lunedì 1 settembre 2014

Le piante spontanee commestibili dell'estate

Tra frutti, foglie e fiori spontanei, in estate si mangia!

In estate le piante spontanee intese come erbe dei campi commestibili cominciano a diradarsi per mancanza di acqua e lasciano spazio alle tante verdure e frutta di luglio e agosto che sono pronte da raccogliere negli orti e nei giardini.

Nei mesi estivi le foglie verdi fresche di primavera sono ormai lontane e le parti della pianta commestibili sono ora principalmente frutti e fiori che sbocciano in questo periodo.

Tra i frutti possiamo pensare al sottobosco che regala molte prelibatezze e l'unica pianta che troviamo ricca di foglie e radici è la Bardana che si nasconde alla fresca ombra degli alberi.

In pieno sole ricordiamo la possibilità di raccogliere le succulente more di Rovo che ammaliano dagli intrigati grovigli di spine.

Sempre ben esposta alla luce del sole nei campi o lungo gli orti coltivati troviamo unapiccola pianta “succulenta” con teneri fiori gialli chiamata Portulaca, molto gradevole in insalata che però non deve essere confusa con le varietà ornamentali di più colori.

Andiamo a conoscere queste piante spontanee commestibili più da vicino ...

La bardana

Chi ha la fortuna e il piacere di girare nel fresco dei boschi nella stagione estiva, può imbattersi nelle grandi foglie della bardana, asteracea che cresce quasi in tutta Italia fino ai mille metri, specialmente nei boschi, nei prati incolti e lungo gli argini dei fossi.

Nota fin dall'antichità per le sue proprietà medicamentose, è particolarmente ricca delle vitamine B5, B6 e B9, più i minerali magnesio, manganese, fosforo e potassio.

Sia i gambi delle foglie che le radici sono ricchissime di mucillagini e di agenti purificatori del sangue.

Se ne trae un macerato con cui si integrano saponi, shampoo e creme in grado di trattare secchezza della pelle, acne, infezioni, herpes.

È un ingrediente fondamentale di molte cucine asiatiche, soprattutto quella giapponese, mentre col tempo è andata sparendo dai libri di cucina occidentale dove in passato aveva un ruolo di rilievo: stufata, al vapore, insieme ad altre verdure o con la carne, se ne mangiano i gambi, che ricordano un po' il carciofo, e la radice, ricca di arctigenina e altre lignine.

La Portulaca
Chiamata popolarmente porcellana o erba dei porci e considerata poco più che un'infestante, la Portulaca oleracea fu nel mondo mediterraneo antico coltivata e venduta nei mercati (cosa che accade tuttora in paesi come Grecia, Egitto, Penisola Araba, ecc) come una vera e propria verdura,capace di dire la propria a tavola e di aiutare il benessere di chi la consuma.

Generalmente viene consumata come ingrediente nelle insalate fresche, con altre verdure verdi, pomodori e formaggio, per via della freschezza e della ricchezza d'acqua, ma esistono ricette che la prevedono fritta o nelle zuppe, grazie alle sue proprietà mucillaginose.

Ricchissima di vitamine come la C, la A e la E, e di minerali come magnesio, ferro, manganese e potassio, è nota soprattutto per il fatto di essere la prima fonte vegetale di omega 3 fin'ora conosciuta.

Contiene inoltre buone dosi di betacianine e betaxantine, ottimi antiossidanti.

Gli archeologi hanno attestato il suo consumo già dalla preistoria ed è presente in molte medicine tradizionali per via delle sue numerose proprietà, anche se da sempre se ne consiglia un uso moderato alle donne in dolce attesa.

Il Rovo: more e non solo ...
Quando pensiamo alla pianta che risponde al nome di Rubus ulmifolius non possiamo non figurarci i suoi deliziosi frutti, le dolcissime more di rovo che costellano gli intricatissimi cespugli e con le quali fin da piccoli ci siamo sporcati volentieri la bocca e le mani.

Tuttavia questa pianta spinosa che, eccezion fatta appunto che per i suoi frutti, non ha mai attirato particolari simpatie, può essereconsumata come una vera e propria verdura, almeno in alcune sue parti.

I giovani butti, riconoscibili per il colore chiaro e la morbidezza delle loro spine, incapaci di recare danno, possono essereraccolti ed usati a mo' di asparagi: lavati, lessati o scottati e saltati o aggiunti in minestre (magari di legumi).

Un altro uso che se ne può fare è quello di aromatizzare l'acqua (lasciandoceli immersi per almeno tre ore) dandole un afrore davvero piacevole.

Ha varie proprietà curative: aiuta contro il diabete, supporta il lavoro dell'intestino e cura le emorroidi, lenisce i dolori, combatte le infezioni e le infiammazioni.

I capolini: fiori da mettere in salamoia
Del mondo vegetale siamo abituati a consumare tutte le parti utili: foglie, radici tuberi e bulbi, cortecce, fusti, germogli, semi, frutti e fiori.

Vediamo i fiori che possono venire consumati in vari modi: freschi (feijoa),essiccati (malva), in marmellata (viole o rose),in salsa (calendula), cotti (carciofi, acacia), ecc.

Un modo per gustarli è quello di coglierne i capolini, boccioli non ancora non sbocciati e conservarli sotto sale o salamoia, aceto, od olio.

Ciò avviene notoriamente per i capperi(Capparis spinosa), famosi appunto per i capolini fortemente aromatici e tipici della cucina del Meridione, che quando lasciati sbocciare, decorano con la loro inaspettata bellezza bianco-violacea le mura di case e paesi.

Un'altra pianta più comune capace di prestarsi ad un uso pressoché identico è il tarassaco (Taraxacum officinale): i capolini raccolti prima che i petali gialli erompano nei prati vanno lavati e messi sotto sale.

Possono sostituire in tutto e per tutto il cappero anche se l'aroma è differente, meno intenso ma più variegato.

Ciò accade anche per i capolini di boccione maggiore (Urospermum dalechampii) e per le varie cicerbite che troviamo sul nostro territorio.


Ed ecco qualche fiore …da mangiare!

Non sono tutti, ma eccovi solo qualche suggerimento su fiori edibili, loro usi e proprietà.

- La begonia, non così semplice da coltivare, è ricca di vitamine. Ideale per le macedonie, si mangiano i petali dal sapore leggermente aspro come il limone. Se abbinata alla menta piperita, si mette a bagno nell’acqua fresca per preparare una bevanda rigenerante. 
- La bocca di leone è un fiore ricco di minerali, ottimo in insalate, tartine, pasta, sorbetti, yogurt, o per ripieni e per dare colore e profumo ai formaggi freschi. 
- La calendula è un noto anti infiammatorio: non si usa solo nelle tisane, ma è anche ideale come ingrediente per sughi di pasta o risotti, minestroni, zuppe, insalate e frittate. 
- La dalia, margheritone dai mille petali fantastici per torte e confetture, leggermente diuretico e digestivo, calma anche la tosse. 
- La fuchsia è ottima per la cura dei capelli, sì può impiegare per preparare marmellate o macedonie di frutta, ma anche nelle insalate. 
- I garofani per il liquore e i gerani per le frittate, questi ultimi utili per lenire le irritazioni alla gola e per l'ulcera allo stomaco. 
- La rosa, ampiamente utilizzata nella cucina asiatica, indiana in particolare, è ricca divitamine A, B e vitamina C, astringente e diuretica. I petali di rosa sono ideali per sciroppi e liquori, insaporiscono anche insalate e torte. 
- Del tarassaco non si butta via nulla! Non si usano infatti solo le foglie in insalata per depurare il fegato, ma anche i fiori aggiunti ai risotti sono molto buoni. 
- La viola del pensiero è un ottimo antiossidante ed è ideale in macedonie e insalate, come anche per marmellate.

Attenzione: Non tutti i fiori sono commestibili, anzi esistono delle specie tossiche, quindi è necessario fare delle ricerche, documentarsi, consultare libri. Sempre meglio mangiare fiori che si coltivano da sé, non quelli del fiorista che possono essere trattati con agenti chimici e pesticidi. Non utilizzare fiori colti per strada o nei giardini pubblici. Attenzione se si soffre di allergia! Il libro che si può consultare è “Cucinare con i fiori” di Origlia Lidia.

Per leggere l'articolo completo: www.cure-naturali.it

Nessun commento:

Posta un commento