mercoledì 11 luglio 2018

L’ERA DORATA DEI GANS

I GaNS (Gas in Nano State) rappresentano la soglia di comunicazione ‘fisica’ tra la dimensione che tutti abbiamo imparato a conoscere e le meraviglie scoperte dal Dr. Keshe.

Facendola molto semplice, i GaNS sono atomi di un elemento chimico totalmente privi di legami, il che li rende molto ricettivi nei confronti dell’ambiente e delle energie magneto-gravitazionali in esso diffuse. Per certi versi possiedono caratteristiche simili a quelle dei gas nobili, tuttavia rappresentano quello che potremmo definire un nuovo stato della materia.

Prima di iniziare a parlare dell’argomento dobbiamo chiarire alcuni termini e come ESSI vengono usati

GANS: è il nuovo stato della materia, tramite dei processi si portano i gas ad uno stato solida a temperatura ambiente e a pressione ambientale ...


STRATO DI NANOSTRUTTURA: 

Si causa uno shock sullo strato superficiale di un metallo tramite l’esposizione ai vapori caldi della soda caustica. Questo crea un specie di effetto microonda sulla parte più superficiale del metallo e ne cambia la struttura. 
 Si fanno cicli di esposizioni ai vapori e immediata asciugatura, durante l’asciugatura si fa passare un leggero flusso di corrente tramite elettrodi per dare un certo imprinting. 

La parte superficiale cambia le sue caratteristiche rispetto al metallo sottostante e diventa una specie di strato isolante con delle peculiari caratteristiche “magnetiche e gravitazionali”.


UTILITA’ DELLA TECNOLOGIA GANS

L’idea di rimuovere i gas serra dall’atmosfera non è che uno degli aspetti che questo processo porta.

Consideriamo altro.

Catturare i gas e materializzarli in forma di GANS ci procura un modo per usare la materia per produrre energia, miglioramento della crescita della vegetazione, nuovi tipi di carburante, additivi per consumo e mezzi per fare ricerca.

Il GANS atomico e molecolare sta diventando velocemente un mezzo per dare all’umanità il migliore modo per prendere dall’atmosfera e dall’ambiente materiali sconosciuti in modo semplice.

Alcuni esempi di GANS

Il primo Gans presentato da Keshe è quello ricavato dall’assorbimento del CO2 .

Questo gans è quello che si produce con il Kit in vendita di Keshe.

Viene prodotto mettendo una placchetta di rame al quale viene fatto una nanocopertura tramite trattamento con soda caustica e una placchetta di zinco parzialmente immerse in una soluzione di acqua demineralizzata salata con sale non iodato.

Le due placchette non si devono toccare ma devono essere collegate con dei filamenti di rame (nella parte emersa) . dopo un giorno comincia a depositarsi sul fondo una specie di gelatina che rappresenta l’anidride carbonica catturata dalle placchette e trasformata in uno stato di GANS. In questo caso il Gans risulta di un bianco lattiginoso. Questo tipo di Gans è molto utile come fertilizzante, permette di fare crescere la vegetazione a temperature piu basse del normale e dona energia vitale alle piante. Il Co2 gans è perfetto per la depurazione dell’acqua

Dal documento di Keshe: “Assorbimento diretto di diossido di Carbonio e gas metano dall’ambiente e loro conversione in soluzione nano e materiale solido nano e produzione di energia e ossigeno usando il compound nano a temperatura e pressione ambientale”

..Abbiamo sviluppato un semplice sistema per il quale diossido di carbonio CO2 e gas metano CH4 possono essere estratti dall’ambiente senza uso di calore o pressione. Nelle stesse condizioni si può far si che in questi sistemi si abbia la conversione di CO2 ,che senza passare per processi chimici porti alla creazione di metile ossigeno e gas metano e viceversa. Inoltre durante questo processo di estrazione e conversione siamo riusciti a produrre energia usabile e molecole di ossigeno in modo sostenibile.

La novità di questo processo è che si riesce a estrarre l’anidride carbonica a temperatura e pressione ambiente e senza usare energia. Allo stesso tempo abbiamo sviluppato una semplice tecnica per catturare l’energia rilasciata durante il processo di assorbimento e conversione dell anidride carbonica catturata e la sua trasformazione in acido formico.

Attraverso questo semplice sistema si ha la capacità do replicare i processi in un modo naturale come fanno le piante quando convertono CO2 in ossigeno.

Con questa tecnologia i gas CO2 e CH4 sono assorbiti e attratti entro la soluzione nel loro nano stato e quindi riescono ad amalgamarsi e a produrre un tipo di gel residuo e quindi formano dei nano sedimenti.

La CO2 rimante nel suo stato di gel come materiale nano nella soluzione grazie alla sua struttura di cristallo diamantifero, o grazie alla struttura del suo cristallino, questo crea un legame molecolare non adesivo simile a cristalli del diamante. . Questo non permette a piu di un certo numero di strutture molecolare di aderire tra di loro. Il nano materiale una volta raggiunto un livello molecolare gravitazionale, come cristallo, non permette a piu di un certo numero di nano molecole di CO2 di attaccarsi e formano indipendenti nano cellule di materia. Pertanto tutti i cluster di CO2 in soluzione hanno una certa dimensione ed è questo il motivo per cui essi rimangono come nuvole o gel entro la solzuione.

…Durante il processo dell’estrazione del CO2 con opportune configurazioni si possono fare dei collegamenti che provocano un piccolo differenziale energetico in grado di fare accendere dei diodi e questo processo di creazione elettrica può continuare per anni. E’ stato riscontrato che durante questo processo di cattura di CO2 e di produzione di corrente utile, grazie allo specifico settaggio della configurazione del sistema , che da il via ad una catena di reazione di acido formico che porta poi alla produzione di mentano (CH4) o idrogeno, cioè quello che succede è che il sistema assorbe metano dall’ambiente.. Il CO2 estratto da questa configurazione è una nano struttura che si comporta come un superconduttore. Il processo continua per giorni e settimane prelevando materiale dall’ambiente.

Nel processo del funzionamento del sistema, l’area attorno agli elettrodi (che sono stati sottoposti a specifici trattamenti), comincia ad essere circondata da una nuvola biancastra Dal punto di vista dell’ambiente attorno agli elettrodi si inizia a creare una nebbia di materiale biancastra e gradualmente l’intero contenuto diventa come un liquido lattiginoso e quindi un sedimento bianco si crea nel contenitore. Da dei test con spettroscopio si può confermare che il materiale nella soluzione è diossido di carbonio e il nano stato di questo materiale è stato confermato da un secondo test , anche questa sostanza mostra comportamenti di superconduttore.

Con questo tipo di tecnologia di assorbimento di anidride carbonica , fino a che si continua a estrarre nano CO2dall’ambiente o da un ambiente circondante di acqua, il CO2 assorbito può essere rimosso senza bisogno di cambiare l’acqua. In pratica abbiamo un numero di volte in cui possiamo prelevare il Gans di CO2 dalla stessa acqua nel contenitore. La sola riduzione dell’acqua è dovuta a vaporizzazione o quando essa diventa parte di quello che preleviamo. Questo è un punto veramente cruciale ed è da questo punto in cui questa tecnologia si distacca dalla presente scienza e chimica e diventa una cosa a se stante basato su un sistema di gravitazione nucleare..

Se si trattasse di un sistema che si basa su una reazione chimica, il CO2 contenuto nell’acqua si sarebbe fissato e quindi avrebbe avuto un rapporto di equilibrio e ci sarebbe stato un contenuto definito di CO2 nell’acqua e questo valore sarebbe rimasto fisso. Questo sistema è creato in modo da creare un forte ma invisibile sistema di campi magnetici e gravitazionali entro le zone degli strati degli elettrodi . Questi elettrodi, essendo degli elementi posizionati gravitazionalmente possono creare la spinta gravitazionale che porta ad assorbire le molecole di CO2 dall’acqua e attraverso i confini dell’acqua senza che il CO2 in forma di nano molecola interagisca chimicamente con le molecole dell’acqua contenute nel sistema e siano soggetti a processi chimici . Se non fosse così come sarebbe possibile che gli elettrodi profondamente immersi nel liquido siano in grado di estrarre CO2 dall’aria soprastante il liquido e portarla nel materiale dell’elettrodo affinché possa essere separata come molecole individuali di CO2 su una base continua, visto che è possibile prelevare questi materiali dallo stesso contenitore continuativamente per settimane.

Questa soluzione di materiale CO2 sembra come il mercurio o come un gel, se si tocca sembra freddo, e non si attacca molto al contenitore.

Quando una parte del sistema comincia ad assorbire il gas metano dall’ambiente l’acqua contenuta in queste sezione del sistema energetico inizia a diventare blu verdastra o blu violetta, simile al colore del metano in stato solido.



Questo gans verde/blu proviene dagli elettrodi di rame usando concentrazioni diverse di bicarbonato di sodio, più è concentrato il sodio e più il gans diventa verde, meno concentrazione dona un colore più blu.
Il materiale arancio proviene dagli elettrodi di ferro in acqua salata.



Articoli correlati:
GANS E IDROGEL – UN CURIOSO MODO DI USARE I GANS
Keshe: possiamo pulire l'atmosfera dalla CO2 facilmente e possiamo farlo ora
Che cos’è la materia secondo Keshe
Mostrato al mondo il generatore Keshe
Come si produce l’Acqua di GaNS, e a cosa serve?

13 commenti:

  1. Ancora si parla di questo keshe???!!!dai su

    RispondiElimina
  2. La Keshe Foundation esiste ancora a quanto ne so, e alcuni hanno lavorato molto sulle ricerche che sono state divulgate tramite link OneDrive nel 2014 (ma ben prima, nel 2012, ai governi singoli).
    Tanti ne hanno scaricato l'intero contenuto. Ora non so dove si può trovare perché i link dell'epoca non sono più disponibili. Ma c'era un sacco di materiale interessante su cui lavorare :)
    Perché ti sorprende? ..
    Per recuperare il contenuto puoi leggere qui, nei commenti :)
    https://crepanelmuro.blogspot.com/2014/03/keshe-foundation-nuovo-annuncio.html

    RispondiElimina
  3. Qui un altro parere su Keshe, potrebbe interessare qualcuno: https://crepanelmuro.blogspot.com/2012/12/ing-keshe-ci-sei-o-ci-fai.html

    RispondiElimina
  4. E qui il parere di Massimo Mazzucco (nel 2012):
    https://crepanelmuro.blogspot.com/2012/12/ing-keshe-forse-qualcosa-ce-davvero.html

    RispondiElimina
  5. Teatrino ben costruito per ricevere donazioni

    RispondiElimina
  6. Della storia di Keshe conosco ancora troppo poco per poter esprimere un parere su di lui, ma una cosa la so per certo, essendo GUARITA da un tumore col veganismo crudista e con i preziosissimi consigli di Valdo Vaccaro: da qualunque malattia NON si guarisce con la medicina ufficiale, con quella si sta solo sempre male e si diventa drogati di farmaci.
    Per cui chi ha una consapevolezza particolare su questi argomenti di sicuro non si rivolge all'oncologo o medico di base perché sa che qualunque male del corpo non parte dal corpo stesso ma dall'anima, ed è quella che bisogna guarire, non il tumore.
    Le malattie non si combattono, si accolgono con amore e si guariscono con amore, e si accolgono come una benedizione perché finalmente il corpo ha trovato il modo di comunicare con l'anima e dirle cosa c'è da cambiare.
    Ci sono persone che guariscono dai tumori con acqua e zucchero, perché è la mente che comanda, e se la mente vuole vivere il corpo guarirà di conseguenza.
    Conosco decine di persone a cui erano stati dati pochi mesi di vita, hanno mandato gli oncologi e i loro metodi terroristici a quel paese e hanno continuato a vivere, amare, gioire delle piccole cose: sono ancora qui, e la mia stima nei loro confronti è senza prezzo.
    Come dico sempre, ad ogni consapevolezza la sua cura (ma non la guarigione senza consapevolezza!!), ma non ho a ben volere chi vuole fare lo scettico a oltranza senza nemmeno capire di cosa si parla e aver provato su di sé determinate esperienze.

    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo tu abbia confuso post,cmq bel messaggio in buona parte condivisibile

      Elimina
    2. Si lo so questo articolo parla d'altro ma io ho voluto ricongiungerlo a quanto scriveva Mazzucco nell'articolo linkato da Catherine perché conoscendo da poco questo blog volevo commentare unendo i vari punti.

      A.

      Elimina
  7. Magari la parte sul fatto che le malattie si accolgono con benedizione perche e' l anima che trova il modo di comunicare con il corpo non la esporrei ad una riunione di malati di cancro da esposizione all amianto(tanto per fare uno di mille esempi)altrimenti credo che le loro anime troverebbero un altro modo per comunicare con il tuo corpo...;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh non è colpa mia se queste persone non hanno sufficiente consapevolezza e mi mandano a cagare.
      Di fatto a loro il tumore resta perché non ne comprendono le cause vere e non hanno assolutamente un legame col loro corpo, non lo ascoltano, e soprattutto e peggio di tutto delegano a cialtroni la loro salute, perché trattano il loro corpo come una macchina che va portata dal meccanico quando non parte, non carbura o ha incidenti.
      Il male per loro è un nemico da estirpare anziché usarlo per ricongiungersi al proprio Sé superiore.

      Se credono di guarire con la chemio facciano pure, d'altronde chi non comprende nemmeno che la morte è solo un passaggio fa del tutto per restare ancorato a questo pianeta, peccato che paradossalmente in genere gli va male.

      A.

      Elimina
  8. Gli estremismi son brutte bestie e non portano mai a qualcosa di buono...cmq non mi hai spiegato cosa centra la comunicazione dell anima con il corpo e laver respirato fibbre di amianto,o glifosato o abitare a taranto o nella terra dei fuochi....presumo mi dirai che le anime di queste persone hanno fatto si che i loro corpi andassero a ficcarsi in quelle situazioni,magari anche quelle di un bambino che nasce li'...magari l anima si era dimenticata di dire una cosa al corpo prima che si sviluppasse nell utero e gli ha donato un bel tumore al cervello per poter rifare due chiacchere?ops ma il neonato come fa a decidere di curarsi con vaccaro?mmmm forse l anima del bambino voleva dire qualcosa a quella della mamma e non potendo regalargli una simpatica metastasi al seno non ha potuto fare altro che provare con il neonato...si dai potrebbe tornare!immagino tu sia costi' ad aspettare amorevolmente che ti torni un noduletto per accoglierlo con amore e poter scbiare ancora due parole con la tua anima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo scetticismo estremo unito ad una visione meccanicistico- materialista della vita porta pessimi frutti allo stesso modo.

      Ripeto, ad ognuno la propria consapevolezza.

      Elimina