia locuzione si conclude con un punto interrogativo, almeno così appare nella mia videata, non so nella sua.
    Se poi comunque dipendesse dal sottoscritto ne avrei uno in mente ad hoc per il caso........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si certo. Ho soltanto risposto a una domanda con un'altra domanda. Lo so, non si fa.. ma siccome la domanda non era stata posta a me mi sono presa quella libertà.
      Forse la sua era soltanto una battuta ma avrei voluto approfondire...
      In effetti la mente (il cervello) è uno strumento meraviglioso, è solo che a volte non conosciamo bene le istruzioni per l'uso, e lasciamo che sia lei a farla da padrone ^_^

      Elimina
    2. La mente mente, Catherine, perciò se non ce se ne capacita si vive in una continua menzogna scambiandola per realtà.

      Elimina