martedì 9 giugno 2015

Il suono della Luce

Tiziano Bellucci

In ogni forma illuminata dalla Luce è incantata l’eco di un Suono primordiale, che attende da ora sino alla fine del mondo, di essere un giorno udita dall’uomo.

Suono antico che fu forza, evento, comando: energia capace di generare mondi. A mezzo di esso venne ad esistere la Luce, e tramite essa divenne visibile la Sua esistenza. Suono e Luce erano allora una cosa sola: ora sono due cose.

Quel Suono non era solo vibrazione fisica, ma sostanza di vita: pulsare ritmico di leggi planetarie e stellari, di notti e giorni, di spazi e forme, di cuori e anime. Quella Luce non era solo irradiazione luminosa, ma diventò forza di conformazione del minerale, capacità vitale del vegetale, facoltà motoria dell’animale, pensiero nell’uomo.

Musica cosmica: matematica e geometria turbinante nel cosmo, configurante esistenze e coscienze. Armonia perfetta inudibile ad orecchi umani, in perenne e costante movimento in ciò che vive, nell’intervallo di ogni vita e di ogni morte ...


Luce-pensiero; Suono-vita: Agire cosmico.

La Luce sonora cadde: e si spense nelle tenebre della coscienza umana; brillò e brilla tuttora per inosservati attimi, così che il mondo smise di conoscerla.

La Luce è la vita nascosta degli enti: le cose sono fatte di Luce. La materia è solo l’aspetto esteriore della Luce, è Luce condensata: la salma della Luce. Mediante l’occhio le cose appaiono, perché si “vestono” di Luce: la Luce dell’anima dell’uomo, s’incontra con la Luce della materia; è un ritrovarsi fra luci e spiriti.

Tutto il soffrire dell’uomo è il non vedere la vera Luce, pur constatando che Essa illumina il mondo, da dietro le cose. L’uomo crede di vedere la luce, non sa di non vederla: non sa che il suo soffrire è appunto il non vederla, credendo di vederla quando guarda il mondo.

La Luce è potenza d’idea; un’immagine di un’Essenza che affiora, che emerge misteriosamente e innatamente nell’anima, ogni qualvolta lo sguardo dei sensi percepisce le cose illuminate. La luce, mediante il Sole, irraggia nel mondo illuminando le cose; Essa rende visibili le cose, ma non sé stessa. Mentre nel mondo essa si esplica come “illuminazione”, nell’uomo diviene invece facoltà di Pensiero.

Il pensiero è la Luce del Logos. Il Logos è Dio. Ogni pensiero dell’uomo è Luce perduta, voce del Logos caduta. L’Universo pensa nell’uomo, ma l’uomo non avvedendosene, rende così individuale il pensiero, isolandolo e distaccandolo dall’Universo. La Luce cade, si sacrifica affinché l’uomo possa conoscere il mondo sensibile.

L’occhio è il veicolo terrestre della luce; ma il vero occhio dell’uomo è il cuore: tuttavia l’uomo non lo utilizza; usa invece il cervello. Affinché il cuore possa percepire la Luce e il suo Suono, e quindi ottenere la vera Conoscenza (conoscenza del cuore), l’uomo deve prima edificare in sé forze di coscienza mediante il cervello. Il cervello frantuma la luce. L’uomo ha in sé la Luce che è Spirito: l’atto visivo è l’incontro della Luce interiore con la Luce esteriore emanata.

Ogni desiderio e anelito che l’uomo ha verso il sapere e il godimento delle cose della vita, si basa sulla ricerca inconsapevole di quella Luce e di quel Suono perduto. 

Sino a che sulla Terra vi saranno ancora uomini che si limitano solo ad osservare, a commentare, a giudicare e ad appropriarsi per il proprio godimento le cose del mondo, quel Suono e quella Luce non saranno né visibili, né udibili. E sempre appariranno divisi, mai una cosa sola. Mentre in realtà non sono mai stati separati. Così come l’uomo mai è stato separato dall’universo.

Il mondo che l’umano vede non esiste solo per farsi guardare o usare: attende di essere conosciuto per ciò che è realmente, non per quello che appare. Il problema è che l’uomo crede di essere sveglio, mentre egli non fa altro che vivere il sogno della sua vita. Non sa che sta dormendo. “Nel sogno crediamo di vivere in qualcosa di reale; nella veglia ci sentiamo nella realtà: ma quale è il vero sogno e la vera realtà? Sia qua che là pare mancarci il mezzo per discernere il vero.”

L’arcano mistero smette di essere tale, quando si viene a sapere che vi è un’altra condizione di realtà: l’unica, la sola vera realtà. Così come svegliandosi da un sogno ci si accorge che esso non era reale, ci si può svegliare dalla veglia e ridestarsi ad uno stato di coscienza superiore per ora inconosciuto, e accorgersi che neppure la veglia era la realtà.

E’ come quando, guardando fuori immersi in una fitta nebbia, d’improvviso comparisse davanti una chiara figura, diradando all’improvviso essa stessa con sé la nebbia, per manifestare tutt’intorno un’atmosfera illuminata da una luce più grave del solito sole. L’affacciarsi di quella nuova condizione fa apparire lo stato di coscienza da cui si è provenuti, come se si fosse stati avvolti da un’atmosfera di sogno, in cui l’anima era come smarrita, sonnolenta, priva di riferimenti, rispetto alla più chiara coscienza che ora appare.

Non che prima si dormisse, si era anzi in coscienza di veglia: si scopre una condizione di coscienza superiore in fatto di chiarezza ed evidenza, rispetto all’usuale coscienza. Tuttavia, ciò da cui pare di emergere con quella nuova luce, è simile al sentirsi entro un presente sconosciuto, reale e denso, nel quale ci si sente come d’incanto, più svegli di prima, pur essendo coscienti che poco prima, non si stava dormendo.

Per “nebbia”, si deve intendere la visuale cosciente del buio interiore durante la meditazione; entro tale paesaggio nebbioso e buio si deve immaginare come se l’anima, volesse aguzzare gli occhi, e nell’attesa che il tutto si rischiari, cerchi di intrattenersi nel silenzio cercando d’immaginarsi fantasiosamente un simbolo immaginativo, come costruendo qualcosa che vi è nel mondo interiore. E’ come se l’anima volesse disegnare quel mondo fuori, che è vuoto.

Si nota inoltre la comparsa di un particolarissimo sentimento di mutamento interiore. E’ come se nell’attimo in cui è avvenuta la visione, ci si fosse trasferiti in un’altra dimensione. Un tale diceva, a proposito: “Non avvertivo più come solitamente ci si sente entro la propria corporeità; ma mi sentivo come se partecipassi all’apparire della figura, come se il mio essere e i miei processi interiori fossero parte di quell’essere. Non ero solo di fronte a lei, ma ero anche in qualche modo, intessuto in lei.”

La percezione dello stato della realtà è molto più vera nell’attimo dell’apparizione, che non rispetto l’usuale stato di coscienza in cui ci si trova solitamente. La realtà dell’esperienza è così ricca e densa di contenuto che ci si può avvertire come innalzati di un gradino, come se fosse avvenuto uno “scatto” dimensionale. Si ha un cambiamento della natura del tempo e dello spazio. L’esperienza è in genere così intensa e irrefutabilmente reale, che può indurre, più che spavento, enorme meraviglia. Le esperienze che l’uomo può fare in quella condizione non possono neppur venir presagite.

In quello stato, si viene a sapere che la condizione reale universale è Una. La dualità soggetto-oggetto esiste solo per la coscienza umana. Là essa è una con il mondo. Non vi è mai stato un pluri-verso, ma un Uni-verso.

IL SUONO DELLA LUCE

Mi faccio corpo di pensiero
e d’un tratto sono là,
oltre i limiti dell’universo.

Ecco che, oltre stelle e sfere
mi viene incontro una calda e soffusa Luce
che mi illumina e mi riscalda.

Io sono la Luce del mondo;
mi dice
la Luce vera, che illumina ogni uomo che viene nel mondo.

Sappi che non tu,
ma la Luce in te
brilla fra le tenebre.
Io sono te;
sono il vigore delle tue membra,
il battito del tuo cuore,
la sostanza del tuo pensiero:
Tu come me, sei fatto di Luce.
E solo che tu lo voglia,
questa Luce
è capace di incendiare d’Amore il mondo.

Articolo inviato a FisicaQuantistica.it direttamente dall'autore

5 commenti:

  1. Sembra Gesù Cristo che ci invitava a essere come Lui in Lui , comunque mi sembra che ci siamo capiti. Vie diverse per conseguire ad unica Luce poiché è giunto il momento di ritornare a casa,dalla luce proveniamo ,alla Luce stiamo tornando, regno dei cieli,o quarta dimensione , importante che sia gioia eterna e mai più mele maledette e serpenti o grigi rapitori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva!
      Ora che hai capito che potevi esprimerti ugualmente allargando un poco il tuo campo semantico ti capisco molto meglio, e a grandi linee concordo con te! ^_^

      Elimina
  2. Sono concetti elevati nelle mani di un ignorante che sta recuperando il rapporto con se stesso e con il prossimo, giocavo con la droga prima, concedimi non abbia la tua dialettica ,studierò comunicazione ,con calma . Cosa significa semantica?:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa hai ragione.. Semantica sarebbe lo studio dei significati del linguaggio, più o meno.
      Era una mezza battuta per dirti che diamo nomi diversi a concetti in realtà piuttosto simili. :)
      Non serve studiare comunicazione invece, credo che sia sufficiente aggiungere sempre una buona dose d'umiltà, e tutto va molto più liscio.
      Se me lo concedi vorrei ricordarti che i grandi maestri, coloro che da sempre hanno una consapevolezza superiore, fanno poche chiacchiere.. Non è il maestro che deve cercare i seguaci, sono le persone che incontrano un maestro. E, a quel punto, più delle parole serve l'esempio.
      Buona serata ^_^

      Elimina
  3. Immagina lo scenario attuale, compare il Messia che tutti aspettano riunendo le religioni e gli uomini di buona volontà in un'unico spirito di Luce e Verità contro il nuovo ordine mondiale di Lucifero,chi avrà la meglio visto che l' intelligenza di Dio aveva programmato questo ancora prima di creare la terra? Questo è quello che accadrà. Purtroppo i miei modi sono dovuti agli attacchi pesantissimi che ho avuto in Italia,e non sono stati umani,non avevo idea di chi fosse il diavolo finché non ho capito cosa stava succedendo dentro e fuori di me. Hanno cercato di bloccarmi in tutti i modi e ho compreso che gli extraterrestri (demoni) hanno dei grossi limiti e problemi nonostante la tecnologia superiore alla nostra. La nostra coscienza interiore se attiva li può bloccare,per questo cercano di monopolare le menti,per aaccedere ai nostri campi energetici senza chiederlo.Vedi,non è che voglio fare il maestro,cerco di darvi delle informazioni certe che voi siete in grado benissimo di verificare ed elaborare a vostro vantaggio e della società innescando un meccanismo di risveglio coscienziale. Siamo stati liberati dal male 2000 anni fa ma non ne siamo coscienti a causa della monopolazione mentale. Siamo noi i creatori se ci uniamo a Dio in un unico spirito e gli invasori non possono sottrarci energia senza il nostro permesso, appena gli uomini comprendono questo,gradualmente,innescano il cosiddetto salto evolutivo o ascensione che e' già iniziato tra l'altro. Ci sono le ultime trappole diaboliche come false invasioni e NOW , bisogna lottare .Il bello di Dio è che cancella il male e tiene cio' che di buono si è costruito e imparato ,spero sia così anche per noi. 😊

    RispondiElimina