domenica 8 giugno 2014

Il mito mondiale del Diluvio Universale

Nei racconti di tutto il mondo un tema ricorrente: il diluvio universale
di Enrico Galimberti

La prima domanda che ci si pone è: il diluvio universale é veramente esistito?

Il concetto degli uomini corrotti e involuti, puniti con il diluvio, ricorre in innumerevoli tradizioni.

Noe’ lo incontriamo in tutto il globo, tavolta addirittura con il suo nome, all’hawaiano Nu-u al cinese Nuwah, al Noa amazzonico. In Paraguay e in Brasile é anche Tamanduare, in Messico Tapi o Nala’ (con la moglie nera) e diviene Pokawo per i Delaware statunitensi, Manibusho per i pellerossa canadesi, Zeukha presso i Patagoni, Yima in Persia, Dwifa nelle leggendeceltiche. La storia del diluvio é più o meno la stessa che si racconta nella bibbia. In Amazzonia si narra che dopo una terribile esplosione “il mondo venne piombato nelle tenebre” e gli indigeni peruviani aggiungono nella medesima storia che “l’acqua raggiunse allora l’altezza delle montagne”.

Leggende del diluvio provenienti da sei continenti e varie isole tutte accomunate da sei punti principali: ...



1 - Distruzione tramite acqua
2 - La distruzione fu di origine divina
3 - Fu dato agli uomini un avvertimento
4 - Furono risparmiati alcuni esseri umani
5 - Furono risparmiati degli animali
6 - Gli esseri risparmiati furono salvati su un’imbarcazione

Africa orientale – Masai
Australia – Kurnai
Babilonia – Beroso
Babilonia – Epopea di Gilgamesh
Birmania – Singh-pho
Bolivia – Chiriguano
Borneo – Daiacchi del mare
Canada – Cree
Canada – Montagnais
Cina – Lolo
Cuba – Indigeni
Egitto – Libro dei Morti
Figi – Tradizione Walavu-levu


Galles – Leggenda di Dwyfan
Grecia – Luciano di Samosata
Guyana – Macusi
India – Arcipelago delle Andamane
India – Bhil
India – Kamar
Iran – Zenda Avesta
Islanda – Edda
Messico – Codice di Chimalpopoca
Messico – Huichol
Nuova Zelanda – Maori
Penisola malese – Jakun
Peru’ – Indiani di Huarochiri
Polinesia Francese – Raiatea
Russia – Voguli
USA (Alaska) – Coliusci
USA (Alaska) – Tlingit
USA (Arizona) – Papago
USA (Hawaii) – Leggenda di Nu-u


La scienza e il diluvio universale

“Molti sorridono sentendo il racconto dei giorni di Noè.
Eppure, su alte montagne si trovano conchiglie marine. E che in un passato non troppo remoto ci fu un diluvio di immane proporzioni è confermato dal gran numero di fossili e carcasse rinvenuti in ammassi di detriti perfettamente conservati, intatti e non danneggiati ancora in piedi o in ginocchio….

Ecco un quadro davvero sorprendente per il nostro precedente modo di pensare. Vaste mandrie di enormi bestie, ben pasciute, non specificamente destinate a una vita in condizioni di freddo rigido, che pascolavano placidamente in pascoli assolati…



All’improvviso, furono tutti uccisi senza alcun visibile segno di violenza e prima che potessero inghiottire l’ultimo boccone di cibo, e poi furono congelati così rapidamente che ogni cellula del loro corpo è perfettamente conservata.”
(The Saturday Evening Post, “Riddle of the Frozen Giants”, di Ivan Sanderson, 16 gennaio 1960, pag. 82, 83)

L’abbondante precipitazione sommerse la terra, si formarono le catene montuose e i fondali marini e le “acque si ritirarono dalla terra” e fu senza dubbio accompagnata da gelidi venti nelle regioni polari. Lì il cambiamento di temperatura dovette essere rapidissimo e drastico. Varie forme di vita furono in tal modo intrappolate e preservate nel fango ghiacciato. Resti di mammut e rinoceronti sono stati rinvenuti in diverse parti della terra. Alcuni sono stati trovati nelle rocce della Siberia, altri sono stati conservati nel ghiaccio della Siberia e dell’Alaska. Alcuni sono stati rinvenuti con cibo non digerito nello stomaco o non ancora masticato fra i denti, segno di una morterepentina. Qualcuno ha calcolato che la sola pressione dell’acqua equivalesse a circa “tre quintali per centimetro quadrato”, sufficiente a fossilizzare rapidamente fauna e flora.
(D.Patten, The Biblical Flood and the Ice Epoch)

“Gli archetipi formulati da Jung sono stati comparati da diversi autori, in particolare Joseph Campbell, con le strutture dei miti e delle religioni umane, della cultura orale e delle fiabe popolari, riscontrando una certa convergenza di significato fra le espressioni mitiche-religiose delle varie società umane verso alcuni motivi fondamentali che sono, a loro volta, considerabili come degli archetipi. «I principali motivi mitologici d’ogni tempo e d’ogni razza sono probabilmente di questo tipo», afferma Jung in Psychologische Typen[4] del 1921.

A questo approccio prevalentemente psicologico nello studio della mitologia tramite gli archetipi si affianca un approccio prevalentemente etnologico risalente a Alfred Radcliffe-Brown in cui, invece, «il clima, la geografia, le strutture sociali come forze modellatrici delle idee, degli ideali delle fantasie e delle emozioni [sono considerati] più importanti delle strutture innate e delle capacità della psiche» “(fonte: wikipedia)
www.acam.it

Nessun commento:

Posta un commento