giovedì 30 aprile 2015

Mercurio liquido sotto una piramide messicana. A che cosa serviva?

Un archeologo ha trovato mercurio liquido alla fine di un tunnel sotto la Piramide del Serpente Piumato in Messico, potrebbe esserci una camera segreta

Scoperto mercurio liquido sotto una piramide messicana – Potrebbe essere presente una camera segreta nascosta sotto la Piramide del Serpente Piumato, la terza più grande piramide di Teotihuacan, la città in rovina, nel centro del Messico.

E’ quanto scoperto dal ricercatore messicano Sergio Gomez il quale ha individuato mercurio liquido al di sotto della piramide, spiegabile con la presenza di una tomba di un re o di una camera segreta nascosta in profondità. 

Ci sono voluti sei anni di scavi nel tunnel, aperto nel 2003 dopo 1800 anni, per arrivare a questa scoperta; alla fine del tunnel sono state trovate, nei mesi scorsi, tre camera a 90 metri di distanza e a circa 20 metri sotto il tempio. 

Inoltre un prezioso tesoro è stato trovato vicino all’ingresso delle camere composto da statue di giada, resti di un giaguaro, una scatola colma di conchiglie intagliate ; durante l’esplorazione delle tre camere è stato scoperto il mercurio liquido, altamente tossico e, in caso di esposizione prolungata, in grado di causare gravi danni all’organismo ...

Mercurio liquido sotto la piramide, foto blueplanetheart.it

Non è chiaro quale fosse il suo scopo ma mercurio liquido è stato trovato anche in altri siti dell’America centrale e potrebbe essere il segno dell’imminente scoperta della prima tomba reale mai trovata a Teotihuacan dopo decenni di scavi.

Un’altra ipotesi è legata al fatto che il mercurio potrebbe simboleggiare un fiume sotterraneo o un lago o che possa essere la conseguenza del riscaldamento del minerale di mercurio, usato anche per il pigmento rosso sangue; trovare una tomba potrebbe aiutare a risolvere diversi misteri, come ad esempio quello legato a come Teotihuacan sia stata governata. 

Secondo il team di archeologi anche la concentrazione elevata di reperti potrebbe essere la chiara indicazione della presenza di una tomba reale. Lo scavo delle camere dovrebbe essere completato entro la fine dell’anno: intanto altri archeologi stanno cercando di decifrare le pitture e i geroglifici intorno alla città, mentre altri ancora stanno lavorando all’analisi di quello che potrebbe essere un sistema di scrittura.

Anche se qui si tratta di una scoperta sul suolo messicano, un'altra ipotesi suggerita dai vimanas dell'India e della Cina - forse fantasiosa - potrebbe venire in mente: e se si trattasse di carburante? ..


Sono molti i miti e leggende che narrano antiche macchine volanti, tappeti volanti nell’antica Arabia. Anche nei testi antichi sacri di cui se ne è parlato in più occasioni in questo sito, di Ezechiele e Salomone che volano da un luogo all’altro, visione di carri magici, e ancora, i Vimana della vecchia India e Cina.

Tra gli antichi testi che menzionano velivoli (Vimana) i più famosi sono Ramayana e Mahabharata. Altri meno noti; Samarangana Sutra-dhara, la Yuktikalpataru di Bhoja (12° secolo d.C.) il Mayamatam (attribuito all’architetto Maya celebre nel Mahabharata), il Rig Veda, il Yajurveda e Ataharvaveda.

Secondo lo storico indiano Ramachandra Dikshitar, che scrisse il testo classico sulla guerra antica indiana, e altri testi che menzionano i veicoli e il trasporto aereo sono Satapathya Brahmana, il Rig Veda Samhita, il Harivamsa, il Makandeya Purana, Visnu Purana, il Vikramaurvasiya, il Uttararamacarita, il Harsacarita, il testo Jivakocintamani di Tamil, e il Samaranganasutradhara.

In Manusa, si trovano invece, i dati più dettagliati riguardanti la costruzione di macchine volanti. Il Samarangana Sutradhara dice che erano costruite con un materiale leggero, ma allo stesso tempo forte e ben modellato. Per la loro costruzione furono utilizzati ferro, rame, mercurio e piombo. Erano in grado di volare a grandi distanze ed erano spinti in aria da motori. Il testo dedica Samarangana Sutradhara dedica 230 strofe alla costruzione di queste macchine e il loro uso in tempo di pace e di guerra:

“Forte e durevole deve essere effettuato il corpo, come un grande uccello volante di materiale leggero. Al suo interno si deve inserire il motore a mercurio con il suo apparato di riscaldamento in ferro posto in basso. Per mezzo del potere latente del mercurio che permette la messa in moto, un uomo che si siede al suo interno sarà in grado di percorrere una grande distanza nel cielo in un modo meraviglioso. Allo stesso modo, seguendo le istruzioni descritte si potrà costruire un Vimana grande come il tempio del Dio in movimento. Dovranno essere costruiti quattro contenitori resistenti di mercurio nella struttura interna. Quando questi verranno riscaldati dal fuoco controllato dai contenitori di ferro, il Vimana svilupperà una potenza di tuono attraverso il mercurio. Successivamente si convertirà in una perla nel cielo”.

Inoltre, se questo motore di ferro con giunti opportunamente saldati verrà riempito di mercurio, e il fuoco verrà diretto nella parte superiore, svilupperà la sua potenza con il ruggito di un leone.

Fonte e articolo intero: www.coscienza-universale.com



Continuando a lavorare di fantasia, aggiungiamo al puzzle la grossa lastra di pietra rinvenuta a Palenque (Palenque è solo il nome dato dagli spagnoli durante il loro dominio alla località, il nome antico della città era «Na Chan Caan», letteralmente «La Casa del Serpente Celeste»!) che copriva il sarcofago di un re Maya di nome Pacal vissuto nel VII secolo d.C ... 

Per interpretarla furono usate le più varie e cervellotiche ipotesi, ma nessuna che fosse soddisfacente. L’unica che, una volta osservata un’immagine della pietra, fosse plausibile è senz’altro quella che sembra anche la più incredibile e , forse, la più “impossibile”: l’ipotesi della capsula spaziale…!Entrando più nel dettaglio, la scena raffigura un uomo seduto in una sorta di abitacolo, piegato in avanti, con mani e piedi appoggiati ad oggetti di varie forme e dimensioni che ricordano congegni meccanici. Dietro all’uomo vi è un blocco che fa pensare al “motore” della navicella. Il piede destro sembra essere appoggiato su un pedale ed addirittura l’uomo sembra avere un respiratore collegato al suo naso.Inoltre, per finire, dalla parte posteriore della “navicella” fuoriescono delle fiamme ...
Tratto da: catetom79.wordpress.com

Si trattava di macchine volanti? ...

Serpente Celeste, Serpente Piumato ... Quetzalcoatl. 



2 commenti:

  1. Il mercurio era usato per l'estrazione dell'oro dai minerali attraverso la formazione di amalgama del metallo prezioso dai poi veniva separato

    RispondiElimina