sabato 29 luglio 2017

Vaccini: Difese Legali

Premessa: i termini "Freevax" e "Novax" sono confusi con estrema facilità, in particolare nei media e con grande soddisfazione dei "Sivax" spesso condizionati dalle scarse e parziali informazioni ufficiali divulgate sul tema..
La libertà (Freevax) di vaccinazione non significa l'abolizione incondizionata (Novax) dei vaccini i quali, se e quando si rivelassero realmente indispensabili, dovrebbero essere preventivamente e imperativamente sottoposti a ricerche costanti, a seri controlli incrociati, serrati, e soprattutto INDIPENDENTI tanto sui loro componenti, allo scopo di migliorarne la sicurezza, quanto sulla loro innocuità verso CIASCUN individuo che dovesse/volesse sottoporvisi.
Vediamo, da un recente articolo dell'avvocato Marco Della Luna, a che punto siamo da un punto di vista giuridico..
Catherine


(ricavato da una conferenza tenuta a Brescia il 24.07.17)

PREMESSA GENERALE

Come introduzione, un breve inquadramento del fenomeno dell’obbligo vaccinale nella trasformazione della struttura sociale complessiva in corso nei nostri tempi su scala globale e alcune valutazioni di costituzionalità e di compatibilità coi diritti dell’Uomo....


Il capitalismo finanziario sfrenato alla guida della società produce sempre più squilibri, lacerazioni, conflitti, migrazioni sia entro le nazioni, che tra di esse, al punto che i normali strumenti legali ed economici per controllare la società e assicurarne la governabilità come richiedono i mercati, non basta più. Conseguentemente, dal controllo esterno della gente i poteri forti passano a a controllare le persone dal loro interno, penetrando il corpo e la psiche con strumenti di condizionamento biochimici e fisici, comprese le onde elettromagnetiche. Assieme ai vaccini si possono inoculare diverse cose: microchip, nano-macchine, proteine a vario tipo di azione, materiale genetico, metalli pesanti e altro.

La società globalizzata ha assunto ormai una struttura bipolare: a un estremo stanno gli organismi detentori del potere e autori delle decisioni (FMI, Commissione Europea, Eurogruppo, G7, etc.), che sono opachi, insindacabili, non responsabili; e all’altro estremo sta il resto della società, composto da gente totalmente tracciabile, controllabile, influenzabile, penetrabile. Privata di possibilità di controllo su chi la comanda. Fine della democrazia, sostituita dalla gestione dall’alto.


L’introduzione per legge della vaccinazione forzata è un atto con cui la classe dominante si dota della potestà legale e tecnica di entrare nei corpi delle persone e di immettervi sostanze attive senza trasparenza e senza garanzie sui loro effetti, di condizionare le persone anche dal loro interno: viene spezzato il paradigma liberale, che vuole l’uomo soggetto sì alla legge e all’autorità dello Stato, però dotato di un confine individuale, sacro, di libertà e di dignità, anche rispetto allo Stato, il quale può agire sulla persona dall’esterno, ma non dall’interno del suo corpo e sul suo sistema nervoso centrale, con strumenti tecnologici manipolatori tecnologici e non trasparenti, in violazione dell’art. 13 della Costituzione: 

La libertà personale è inviolabile. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dell’autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge.

E dell’art. 3 della Carta europea dei Diritti dell’Uomo:

“Diritto all’integrità della persona
1. Ogni individuo ha diritto alla propria integrità fisica e psichica.
2. Nell’ambito della medicina e della biologia devono essere in particolare rispettati:
— il consenso libero e informato della persona interessata, secondo le modalità definite dalla legge,
— il divieto delle pratiche eugenetiche, in particolare di quelle aventi come scopo la selezione delle
persone,
— il divieto di fare del corpo umano e delle sue parti in quanto tali una fonte di lucro,
— il divieto della clonazione riproduttiva degli esseri umani.”
Sono anche violati gli artt. 6 e 7:

Art. 6: Diritto alla libertà e alla sicurezza
Ogni individuo ha diritto alla libertà e alla sicurezza.

Articolo 7
Rispetto della vita privata e della vita familiare
Ogni individuo ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare, del proprio domicilio e delle sue comunicazioni.
In base alle suddette norme, nel confronto tra i valori giuridici in gioco, l’imposizione della vaccinazione di massa, con la compressione radicale dei diritti fondamentali della persona, anzi, dei diritti di tutte le persone, e dell’abbandono dello stesso concetto liberale di individuo, che essa comporta, sarebbe giustificabile solo in presenza o nell’imminenza di un’epidemia mortale che minacciasse la sopravvivenza collettiva, e solamente per la durata di tale situazione, non certo permanentemente.

Ma una tale epidemia non sussiste, nemmeno come pericolo concreto: la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, lo stesso Gentiloni, lo dichiarano. I danni attuali delle 10 malattie oggetto dell’obbligo vaccinale sono inferiori a quelli che causerebbero i vaccini con i loro effetti avversi, e i vaccini peraltro danno una protezione incerta e temporanea; quindi, anche considerando solo il bilancio sul piano della salute, e tralasciando la lesione dei principi civili e politici di libertà e dignità comportati dalla vaccinazione coatta, i danni sarebbero maggiori dei benefici. Del resto, in caso di tale epidemia, non si dovrebbero vaccinare solo i fanciulli, ma tutta la popolazione, ovviamente. E in questa situazione di non-necessità la maggioranza di un parlamento (eletto con una legge elettorale che la Consulta ha dichiarato incostituzionale) vota la legge in questione. Quindi abbiamo la prova provata che la vaccinazione obbligatoria del Governo Gentiloni è un abuso, un’offesa ai diritti fondamentali dell’uomo. Né si potrebbe dire che la compressione dei diritti di tutti è giustificata dal salvare da morte qualcuno, perché (oltre al fatto che anche i vaccini hanno talora effetti mortali o invalidanti) sarebbe come dire che per salvare dall’omicidio qualcuno la polizia possa intercettare le comunicazioni di tutti: pagheremmo la prevenzione di qualche omicidio con l’imposizione di uno stato di polizia.

Vi è un ulteriore elemento, che, come gli altri qui esposti, non è stato esaminato dalla Corte Costituzionale quando ha individuato le condizioni di legittimità costituzionale dell’obbligo vaccinale: il diritto essenziale a conoscere che cosa realmente viene iniettato e che effetti ha: perché non si tratta soltanto del vaccino, ossia del microbiota depotenziato, ma di sostanze chimiche coadiuvanti, conservanti, battericide che hanno un loro proprio effetto sull’organismo; nonché di componenti genomiche di feti abortiti e animali, usati per la produzione del vaccino. Questo diritto è fondamentale, e se non è garantito non è legittima la coercizione vaccinale, perché se non si sa che cosa ci iniettano e che effetti abbia, non si può confrontare il danno col beneficio., cioè non si può fare il bilanciamento tra i due beni giuridici in gioco.

Questo attentato ai diritti fondamentali dell’Uomo, questo disegno di renderlo legalmente penetrabile e manipolabile dal suo interno con strumenti tecnologici, di annullare la libertà e la dignità della persona, è la prima e più profonda ragione giuridica e politica per opporsi, anche davanti ai giudici, alla vaccinazione obbligatoria di massa, voluta e votata da quasi tutte le forze politiche, considerando anche che un domani il trattamento biochimico di massa, se si lascia passare il principio che sia lecito, potrà essere esteso agli adulti e a sostanze diverse dai vaccini.
In generale, bisogna opporsi, sempre a salvaguardia di quei diritti fondamentali, ad ogni forma di penetrazione condizionante della persona, anche con mezzi biochimici diversi dai vaccini, come le sostanze attive che possono essere diffuse nell’aria, nell’acqua, nei cibi. Tale opposizione è a tutela sia del diritto alla salute, che dei diritti di libertà e dignità dei singoli rispetto all’apparato statuale, ma è ancor prima un’opposizione alla tirannia tecnocratica.

Gli argomenti sopra svolti sono rafforzati e qualificati dal fatto che gli Stati, oggi, sono molto più dipendenti, molto più condizionati, dalle richieste del capitale finanziario (dalle banche e dalle società di rating da cui dipendono strettamente per finanziare i loro bilanci), che dai popoli, dagli elettori; essi rispondono molto più al capitale finanziario (di cui l’industria farmaceutica è una parte importantissima) che agli interessi della gente, alle esigenze della sua salute. Lo Stato è sempre meno pubblico e sempre più esponenziale di interessi privati divergenti da quelli pubblici. Per questa ragione, e per la odierna disponibilità di strumenti tecnologici subdoli di manipolazione, è quanto mai necessario salvaguardare intransigentemente e rigidamente le libertà individuali e il confine protettivo tra cittadino e potere dello Stato, la inviolabilità della sua persona, rispetto al potere costituito e alla sua invadenza.

IL RUOLO DELL’AVVOCATO

In questa relazione, oltre a punti di diritto, che rientrano nella mia competenza, presento anche argomenti medici e scientifici, che non sono in grado di controllare e giudicare se non nella loro formale logicità. Però il mio compito professionale non è di verificare se le vostre convinzioni siano esatte, se gli argomenti scientifici a loro sostegno siano fondati, ma di usare questi argomenti per ottenere dal giudice e dall’Asl che sia fatta chiarezza su che cosa vogliono inoculare e sui suoi effetti, che i vostri bambini siano sottratti alla vaccinazione forzata, che voi non dobbiate pagare multe per il rifiuto a vaccinarli, e che, se si producono danni, siano accertate le colpe e pagati i risarcimenti.

La critica giuridica, politica, scientifica dei vaccini in circolazione e delle politiche vaccinali del governo non è un rifiuto dei vaccini come tali, e non deve portare ad esso: sarebbe un passo indietro verso l’oscurantismo. Io sono possibilista verso i vaccini, ma solo se saranno realizzate le condizioni del progetto di legge che presto esporrò: condizioni di sicurezza, trasparenza, correttezza giuridica.


IL PROBLEMA DELLA SCIENTIFICITA’ COME METODO



Fatta queste premesse, voglio sottolineare che è fondamentale non cedere alle tendenze antiscientifiche, metafisiche o new age, e invece attenersi al metodo razionale-scientifico della controllabilità aperta del merito delle affermazioni, esigendo il rispetto di tale metodo anche da parte delle istituzioni, proprio perché la verificabilità aperta e misurabile propria del metodo scientifico è la miglior difesa contro il sopruso e l’invasività del potere.


Innanzitutto, il metodo scientifico si basa sul controllo sperimentale oggettivo e misurabile. Ma mentre è possibile sperimentare i farmaci curativi, non è praticamente possibile sperimentare i vaccini, e di fatto essi non vengono sperimentati, o meglio vengono messi alla prova direttamente quando vanno in commercio.

Mi spiego: allorché si sperimenta un farmaco curativo, si prendono due gruppi omogenei di soggetti e li si tratta così: un gruppo con il farmaco da sperimentare, e l’altro gruppo con il placebo, vale a dire con una sostanza che ha tutta l’apparenza del medicinale ma che è priva del principio attivo. Poi si confrontano i risultati ottenuti nei due gruppi. Se il gruppo trattato col farmaco ha un beneficio rilevante rispetto all’altro, calcolato secondo apposite formule, allora ha superato il test. Nel medesimo modo si verifica se un farmaco ha effetti collaterali indesiderati.

Quando, invece di un farmaco curativo, si sperimenta un vaccino, la situazione si complica parecchio. Non si dispone di soggetti già ammalati, ma di soggetti che hanno un certo grado di probabilità di ammalarsi. Quindi, non è dato sapere se quel soggetto si ammalerà né se, in caso si ammalasse, quando evento si manifesterà. È necessario, allora, che, per ridurre quel margine di incertezza, l’esperimento sia condotto non solo su un numero molto grande di persone, ma per tempi molto lunghi. Ma quasi sempre il vaccino non viene sperimentato affatto, appunto perché sperimentarlo richiede troppi anni e troppa spesa. Nei casi in cui qualche prova sia condotta, si parla di pochissimi soggetti osservati per qualche giorno; e, come è ovvio, da situazioni simili non si può ottenere alcuna indicazione sicura. La campagna di vaccinazione coatta è in realtà una campagna di sperimentazione coatta.

MOTIVI SCIENTIFICI E CRIMINOLOGICI PER OPPORSI

In applicazione di quanto sopra, rileviamo e possiamo contestare in tribunale una lunga serie di argomenti, di cui segue una selezione, ma molti altri si trovano nei siti specializzati. Quelli che seguono mi sono parsi semplici e chiari, anche se, ovviamente, non sono in grado di verificarli a fondo. Nel redigere gli atti giudiziari ed extragiudiziali bisognerà documentare le fonti e i fondamenti dei vari argomenti.

L’efficacia per la riduzione delle malattie infettive e contagiose, in molti casi almeno, non è statisticamente provata, anzi è smentita: la curva del calo di incidenza della malattia non è significativamente influenzata dall’introduzione dei vaccini. Cioè si vede la curva discendente procedere in modo sostanzialmente uniforme dall’inizio dei rilevamenti, ossia dal 1890 circa, fino ad oggi, senza crolli in corrispondenza dell’introduzione dei vaccini, come dovremmo invece avere se fossero i vaccini la causa del calo della frequenza della malattia. In realtà, i vaccini paiono contribuire a questo calo in misura molto minore rispetto al contributo del miglioramento dell’alimentazione, dell’igiene, etc.

In applicazione della razionalità scientifica, dovremo anche eccepire che non ha senso somministrare un vaccino a 6 mesi di vita, quando il sistema immunitario non è ancora formato. Non ha senso vaccinare i bambini di 6 mesi che non hanno ancora sviluppato il sistema immunitario, il quale si completa a 2 anni circa, oppure ha senso se l’effetto che si vuole ottenere non è immunizzare ma compromettere la formazione del sistema immunitario, in modo da avere una generazione di soggetti deboli e sempre bisognosi di farmaci, cioè sempre fedeli consumatori, per il guadagno delle case farmaceutiche.

Nessuno dei 10 vaccini obbligatori è stato sperimentato; perciò è corretto dire che ci rifiutiamo di prestare i nostri figli come cavie. Il governo dice che l’efficacia e la non tossicità dei vaccini sarebbero certificate dalla scienza, ma ciò non è vero, proprio perché mancano le sperimentazioni, e le voci di scienziati e di agenzie scientifiche (come l’OMS) che sostengono i vaccini, sono voci finanziate dall’industria farmaceutica.

Occorre anche far presente che vi è un’ampia soppressione degli studi che evidenziano gli effetti avversi dei vaccini, che vi è una campagna di intimidazione soprattutto verso i medici che ne parlano, mentre quelli che vaccinano molto ricevono premi in denaro; far presente che i mass media tendono a silenziare le campagne e le voci della protesta, e che quindi il clima generale è di privazione del diritto di informare e di essere informati, il che legittima il rifiuto di vaccinarsi.

E’ evidente che molte malattie che erano sparite e che sono ricomparse, nonché altre malattie esotiche che prima non avevamo, sono apportate dagli immigrati, i quali vengono ammessi in Italia senza alcun vero filtro sanitario. Una mia conoscente addetta alle schermografie mi dice che ogni settimana trova una decina di africani portatori di tubercolosi. Quindi forse una buona parte della necessità di vaccinazione di massa specificamente in Italia, paese di accoglienza, è causata dall’arrivo e dalla accoglienza di questi milioni di immigranti.

In Europa, solo 3 paesi contro 15 hanno l’obbligo vaccinale, peraltro molto limitato. Perché l’Italia deve avere l’obbligo per 12 o 10 vaccini? Forse perché è destinata a prendersi e tenersi quasi tutti i migranti da paesi a rischio? Italia lasciata sola, quindi obbligo vaccinale. Occorrerebbe introdurre la quarantena.

Altre valide ragioni di sospetto e che pongono esigenze precauzionali di rifiutare i vaccini di Stato, eventualmente dichiarando di volerne comperare di migliori e più sicuri a proprie spese, sono il grande numero di partite di vaccino ritirate perché difettose; circostanze come quelle contestate dalla Corte dei Conti in relazione a contratti di appalto pubblico per la fornitura di vaccini. Per il contratto del vaccino contro l’influenza H1N1, stipulato dal governo con Novartis, la Corte dei Conti ha rilevato che esso praticamente esenta Novartis da ogni responsabilità per danni e persino per ritardi nella consegna, assicurandole per contro in ogni caso il profitto.

Non vi sono, a quanto mi consta, evidenze dell’effetto gregge, anzi tale effetto è poco concepibile dato che l’effetto immunizzante dei vaccini dura cinque o sette anni; semmai l’effetto gregge si ha quando una popolazione è immunizzata naturalmente e permanentemente grazie al superamento della malattia. La teoria dell’immunità di gregge è originariamente derivata da osservazioni su popolazioni divenute immuni naturalmente, per superamento della malattia. La soglia del 95% è arbitraria, o immaginaria. Nel caso di popolazioni vaccinate, quella teoria ha più smentite che conferme: intere popolazioni vaccinate hanno contratto la malattia. Epidemie si sono verificate entro popolazioni totalmente o quasi vaccinate mentre popolazioni in cui la copertura vaccinale è anche notevolmente inferiore al limite preteso, non presentono problemi di sorta.

Notoriamente, in molti casi, i vaccini hanno indotto anche in numerose persone la malattia che dovevano prevenire. Vi sono agenzie pubbliche per segnalare e risarcire questi casi.

I vaccini, per la loro attivazione, conservazione e protezione da microbi, richiedono l’aggiunta di sostanze tossiche per l’uomo, soprattutto neurotossiche, come composti di alluminio e mercurio. Poiché è tecnicamente impossibile allontanare il composto dal prodotto finito, contrariamente a quanto viene spesso sostenuto da chi, con ogni evidenza, non ha nozioni di tecnica farmaceutica, tutti i vaccini contengono mercurio.

Queste sostanze sono tossiche anche perché sono corpi estranei e come tali sono percepite e trattate dall’organismo. Ciò innesca le note reazioni consistenti nell’instaurazione di una forma infiammatoria potenzialmente cancerogena nel lungo periodo.

Il crimine, la corruzione, il falso, le frodi, persino le stragi (nei paesi poveri) sono abituali, anzi professionali, nel business farmaceutico, e nei politici che trattano con esso.

Inoltre, in fatto di moralità dell’industria farmaceutica, sono noti casi di società USA che usavano sudamericani e indios come cavie oppure che li sterminarono con pretesti di curarli con farmaci o di vaccinarli:

Did US scientists kill Amazon Indians with vaccine? – The Lancet
www.thelancet.com/pdfs/…/PIIS0140-6736(05)73850-2.pdf – Traduci questa pagina
di M McCarthy – ‎2000 – ‎Citato da 2 – ‎Articoli correlati
Amazon may have worsened a measles epidemic in the 1960s by administering a live-virus vaccine to. “immune-depressed” Indians causing hundreds of .
Ulteriore, serio elemento di sospetto contro i vaccini è che molti influenti personaggi auspicano la loro imposizione come strumento di riduzione della popolazione. Bill Gates, come altri, si ripromette di ridurre di 9 milioni all’anno i bambini grazie ai vaccini (effetti sterilizzanti o peggio): https://archive.org/details/WipeOutHumans-BillGates-VaccinesArebestWayToDepopulatePlanet

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il mercato dei vaccini ammontava all’incirca a 5 miliardi di dollari americani nel 2000 e, passato a 24 miliardi nel 2013, si prevede possa (debba!)arrivare a 100 miliardi nel 2025! Incentivare le vaccinazioni è un traguardo di mercato dell’industria o uno specifico obiettivo delle politiche di salute pubblica? La risposta è in un documento ufficiale del Parlamento Britannico, che risale al 2004: “L’influenza dell’industria farmaceutica”. Esso evidenzia la divergenza di interessi tra popolo e business farmaceutico, l’inadeguatezza dei controlli pubblici, la forte influenza dell’affarismo. Ciò trova conferma nel libro di Peter Gøtzsche, dal titolo “Medicine letali e crimine organizzato. Come le aziende farmaceutiche hanno corrotto il sistema sanitario”. Le case farmaceutiche sono delinquenti abituali: le statistiche lo mostrano.

A conferma della situazione di degrado in cui versa la ricerca in campo biomedico, a causa delle pesanti interferenze degli interessi economici dell’industria farmaceutica, il Comitato Nazionale per la Bioetica ha approvato nella seduta plenaria dell’8 giugno del 2006 un documento, che, nella parte dedicata alle “considerazioni finali”, così si esprime:

“1) l’industria spesso non fornisce ai medici un’informazione neutrale e completa, ma un’informazione già indirizzata, creata nei propri uffici;

2) i farmaci prodotti sono spesso duplicati di altri farmaci già esistenti;

3) l’industria controlla e indirizza la ricerca attraverso i finanziamenti che elargisce all’Università;

4) l’industria a volte interrompe ricerche non favorevoli o ne impedisce la pubblicazione. In altri casi distorce una ricerca in corso, sostituendo gli obiettivi (end points) primari con obiettivi surrogati;

5) i dati bruti delle sperimentazioni clinico-farmacologiche rimangono spesso nelle mani dell’industria e non vengono mai messi a disposizione dei ricercatori che li hanno prodotti. A questi ultimi i dati vengono forniti soltanto quando sono stati rielaborati dagli uffici statistici delle aziende;

6) l’industria, in quanto “proprietaria dei risultati”, non pubblica i risultati negativi;

7) le riviste scientifiche non pubblicano articoli con dati negativi perché di scarso interesse scientifico o commerciale;

8) l’industria condiziona, attraverso la pubblicità, le maggiori riviste mediche, i cui referees spesso hanno rapporti di dipendenza economica dalle aziende;

9) i medici che redigono le rassegne o le linee-guida sovente non sono davvero indipendenti dalle industrie;

10) anche le pubbliche amministrazioni spesso non sono indipendenti dalle industrie.

(http://presidenza.governo.it/bioetica/testi/Conflitti_interessi.pdf)
L’Organizzazione Mondiale della Sanità certifica che in Italia non è in corso alcuna epidemia e non dilagano pandemie. 

Secondo Paolo Maddalena, già vicepresidente della Corte Costituzionale, “questo decreto legge è incostituzionale”. Anche il primo ministro uscente Paolo Gentiloni ha ripetuto che “non è in atto alcuna emergenza”. Allora perché si procede contro l’evidenza? Questione di sovranità perduta o bieco affarismo delle solite multinazionali come la Glaxo Smith &Kline? Ma per Mattarella va tutto bene, bisogna vaccinare i bambini, e firma il Decreto Legge che si apre con una menzogna: quella sull’urgente necessità: «Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale… Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza di emanare disposizioni per garantire in maniera omogenea sul territorio nazionale le attività dirette alla prevenzione, al contenimento e alla riduzione dei rischi per la salute pubblica e di assicurare il costante mantenimento di adeguate condizioni di sicurezza epidemiologica in termini di profilassi e di copertura vaccinale; Ritenuto altresì necessario garantire il rispetto degli obblighi assunti e delle strategie concordate a livello europeo e internazionale… ».

Insomma, anche il campo dell’attività scientifica, oltre a quello dell’attività legislativa, è tanto in inquinato dalla corruzione da parte delle industrie farmaceutiche, che nessuna affermazione in favore dell’industria medesima, da parte della ricerca scientifica, può considerarsi sicura ed esente da condizionamenti.

Attenzione: con un punteggio di 93,11 su 100 l’Italia è prima nella classifica stilata dal Bloomberg Global Health Index. Gli italiani sono i più sani del mondo. Il merito è soprattutto del nostro stile di vita. Ma se noi italiani siamo il popolo più sano del mondo, perché proprio noi dobbiamo essere quelli con il maggior numero di vaccinazioni obbligatorie, mentre in Europa ben 15 nazioni, tra cui la Germania, non hanno alcun obbligo vaccinale?

Il 24 ottobre 2016, Sergio Mattarella ha dichiarato pubblicamente, come riportano La Repubblica ed altri quotidiani: «Sconsiderato chi critica i vaccini. Sono essenziali, bisogna contrastare decisamente quelli che li mettono in discussione». In una democrazia il mettere in discussione è l’elemento fondamentale, e chi la vuole reprimere per legge, o con la forza, intende instaurare di fatto una dittatura. In questo caso, per guadagnare la Glaxo: una dittatura per conto terzi, caro Mattarella. Il mercato dirige la politica e detta i nuovi divieti. Oggi le istituzioni, governi e parlamenti compresi, rispondono al grande capitale finanziario (da cui dipendono rigidamente per il rating e per il collocamento dei loro titoli del debito pubblico) molto più di quanto dipendano dagli elettori, dai popoli, che anzi oramai non hanno più influenza sulle grandi scelte politiche. Per tale oggettiva ragione, confermata da molti episodi di storia recentissima, è irrealistico avere fiducia nelle istituzioni politiche.

RIASSUNTO DELLA CONFERENZA DEL CODACONS SUI DANNI DEI VACCINI “AMMESSI” DALL’AIFA, AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO.
In sostanza AIFA evidenzia, negli anni 2014, 2015, 2016:


– un totale di 21.658 reazioni avverse (8182, 7892, 5584)

– di cui 3.351 solo da esavalente (infanrix hexa) (1857, 992, 702)

– di cui 454 gravi (danni neurologici)

– di cui 5 decessi (neonati prematuri vaccinati a 2 mesi e mezzo/3 con infanrix e prevnar, due dei quali anche rotavirus) due in Piemonte, 1 in Lombardia, 1 in Sicilia, 1 Basilicata.

Dal 2005 al 2015 + 40% aumento di bambini con deficit del neurosviluppo in Italia: l’alluminio contenuto nei vaccini è neurotossico e facendo più vaccini insieme ravvicinati si supera la soglia facilmente (i 5 morti hanno subito vaccini in simultanea).

Per ottenere i dati dall’AIFA il CODACONS ha dovuto fare denuncia ed è partita una inchiesta (per omissioni di atti di ufficio) dalla Procura della Repubblica di Torino.

I dati sono comunque sottostimati (si rifanno solo alle segnalazioni) e c’è da pensare che l’AIFA stia occultando documentazioni in merito alla farmacovigilanza (dichiarazioni on. Zaccagnini)

La ministra Lorenzin è stata denunciata alla Procura della Repubblica in quanto PUR ESSENDO A CONOSCENZA DI QUESTI DATI dal 10 maggio, non li ha resi noti al parlamento, ed ha comunque emesso il decreto il 19 maggio IGNORANDO I DATI di portata di gran lunga superiore al famoso “1 su un milione”.

Le ragioni più forti per opporsi davanti ai giudici all’imposizione dei vaccini sono appunto l’asservimento dell’Italia agli interessi stranieri e l’influenza corruttiva dell’industria, la corruzione strutturale della politica, la soppressione della libertà di critica e informazione, l’intimidazione dei medici. E’ notorio che politici (italiani) si vendono per professione e soprattutto che vendono gli interessi nazionali a quelli stranieri, coi vaccini come con le banche, con l’euro, col fiscal compact, coi migranti… quindi non possono essere mai credibili, quando impongono qualcosa in cui qualcuno guadagna grandi somme. Finché rubano i risparmi in banca è un conto, ma quando per profitto ti entrano nel corpo, è un altro conto. Ogni giudice è tenuto a capirlo e a trarne le conseguenze. Nessuno può essere obbligato a sottoporsi a un trattamento sanitario certamente o potenzialmente dannoso, soprattutto se l’obbligo è frutto dell’intesa tra partitocrazia corrotta e industria corruttrice.

ASPETTI GIURIDICI

Dal punto di vista costituzionale, innanzitutto vi è la già denunciata violazione del concetto liberale di persona, di libertà, di dignità, di libera scelta, di inviolabilità dell’interiore anche corporeo dell’essere umano.

In base all’art. 32 Cost.1 e all’art. 3 CEDU2, nessuno può essere obbligato ad accettare una sostanza che lo danneggia immediatamente e certamente nella salute e, insieme, lo espone a rischi di subire ulteriori danni. Nessuno può essere obbligato a lasciare inoculare a sé o ai suoi bambini un prodotto di cui si sa per certo che contiene alcune sostanze tossiche sicuramente e immediatamente nocive (mercurio, alluminio), di cui si sa che l’effetto tossico sarà moltiplicato dal fatto che ben 6 vaccini verranno somministrati congiuntamente, di cui non si sa bene che grado di efficacia e che durata di efficacia abbia, di cui si sa che può provocare la malattia che dovrebbe prevenire, di cui si sa che contiene DNA di animali e feti abortiti, usati per la produzione. E di cui si sa che il governo ha esonerato il produttore dalla responsabilità per danni.

Inoltre va rilevato il fondato e grave motivo di sospetto nel fatto che il contratto di fornitura tra il governo e la Glaxo è stato stipulato dal governo con una grande industria farmaceutica attraverso trattative private, segrete, e che non è stato messo a disposizione del pubblico per il necessario controllo.

Altro grave motivo di sospetto, giustificante l’obiezione, è il fatto che i medici sono sottoposti ad intimidazione (minaccia di radiazione) da parte dello Stato (anche gli ordini dei medici sono enti pubblici) affinché non esprimano riserve e dubbi sui vaccini, il che li pone in conflitto di interesse coi pazienti, e priva i pazienti del diritto ad un’assistenza medica libera e incondizionata nel fare il bene del paziente. Inoltre i medici vengono premiati se riescono a vaccinare un’alta percentuale dei loro pazienti.

Ulteriore motivo di obiezione è nel fatto che i mass media nascondono all’opinione pubblica i dati sull’inefficacia e sugli effetti indesiderati dei vaccini come le nascondono tutte le manifestazioni popolari contro l’obbligo vaccinale, in un evidente disegno di condizionarla e disinformarla per impedirle di agire sulle scelte politiche.

Rileviamo inoltre che vi sono precedenti di vaccini comperati inutilmente con simili contratti, e che di solito con essi il governo esonera le case farmaceutiche dalla responsabilità per danni alla gente ad opera dei vaccini, o meglio trasferisce questa responsabilità risarcitoria sui contribuenti, e ciò costituisce un vero e proprio incentivo, un via libera all’industria farmaceutica fornitrice, a risparmiare sulla fabbricazione del suo prodotto e a rifilarci vaccini nocivi perché fatti male oppure perché fatti per avere effetti diversi dalla vaccinazione.

In relazione ai rapporti corruttivi tra industria e politica, di cui ho parlato prima, possiamo dire che assolutamente la classe politica non è idonea a decidere per la gente in materia di vaccini, né a negoziare contratti di fornitura sicuri con l’industria. I partiti dipendono dalle tangenti e dallo sfruttamento della spesa pubblica in modo strutturale. Se togli ai partiti di potere le loro reti di comitati di affari, di gestione della spesa pubblica, degli appalti, delle assunzioni, delle sovvenzioni, è come se togliessi il motore da un’automobile.

I contratti per la fornitura pubblica dei vaccini hanno caratteristiche giuridiche tali, come abbiamo visto, che non solo non danno garanzia di innocuità dei vaccini che saranno forniti (soprattutto perché solitamente viene esclusa la responsabilità dell’industria fornitrice), ma che anche fanno presumere, ai fini prudenziali della sicurezza, seppur non ai fini penali, che i politici siano stati indebitamente condizionati dall’industria fornitrice, e che perciò il prodotto sia insicuro.

COME DIFENDERSI

Sul piano legislativo, in primo luogo, propongo di diffondere il seguente progetto di legge per la tutela degli assuntori di farmaci, vaccini e trattamenti sanitari:

Articolo 1 Nessuno può essere obbligato a ricevere somministrazione di farmaci o vaccini che non siano già stati testati e se i risultati dei test non sono pubblicamente disponibili. Nessuno può essere in alcun modo sanzionato o discriminato per il rifiuto a ricevere somministrazione di farmaci o vaccini che non siano già stati testati e se i risultati dei test non sono pubblicamente disponibili. 

Nessuno può essere obbligato a ricevere o ad eseguire trattamenti sanitari di alcun genere, né può essere in alcun modo sanzionato o discriminato per il rifiuto di riceverli o eseguirli, se non per legge, per una necessità presente e dichiarata, e se non sono soddisfatte le seguenti condizioni:

a) La trattativa e il contratto o i contratti per la fornitura del farmaco o vaccino, dal produttore alla struttura somministrante, devono essere trasparenti e accessibili al cittadino. La casa produttrice del presidio sanitario e degli eventuali strumenti per la sua somministrazione e conservazione deve rendere interamente nota la composizione molecolare, la procedura produttiva, i metodi di conservazione del presidio sanitario e degli strumenti per la sua somministrazione, il suo effetto e la sua funzione in relazione alle condizioni della persona, il procedimento eseguito per testare il farmaco o vaccino e i suoi effetti, gli eventuali finanziamenti o altri contributi alla procedura dei test o di corresponsione o promessa di utilità economiche ai soggetti che la hanno eseguita, da parte di chi abbia interesse commerciale o giudiziario nella fornitura del farmaco o vaccino. I predetti soggetti devono fare dichiarazione al pubblico dei predetti finanziamenti, contributi, utilità. Particolarmente in quanto ai vaccini, dovrà essere dichiarato l’ambito di copertura, la durata della copertura, il grado quantitativo di copertura, l’età di possibile somministrazione in relazione allo sviluppo del sistema immunitario, gli eventuali effetti sul funzionamento e sullo sviluppo del sistema immunitario.

b) Lo stato, in persona del Ministro della sanità, deve aver accertato e garantito espressamente e con piena responsabilità quanto al punto precedente. 

c) I cittadini individualmente o attraverso associazioni devono avere la possibilità di verificare quanto al punto a).

d)Il farmaco o vaccino deve essere stato già testato per il tipo di soggetto a cui viene somministrato anche nella combinazione e interazione con altri farmaci o vaccini, anche in relazione all’età dei soggetti.

e)Deve essere assicurata la piena responsabilità civile, penale e amministrativa, anche verso i pazienti, dei produttori, dei distributori e degli enti pubblici che prescrivono il trattamento e che sono tenuti alla farmacosorveglianza per eventuali danni dovuti a difforme o difettosa composizione, sperimentazione, produzione, conservazione e somministrazione dei suddetti presidi.

Articolo 2 – Ognuno ha libertà di opinione, di ricerca, di parola, di insegnamento in ogni aspetto della materia medica, chirurgica, biologica e non può essere sottoposto a sanzioni di alcun tipo, comprese le sanzioni disciplinari dell’ordine di appartenenza, per lo svolgimento tali attività, qualora non sia provato che abbia in malafede diffuso pubblicamente notizie false e tendenziose che abbiano causato danni alla salute delle persone.

Articolo 3 – Nessuna prescrizione di trattamento sanitario potrà essere eseguita se non previa visita medica presso un’agenzia del sistema sanitario nazionale, la quale se ne assuma la responsabilità congiuntamente al medico o ai medici che la eseguono anche in ordine alla idoneità del paziente a ricevere il trattamento.

Articolo 4 – La violazione dell’articolo 1, comma a) e comma b), è punita con la reclusione da due a cinque anni, con la multa da € 100.000 a 500.000, e con l’interdizione dai pubblici uffici e dalla professione per cinque anni. 

Qualora si accerti che la violazione è avvenuta in presenza di cessioni di utilità in favore di pubblici ufficiali, la pena è da cinque a vent’anni di reclusione, con la multa da € 1 milione a 10 milioni e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e dalla professione.

Qualora il ministro o il sottosegretario alla sanità siano condannati per il reato di cui al primo comma o al secondo comma, la pena per loro è raddoppiata. 

Chiunque, in violazione dell’articolo due, minacci sanzioni pubbliche o private per inibire l’esercizio dei diritti sanciti nel medesimo articolo, è punito con la reclusione da due a cinque anni, la multa da € 5.000 ad € 20.000 e l’interdizione dai pubblici uffici e dalla professione per la durata della pena detentiva. La pena è raddoppiata qualora la violazione sia compiuta al fine di limitare la libertà di un medico nell’esercizio delle sue funzioni, della ricerca e della informazione al pubblico. 

La violazione dell’articolo 3 è punita con la reclusione da due a cinque anni, con la multa da € 5,000 a € 20.000 e con l’interdizione dai pubblici uffici e dalla professione per la durata della pena detentiva.

Ognuno ha facoltà di pubblicare interamente la sentenza di condanna o assoluzione a sue spese. Le testate prescelte non possono rifiutare la pubblicazione.

Sul piano della difesa in sede amministrativa, extra giudiziale, si sta lavorando a una dichiarazione critica di obiezione, in attesa del varo della legge di conversione con eventuali ulteriori modifiche, e dei regolamenti di attuazione ministeriali.

In attesa che la legge sull’obbligo vaccinale assuma una configurazione definitiva in modo che possiamo elaborare strumenti di obiezione definitivi, è bene aspettare, se possibile, a prendere posizione.

In ogni caso, non firmate dichiarazioni di rifiuto informato alla vaccinazione, perché in realtà non siete informati siccome l’informazione viene nascosta o limitata o distorta. Non dichiarate di essere contrari ai vaccini come tali, ma dichiarate che volete prima essere sicuri che non siano nocivi, che siano efficaci, e che il carattere segreto delle trattative e del contratto stipulato dal governo, con l’esonero di responsabilità per danni ai favore delle case farmaceutiche, fa pensare a un accordo illecito, alla corruzione politica, a forniture scadenti. E che state considerando l’opzione di comperare e vostre spese vaccini fatti meglio, più garantiti, per i vostri figli.

E’ essenziale in ogni caso responsabilizzare per iscritto, ai fini civili, penali e amministrativi, il personale sanitario e amministrativo con cui verrete a contatto, ricordandogli che, per disposto costituzionale, il pubblico funzionario risponde dei danni solidalmente con la pubblica amministrazione.

Occorre tutti insieme, magari attraverso un’organizzazione di consumatori:

Affermare il principio: Niente autorità senza responsabilità.

Scrivere preventivamente alla ditta produttrice chiedendo garanzie, trasparenza dei metodi produttivi e spiegazioni; siccome questa non le darà, farlo presente all’azienda sanitaria come giustificazione al rifiuto.

Chiedere all’Asl previa autorizzazione scritta a filmare la vaccinazione, a ritirare le siringhe, le scatole e i bugiardini a scopo di assicurare le prove per il caso che sorgano effetti avversi.

Sul piano giudiziario, si possono avere diverse situazioni.

Se la scuola vi rifiuta l’iscrizione dei figli perché non li avete fatti vaccinare, potete ricorrere al tribunale richiedendo un provvedimento d’urgenza per l’ammissione.

Se vi verrà notificata un’ordinanza che applica una sanzione amministrativa perché non avete fatto vaccinare i figli, potrete impugnarla davanti all’autorità giudiziaria competente, che sarà indicata nel testo stesso dell’ordinanza.

In ogni caso, potete richiedere al giudice di posporre la vaccinazione a quando il bimbo avrà almeno 48 mesi, cioè a quando avrà un sistema immunitario sviluppato, proprio per far sì che il vaccino sia efficace.

Se il Tribunale dei Minorenni, su segnalazione dei servizi sanitari, vi convocherà prospettando un possibile affidamento dei figli ai servizi sociali affinché vengano vaccinati, dovete costituirvi assistiti da un avvocato e spiegare le ragioni del vostro rifiuto, e sottoporre documentazione scientifica e la giurisprudenza che già dice che l’obiezione vaccinale non è per sé incuria verso la prole.

Se riscontrate danni da vaccinazione, potete richiedere il risarcimento all’Asl, al Ministero e, in solido, alle persone che vi hanno costretti a subire la vaccinazione. La Corte EDU di Strasburgo ha dettato i principi per dimostrare il nesso causale tra vaccino e danno: prossimità temporale, assenza di familiarità, casi analoghi, collegamento plausibile.

Dal punto di vista penale, già diverse denunce sono state sporte contro il ministro della Sanità e altri; è opportuno organizzarsi per presentare ulteriori denunce anche contro gli operatori sanitari e amministrativi che, applicando fedelmente o meno le norme sull’obbligo vaccinale o andando oltre esse, commettono illeciti quali minacce, violenza privata, abuso di atti d’ufficio, lesioni personali.

In caso che veniate denunciati ex art. 650 cp, cioè per disobbedienza all’ordine dell’autorità di eseguire la vaccinazione, ricordare che l’unica fattispecie che potrebbe oggi far scattare un simile provvedimento è quella prevista dall’art. 260 T.U.L.S. cioè se l’ordine di vaccinazione ha funzione di impedire la diffusione di malattie infettive concretamente presenti sul territorio o sul punto di diffondersi.

Infine, bisogna intervenire nel giudizio costituzionale già promosso con ricorso alla Consulta dalla Regione Veneto contro il DL 73/2017 e in quello che sarà promosso contro la legge di conversione del medesimo.

Gli argomenti da usarsi negli atti giudiziari sono sostanzialmente quelli esposti in questa relazione, e che trovate nella letteratura specializzata; ma il succo è che ci troviamo di fronte a un caso in cui concorrono moltissimi elementi, elementi gravi e convergenti, indizianti l’ennesimo abuso della politica incompetente e affarista nonché asservita agli interessi del grande capitale soprattutto anglo-americano. Faremo anche presente che il fatto che l’Italia faccia da apripista mentre gli altri paesi non hanno obblighi vaccinali o li hanno in misura minima, conferma che non vi è alcuna urgenza di vaccinazione di massa in Italia, a meno che questa abbia scopo sperimentale oppure che sia necessitata dal fatto che stiamo accogliendo milioni di immigrati a loro volta provenienti da paesi infestati da malattie qui da noi già debellate o mai esistite. Ma se così è, non bisogna reagire coi vaccini bensì respingendo ed espellendo o quarantenando gli immigranti a rischio.

24.07.17 Avv. Marco Della Luna

1Art. 32. La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettivita`, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno puo` essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non puo` in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

2Articolo 3 Diritto all’integrità della persona 1. Ogni individuo ha diritto alla propria integrità fisica e psichica. 2. Nell’ambito della medicina e della biologia devono essere in particolare rispettati: il consenso libero e informato della persona interessata, secondo le modalità definite dalla legge, il divieto delle pratiche eugenetiche, in particolare di quelle aventi come scopo la selezione delle persone, il divieto di fare del corpo umano e delle sue parti in quanto tali una fonte di lucro, il divieto della clonazione riproduttiva degli esseri umani.

6 commenti:

  1. Mi sono, in questi giorni di riflessione sull'argomento vaccini, convinto che i " NO-VAX " non esistano! Nel senso che le persone siano state volutamente forzate "controllo delle masse" , anche in questo caso, a scegliere di schierarsi in una delle tante fazioni. È sempre lo stesso gioco, e ci caschiamo sempre. Per essere combattuti e battuti con facilità veniamo sistematicamente frammentati ed "etichettati"(che è un deterrente a fare gruppo ).
    Ci hanno fatto credere ci fossero i moderati(fre-vax )e gli estremisti (no-vax la frangia violenta).
    Sono certo invece che tra questi genitori arrabbiati nessuno volesse in modo estremista e coercitivo (al contrario di chi si nasconde dietro una maschera, che sia del governo o di una multinazionale) privare alcun individuo di vaccinarsi o di fumare o di bere o di prendersi a sberle se ne sentisse la necessità o credesse essere giusto. Ciò che importa è che le nostre scelte non rechino danno alle altre persone.
    La protesta è nata dal fatto che è stata negata la possibilità di scelta, libero arbitrio, con delle motivazioni quanto meno discutibili, torbide e sicuramente prive di necessario intervento tempestivo.
    Non dobbiamo cadere nel meccanismo che ci vuole etichettati e catalogati, questo ci priva della libertà di espressione e di pensiero.
    Dobbiamo lottare tutti ed insieme perché nessuno possa sentirsi legittimato ad autoproclamarsi il nostro tutore come si fa con chi è incapace di intendere, soprattutto per delle scelte così personali.
    Ricordiamoci che ci hanno propinato l'attuale democrazia(ragiono a livello globale) come l'apice della civiltà, ma si sono soltanto arrogati il diritto di legislatura in legislatura di decidere al posto nostro, facendo gli interessi dei loro padroni e finanziatori, soggetti i quali hanno a cuore solo la supremazia ed i loro dividendi anche a costo di lasciarsi dietro una lunga e dolorosa striscia di sangue. Ed anche se la storia li ha sputtanati tante volte, oserei dire sempre, tornano sempre perché noi abbiamo un grosso handicap, non possediamo memoria storica, stiamo li a farci fottere sempre dallo stesso baro che gioca al gioco delle tre carte pur essendo stati più volte testimoni e vittime dell'inganno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dire, un'analisi ineccepibile con la quale concordo, naturalmente! Grazie per la riflessione. Le manipolazioni che subiamo, più o meno passivamente, spesso in modo inconsapevolmente complice, la filosofia del meno peggio, dell'arraffare il possibile fregandosene delle conseguenze, sugli altri e sul mondo in generale etc.., ci portano a un'omologazione di pensiero che tende all'appiattimento del genere umano. Del resto questo vale in tutti gli ambiti, a cominciare dalla scuola che non prepara mai - giammai! - i ragazzi al pensiero autonomo bensì al pensiero comune, al senso comune, che sembra allontanarci sempre di più dal sano buon senso ..

      Elimina
  2. Giustissimo...è un mondo spaventoso quello che aspetta i nostri figli. Se non impareranno che le ingiustizie devono essere combattute e che i genitori devono sempre schierarsi per il bene dei figli,E che nessuno deve permettersi di sindacare su di loro, quando ne viene toccata la salute l' istruzione e la natura,che è di tutti, allora sarà un mondo perduto.

    RispondiElimina
  3. ...considerando anche che un domani il trattamento biochimico di massa, se si lascia passare il principio che sia lecito, potrà essere esteso agli adulti e a sostanze diverse dai vaccini.

    E' ciò che viene inevitabile pensare, per questo siamo di fronte a una che potremmo definire come la madre di tutte le battaglie per i diritti civili.
    Non si tratta "solo" di difendere a qualunque costo il diritto a procedure sanitarie trasparenti e scientificamente e oggettivamente motivate, ma di non trascurare l'alto valore simbolico dell'opporsi alla violenza del mercato, unico referente ormai di ogni politica dello stato, che dopo aver steso intorno agli umani una rete più vischiosa di una tela di ragno, sta imponendo il superamento dell'ultima barriera di protezione dall'invasione del corpo.
    Nessuno osi toccare i bambini, sono l'unica speranza di salvezza che abbiamo.
    Se non ci opponiamo, non ci sarà nessun modo di fermarli quando estenderanno l'invasione a tutti i corpi.
    Ciò che ti spara dentro una siringa non lo puoi più controllare, bisogna fermarli prima che accada.

    RispondiElimina
  4. "Ciò che ti spara dentro una siringa non lo puoi più controllare, bisogna fermarli prima che accada". Che cosa c'è da commentare. E' una analisi che informa e spero formi. Spunto per trasformarsi in umani, cioè animali razionali.

    RispondiElimina
  5. Lo spero anch'io...
    Condivido anche il commento di Rossland, siamo davanti a un rischio serio di limitazioni delle (poche paragonate a quelle sbandierate) libertà che possediamo e, fermo restando che, mettendo in discussione tale obbligo si cerca non l'abolizione (talvolta le vaccinazioni potrebbero rivelarsi necessarie) ma la sicurezza ed effettiva necessità delle stesse. In effetti, secondo quella logica, e siccome la durata dei vaccini è limitata nel tempo, l'obbligo dovrebbe essere esteso a tutti, bambini, adulti, migranti, turisti etc... Ma siamo o non siamo davanti a un reale pericolo di epidemia? ;) ..

    RispondiElimina