sabato 11 agosto 2018

Forni a microonde e salute: effetti da considerare

Dispositivi innocui o sinistri aggeggi in grado di fare danni sia al livello biologico che nutrizionale? Una percentuale crescente di persone ha iniziato a prestare attenzione ai consigli degli esperti in salute olistica e sta adoperandosi per smaltire il proprio forno a microonde per via dei rischi causati dagli alimenti cotti con tale modalità.

Noi umani siamo i soli esseri del pianeta che distruggono il valore nutritivo del loro cibo prima di ingerirlo, e tutto ciò avviene anche mediante l'uso delle microonde.

Le microonde sono una fonte di energia elettromagnetica (una forma di radiazione non ionizzante) generata elettronicamente.

Le microonde scatenano una rotazione delle molecole d'acqua all'interno degli alimenti in cui penetrano. Tale rotazione causa un violento attrito tra le molecole ed il risultato è un rapido incremento della temperatura ...


I forni a microonde adoperano particelle super-veloci per irradiare letteralmente l'acqua contenuta all'interno degli alimenti e portarla ad ebollizione. Il loro uso, oltre ad essere stato individuato come causa di infertilità maschile, denatura molte proteine ​​essenziali contenute nei cibi, rendendole praticamente indigeribili.

La maggior parte degli animali consuma solo cibo naturale e non trasformato; invece gli esseri umani sono riusciti a trovare il modo di rendere il cibo inutile dal punto di vista nutritivo, prima di ingerirlo. Pensate a tutti gli alimenti preconfezionati e trasformati che acquistiamo e consumiamo ogni anno. Non c'è da meravigliarsi se lo stato della nostra salute sia piuttosto precario.

Le microonde agiscono a livello fisico, biochimico e fisiologico; i loro ioni producono radicali liberi che distruggono i virus ed i batteri ma non le tossine e le micro-tossine. Gli esperti hanno concluso che il cibo cotto al microonde perda tra il 60% e il 90% della sua energia vitale e sia molto più veloce nel disintegrarsi strutturalmente. I nutrienti risultano alterati e possono causare malattie digestive. Inoltre le microonde possono incrementare il numero di cellule cancerose nel sangue, nello stomaco e nell'intestino.

La dispersione di radiazioni provocata dalle microonde è un problema serio. Talmente serio che la FDA ha impostato delle severe restrizioni legali in merito alla quantità di dispersione nei dispositivi prodotti dalla industria. Tuttavia, l'unico modo per eliminare del tutto i pericoli connessi alle radiazioni da microonde, è non usarle. E' stato appurato che le radiazioni da microonde siano collegate a cataratta, malformazioni fetali, tumori ed altre gravi patologie.

Proprio per via di tali cause i forni a microonde sono stati banditi in Unione Sovietica nel 1976. Scienziati sovietici hanno scoperto che l'esposizione alle microonde riduca l'assimilazione di alcune vitamine, acceleri sensibilmente la disintegrazione strutturale degli alimenti e susciti lo stress metabolico di alcaloidi, glicosidi e galattosi.

Nel 1991 il medico svizzero Hans Ulrich Hertel realizzò uno studio con cui dimostrò che la cottura o il riscaldamento di alimenti al microonde presenti rischi molto maggiori per la salute rispetto agli alimenti cotti in maniera tradizionale. Riscontrò sensibili cali di emoglobina e linfociti.nei soggetti che mangiavano cibi cotti al microonde.

Nel 2003 uno studio elaborato dal governo spagnolo in Murcia dimostrò che le verdure e la frutta cotte con microonde perdono ben il 97% delle sostanze che contribuiscono a ridurre l'incidenza delle malattie coronariche.

Nel libro Effetti sulla Salute delle Radiazioni a Microonde - Forni a Microonde la dott. Lita Lee asserisce che le radiazioni elettromagnetiche prodotte dai forni a microonde danneggino i cibi e convertano i relativi elementi in pericolosi prodotti organo-tossici e cancerogeni.

In studio uno comparativo tra le pietanze preparate tradizionalmente e quelle cotte nel forno a microonde, edito dalle edizioni Raum & Zelt nel 1992, si afferma:

"Le microonde prodotte artificialmente, incluse quelle dei forni, causano in un solo secondo oltre un miliardo di forzate inversioni di polarità di ogni molecola contenuta degli alimenti colpiti. Tutto ciò rende inevitabile la produzione di molecole innaturali. Negli aminoacidi si riscontrano mutazioni degli isomeri ed una trasformazione in forme tossiche."


Non esistono atomi, molecole o cellule di ogni sistema organico in grado di sopportare una simile potenza distruttiva, anche nella gamma a bassa energia dei milliwatt.

Le microonde distruggono rapidamente le delicate molecole di vitamine e fito-nutrienti naturalmente presenti negli alimenti. Uno studio ha dimostrato che il forno a microonde distrugga fino al 97% del contenuto nutritivo delle verdure (vitamine e altri nutrienti a base vegetale utili nella prevenzione delle malattie e nella stimolazione delle funzioni immunitarie).

Il dottor Hertel è stato il primo scienziato a concepire e realizzare uno studio clinico di qualità sugli effetti che i nutrienti scaldati con le microonde producono sul sangue e nella fisiologia del corpo umano.

Il suo piccolo ma ben controllato studio ha dimostrato la forza degenerativa prodotta nei forni a microonde con la conseguente trasformazione degli alimenti.

La conclusione scientifica ha dimostrato che la cottura con le microonde modifichi i nutrienti nel cibo, e che ciò comporti una serie di mutamenti nel sangue dei soggetti esaminati, situazione potenzialmente in grado di causare deterioramenti nell'organismo umano.

Lo studio di Hertel è stato realizzato in collaborazione con il dott. Bernard H. Blanc dell'Istituto Federale Svizzero di Tecnologia e l'Istituto Universitario di Biochimica.

12 Effetti causati dalle microonde

1 - Frattura del "campo di energia vitale" in coloro che sono esposti ai forni a microonde in funzione, con effetti collaterali di durata crescente sul campo energetico umano;

2 - Degenerazione dei paralleli di tensione cellulare durante l'utilizzo dell'apparecchio, specialmente nelle aree sanguigni e linfatici;

3 - Degenerazione e destabilizzazione delle potenzialità energetiche alimentari nei processi del metabolismo umano;

4 - Potenziale degenerazione e destabilizzazione delle membrane cellulari durante il trasferimento catabolico dal processo digestivo al siero sanguigno;

5 - Degenerazione degli impulsi nervosi elettrici nella parte anteriore del cervello in cui risiedono le maggiori funzioni del pensiero;

6 - Degenerazione dei circuiti elettrici nervosi e perdita di campo dell'energia simmetrica nei neuroplessi [centri nervosi] sia nella parte anteriore che in quella posteriore del sistema nervoso centrale;

7 - Perdita di equilibrio delle forze bioelettriche all'interno del sistema di attivazione reticolare ascendente [il sistema che controlla la funzione della coscienza];

8 - Crescente perdita a lungo termine delle energie vitali all'interno di esseri umani, animali e piante che si trovavano all'interno di un raggio di 500 metri delle attrezzature operative;

9 - Effetti residui di lunga durata di "depositi" magnetici sono stati localizzati nel sistema nervoso ed in quello linfatico;

10 - Destabilizzazione e interruzione nella produzione di ormoni e nel mantenimento dell'equilibrio ormonale in maschi e femmine;

11 - Livelli nettamente più elevati di disturbo delle onde cerebrali in alpha, theta, delta;

12 - Come conseguenza del suddetto disturbo sono stati notati effetti psichici negativi, tra cui riduzione della memoria e della capacità di concentrazione, soppressione della soglia emotiva, decelerazione di processi intellettivi, e interruzioni del sonno, in una percentuale maggiore rispetto ad individui non sottoposti continuativamente agli effetti di campo emissivo di apparecchi a microonde, che siano per fini di cottura o di trasmissione dati (v. correlati).

Quanto più si usa il forno a microonde, tanto peggiore diventa lo stato nutrizionale, e più elevate diventano le possibilità di contrarre patologie che indurranno ad assumere farmaci, i quali - naturalmente - creeranno altri squilibri, avviando così una pericolosa spirale discendente.

Di tutte le sostanze naturali - che sono polari - l'ossigeno delle molecole d'acqua è quella che reagisce più sensibilmente. E' in questo modo che viene generato il calore per la cottura a microonde. Le radiazioni colpiscono con violenza le molecole d'acqua producendo un attrito. La struttura ne risulta lacerata, e le molecole vengono deformate attraverso la forza, denominata isomeria strutturale, risultando così compromesse in termini di qualità.

Il procedimento è opposto al riscaldamento dei cibi convenzionale in cui il trasferimento del calore avviene dall'esterno all'interno di una pietanza. La cottura con microonde inizia all'interno delle cellule e molecole in cui è presente acqua e dove l'energia viene trasformata in calore mediante attrito.

Quanto segue è la sintesi dei riscontri ottenuti da una serie di ricerche russe pubblicate dalla Atlantis Raising Educational Center di Portland, Oregon:

Le carni cotte a microonde sviluppano d-Nitrosodienthanolamines, noto cancerogeno.

Nel latte e cereali cotti a microonde avviene la conversione di alcuni aminoacidi in sostanze cancerogene.

La frutta scongelata al microonde converte le su frazioni glucoside e galattoside in sostanze cancerogene.

L'esposizione di verdure crude, cotte o surgelate alle microonde provoca la conversione di alcaloidi vegetali in sostanze cancerogene, tra cui radicali liberi, in particolare in ortaggi a radici.
I ricercatori russi hanno poi riscontrato una netta accelerazione del degrado strutturale dei cibi che porta ad un valore nutrizionale abbattuto dal 60 al 90% in tutti gli alimenti testati.

Tra i cambiamenti osservati si registrano lo scadimento della bio-disponibilità delle vitamine del complesso B, C, E, minerali essenziali e fattori lipotropi in tutti gli alimenti testati, e vari tipi elementi danneggiati in molte sostanze vegetali, ad esempio alcaloidi, glucosidi, galattosidi e nitrilosidi.

Secondo il Dr. Lee si riscontrano cambiamenti ematochimici tra i consumatori di alimenti scaldati al microonde. Tali sintomi possono essere facilmente causati dalle cause riportate di seguito.

- Disturbi linfatici, con conseguente diminuzione della capacità di prevenire alcuni tipi di tumori.
- Incremento del tasso di formazione di cellula cancerosa nel sangue.
- Maggiori probabilità di tumori allo stomaco ed intestino.
- Tassi più elevati di disturbi digestivi e degenerazione dell'apparato d'evacuazione.
- Decremento delle qualità nutritive dei cibi, tra cui: diminuzione della biodisponibilità [capacità del corpo di utilizzare il nutrimento] di vitamine del complesso B, C, E, minerali essenziali e lipotropi in tutti gli alimenti; perdita del 60-90% del contenuto del campo energetico vitale di tutti gli alimenti testati; riduzione del comportamento metabolico e della efficienza nel processo di integrazione degli alcaloidi [elementi a base di azoto organico], glucosidi, galattosidi e nitrilosidi; distruzione del valore nutritivo delle nucleoproteine ​​nella carne; marcata accelerazione della disintegrazione strutturale di tutti gli alimenti.

Come riscaldare il cibo in modo sano

In realtà di tratta di un'espressione impropria, dal momento che - escludendo forse la disidratazione - non esiste alcun modo di riscaldare il cibo e mantenere intatto il suo valore strutturale e nutrizionale. Tuttavia un blando riscaldamento in una padella di ferro su un fornello è una alternativa decisamente più sana rispetto al bombardamento delle sue molecole mediante microonde. Insomma il vecchio sistema che usavano i nostri nonni.

Sforzarsi di inserire nella dieta almeno un 50% di cibi crudi sarebbe un enorme passo nella giusta direzione. Mia madre diceva che se il cibo proviene da un pacchetto o deve essere riscaldato per essere mangiato, c'è un'ottima possibilità che sia a basso contenuto nutritivo. In linea di massima aveva ragione, ed è un consiglio da tenere a mente quando ci si avventura nei corridoi di un supermercato.

eutimes.net
http://hungerforhealth.com/?p=206
Articolo in lingua inglese, pubblicato sul sito Prevent Disease
Link diretto:
http://preventdisease.com/news/14/072314_12-Facts-About-Microwaves-Should-Terminate-Their-Use.shtml

Fonte: www.anticorpi.info

11 commenti:

  1. Eccellente articolo ben fatto e completo, professionalmente conosco bene le tematiche.
    Se si dicono alle persone queste informazioni ti mandano a quel paese, risposta che ho ricevuto: Il dottere dice che va bene e io sto a quello che dice il dottore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Professionalmente io non le conosco affatto, ma mi sembrava un articolo curato e ben articolato.
      Grazie!

      Elimina
    2. Tanto per stare nel tema microonde
      Non ci sono solo i forni e i telefonini la tematica è ampia, complessa e assai preoccupante per l'ambiente e la salute.

      Nei giorni scorsi per il sito http://www.nogeoingegneria.com/ ho tradotto un articolo
      - Frequenze radio a microonde e i satelliti in orbita terrestre stanno causando il riscaldamento globale o cambiamenti climatici -

      Il commento tecnico indipendente finale è mio, appena viene pubblicato vale la pena di leggerlo una informazione in più.

      Gianni

      Elimina
    3. Grazie! Sto scoprendo ora il blog. Molto interessante.
      Ma non ho visto sulla home l'articolo specifico di cui parli.
      Puoi darci il link diretto? Grazie :)

      Elimina
    4. Chiedo alla responsabile Maria Heibel di cui hai pubblicato un suo articolo quando lo inserisce e te lo comunico

      Gianni

      Elimina
    5. Ok grazie.
      L'articolo di cui parli non lo ricordo però..

      Elimina
    6. Ciao, Catherine; l'articolo forse potrebbe essere questo: https://crepanelmuro.blogspot.com/2018/08/gli-alimenti-radio-zombie.html
      Sempre grazie per i tuoi interessanti articoli!

      Elimina
    7. Si certo, hai ragione. Grazie, non avevo memorizzati il nome dell'autore dell'articolo.
      Grazie a te :)

      Elimina
    8. Siamo ormai cronicamente immersi nelle microonde artificiali giorno e notte: telefoni cellulari (oltre 5 miliardi nel mondo), ripetitori per garantirne il funzionamento, telefoni cordless (2 miliardi nel mondo), tecnologie wireless (= che non utilizzano fili, ma antenne, le quali diffondono microonde negli ambienti), e poi anche i forni a microonde. Lascio dei links afferenti al tema per chi ne fosse interessato:
      http://ilquieora.blogspot.com/2013/12/danni-del-wi-fi-e-business-intervista.html (intervista a Rosario Marcianò) “…Le microonde sono particolarmente dannose poiché attraversano la barriera emato-encefalica [Electronics Australia Magazine Feb/00]. Con un decimillesimo di watt, la barriera emato-encefalica si apre e le proteine del sangue all'interno interrompono segnali del cervello ed iniziano ad uccidere le cellule cerebrali. Un telefono cellulare trasmette tipicamente a 2 watt. Dopo soltanto due minuti di impiego d’un telefono cellulare o seduti vicino a un router Wireless oppure ad un notebook collegato in Wireless o ad un telefono senza fili, si altera l’attività elettrica degli ioni calcio nella barriera emato-encefalica. In questo modo le proteine e le tossine del sangue entrano nel cervello. Il Dr. Leif Salford ha trovato un "numero impressionante di cellule neuronali morte”, in conseguenza di una singola chiamata al cellulare.
      Non bisogna stupirsi: si determinano difficoltà di concentrazione, perdita di memoria, comportamento aggressivo, invecchiamento accelerato, una ridotta capacità di apprendimento e la demenza, il morbo di Alzheimer ad esordio precoce, il Parkinson, fibromialgia, sclerosi multipla e gliomi (tumori cerebrali).
      "Esiste una forte evidenza che le microonde sono associate all'invecchiamento accelerato (morte cellulare e cancro) depressione, suicidio, impeti di collera, violenza, in primo luogo attraverso l'alterazione dell’equilibrio degli ioni di calcio nelle cellule e lo squilibrio della melatonina nonché della serotonina", scrive il ricercatore neozelandese, Dr. Neil Cherry, esperto in elettrosmog.” …

      http://www.nogeoingegneria.com/effetti/salute/finiremo-tutti-dentro-un-grosso-forno-a-microonde-mondiale-per-la-comodita-del-wi-fi-globale/

      Dott. Martin Blank: “Sono qui per dirvi che abbiamo creato qualcosa che ci sta pregiudicando, e che è fuori controllo” (http://www.hackthematrix.it/?p=10393 )

      https://www.dionidream.com/wi-fi-la-morte-invisibile-che-sta-distruggendo-le-nuove-generazioni/

      https://freeanimals-freeanimals.blogspot.com/search?q=microonde

      http://www.tankerenemy.it/search?q=microonde#.W3MAXM4zbIU

      http://www.nogeoingegneria.com/campo-elettromagnetico/le-radiazioni-5g-fanno-male-170-scienziati-per-la-moratoria/

      Elimina
    9. La scelta delle UHF e microonde per le telecomunicazioni non è casuale, è una scelta basata su considerazioni di ordine antisalutistiche e di controllo.
      Tecnicamente parlando frequenze più basse e di conseguenza innocue o quasi vanno altrettanto bene.

      Gianni

      Elimina
  2. Quando vivevo in Nord Europa ho fatto uso abbastanza sconsiderato di forno a micro onde, e sono convinta che il mio tumore sia stato in parte dovuto anche a quello, insieme a tutta una serie di concause spirituali e ambientali.
    Inutile dire che in Italia non ne ho mai acquistato o avuto uno, e cuocio tutto a vapore o velocemente in padella o nel wok.
    In estate vado molto di verdure crude dell'orto e frutta e i benefici li noto e li vivo su me stessa, per fortuna anche mia madre e la famiglia del mio compagno sono nemici del micro onde e mangiano abbastanza sano pur non essendo vegani, propendono per il vegetariano e pesce appena pescato.
    La tragedia di chi si trasferisce in Nord Europa per lavoro come ho fatto io anni fa è che comincia per forza di cose, la mancanza di tempo in primis, ad assumere pessime abitudini pur provenendo da una cultura mediterranea che è totalmente estranea alla cottura col microonde, e finisce per ammalarsi. Le popolazioni nordiche non hanno alcun senso del cibo e della nutrizione, ed è il motivo principale per il quale non ho voluto restare a vivere all'estero mesi fa, preferisco vivere di patate e cipolle del mio orto e avere due spiccioli in tasca che sopravvivere in luoghi senza sole e senza alcuna cultura alimentare e della salute.

    Anna

    RispondiElimina