mercoledì 26 giugno 2013

Piano segreto di riduzione della popolazione mondiale? Mettiamo che sia vero ..

Bruno Aliberti

Dal 1900 ad oggi, la popolazione mondiale è cresciuta di 4 volte, quella Italiana di 2.
Mettiamo che alcuni signori, i più facoltosi, ritenendo questa crescita insostenibile, per il sistema capitalistico, avessero deciso un resettaggio, tale da riportare i numeri a quelli del 1900, o giù di lì.
Mettiamo che, ad esempio, un Rockefeller ne avesse parlato ad un Congresso, o che lo avesse fatto un Bill Gates ad un Convegno, o un Ted Turner ad una intervista. Giusto per citare nomi famosi e noti ai più.
In quanti, tra gli individui che fanno parte del pianeta terra, crederebbero che questo stia avvenendo?
E, se fosse così, quali sarebbero i metodi utilizzati per effettuare questa riduzione della popolazione?

Una cosa è certa: se fosse così, intere popolazioni dovrebbero essere distolte da questo pensiero.
Sarebbe necessario operare in modo tale da indirizzare le masse verso altre questioni, inondandole continuamente di falsi problemi, così da tenerle impegnate in quotidiane dissertazioni senza sbocco.
In altre parole, far perdere loro l’unica risorsa non rinnovabile che c’è al mondo: il tempo disponibile.
Ogni Governo, comandato dall’alto, dovrebbe quindi farsi carico di creare tutte le condizioni necessarie e sufficienti per “impegnare” la popolazione del proprio Stato in una condizione di omologazione passiva.
In dittatura, tutto questo è ben chiaro al popolo. Per cui, la strategia utilizzata deve, quindi, forzatamente, contemplare la presenza di una forza militare, che intervenga al primo segno di intolleranza e ribellione.
In democrazia, invece, bisogna fornire l’apparato di una vasta compagine di attori credibili, che mettano in scena quotidianamente una commedia plausibile, per un pubblico idiota, passivo, pagante e plaudente...

Per non andare lontano, in Paesi che poco si conoscono, se non per ciò che viene detto dalle tv e scritto sui giornali (attori principali della democrazia) o per ciò che si è visto in brevi vacanze dirette dai tour operator, potremmo guardare all’Italia degli ultimi periodi, cercando di astrarci da quanto tentano di somministrarci.

Un partito politico ha governato per la maggior parte del tempo comandato e diretto da Berlusconi, mentre la falsa opposizione inscenava l’ostruzionismo, incanalando e guidando il malcontento della parte restante, col beneplacito del supervisore della democrazia firmatario di tutte le Leggi: il Presidente della Repubblica.
Nel 2007, tutte le banche offrivano prestiti a chiunque e per qualsiasi acquisto e, soprattutto nel caso di immobili, per l’intero valore degli stessi. Sembrava di essere al parco giochi di Dysneyland o di Lucignolo.
Si inculcava l’idea che chiunque potesse far acquisti, anche spropositati, non consoni alle possibilità ed al proprio tenore di vita, rimandando, al futuro, il rientro in comode rate mensili supportate dallo stipendio.
Ecco poi spuntare fuori dal nulla, improvvisamente come un coniglio dal cilindro del prestigiatore, una crisi.
Non una crisi qualsiasi, come se ne erano viste ed attraversate altre, ma la crisi della tempesta perfetta.

Quando scarseggia o si perde il lavoro, quelle comode rate mensili diventano come una spada di Damocle, il coltello che si rigira nella piaga, che costringe ogni mattina, al sorgere del sole, ad arrampicarsi sugli specchi per riuscire ad inventarsi un modo lecito per pagarle. Poi, il lecito non basta più, e quindi, per non morire, in una perdita costante e continua di ogni valore reale, fisico e spirituale, avviene la completa metamorfosi spersonalizzante e disumanizzante, nell’accettazione, via via crescente, di opzioni sempre più degradanti.
Imbestialiti, si professa definitivamente la legge del fine che giustifica qualsiasi mezzo: Mors tua vita mea.
Banche e finanziarie, si mettono di traverso e non prestano più a nessuno. Equitalia ti prende la casa.
Quando tutto è ormai andato definitivamente a puttane, e nulla è sopravvissuto dell’anima, c’è il suicidio.

Nulla può essere lasciato al caso in un progetto ipotetico di riduzione forzata della popolazione. Per quanto numerosi possano essere a decidere di togliersi di torno spontaneamente, non sono di certo questi, da soli, i numeri bastevoli alla causa. Quindi va ampliato il ventaglio dei modi, aiutando e sviluppando la fantasia.
Ad esempio una inutile Tav che, con un semplice scavo di un foro per liberare l’uranio e l’amianto contenuti nella montagna, può distruggere una valle e i rispettivi abitanti. Un Muos che, con le sue onde magnetiche, può causare notevoli e numerosi casi di leucemia, come ai militari che ci hanno lavorato. Un’Ilva, dove costringi a lavorare, nonostante l’accertato numero di casi conclamati di tumore. Discariche in Campania, dove alloggiare rifiuti nucleari e chimici tossici, in luogo dei rifiuti solidi urbani che, invece, venendo bruciati per le strade o negli inceneritori, possono generare diossina, a beneficio degli alveoli polmonari.
Una cinquantina di affondamenti, nei nostri mari, delle navi dei veleni che trasportavano scorie nucleari.

Magistratura connivente o resa inerte con lungaggini, depistaggi e mobbing, insieme a Leggi promulgate contro le popolazioni sulla scorta di studi scientifici mai effettuati, o manipolati dai cosiddetti “esperti”.
Aggiramento delle Norme sull’arsenico nell’acqua potabile degli acquedotti, di oltre un centinaio di Comuni, con valori quintuplicati per ciò che rende l’acqua non utilizzabile, nemmeno per fini domestici, ma ugualmente erogata, con l’obbligo e responsabilità, per il cittadino pagante, di non farla bere ai bambini.
Continuazione e perseveranza nell’esercizio ospedaliero di pratiche terapeutiche afferenti le patologie tumorali, con chemioterapia e radioterapia, già risultate fallimentari da decenni, con risultati mondiali di sopravvivenza a 5 anni che si attestano a valori massimi di un esiguo 6%, e studi conclamati che, per giunta, evidenziano la velocizzazione ed amplificazione del tumore, soggetto ad una regressione solo momentanea.
Dentisti che perseverano nell’applicazione di amalgama al mercurio e piombo, così come i solerti pediatri vaccinatori, ma senza assunzione di responsabilità per i danni provocati ovunque, subito, e poi ad effetto ritardato, con patologie generate dagli eccipienti inoculati su bimbi innocenti di genitori inconsapevoli.



Supermercati invasi da prodotti di cui non è dato sapere nulla della provenienza, con indicate sostanze non ben meglio identificate, dai nomi (come Aromi), e sigle E (edulcoranti) + un numero, spesso, per non dire la maggior parte delle volte, incomprensibili alla quasi totalità della massa, che legge e compra solo per la marca ed il prezzo, mai arrotondato all’unità, ma sempre con il fuorviante 99 centesimi dopo la virgola.
Farmacie con in vendita medicinali dai prezzi intollerabili, a contenuto di eccipienti che confermano, sul bugiardino, produrre una quantità di innumerevoli effetti collaterali, quasi sempre superiori al beneficio, ma pubblicizzati alacremente in tv in luogo di un più corretto sistema di alimentazione e di vita.
Energie pulite, scoperte da decenni, ostacolate ed insabbiate, da altrettanto tempo, che avrebbero potuto mandare in pensione il venefico petrolio ed i suoi derivati cancerogeni, che ti ritrovi pure nei cosmetici.

Mettiamo che non sia vero il disegnato palcoscenico del progetto di una mirata riduzione della popolazione e dell’aspettativa di vita, nascosta dietro ad un ossessivamente pubblicizzato aumento della stessa che, pur essendoci, non solo è limitato nella quantità ma, e non è cosa assolutamente di poco conto o da sottovalutare, nella qualità. Il punto di partenza delle malattie, avviene sempre ad età più giovane e, inoltre, ne spuntano fuori sempre di nuove, con costanti e continui timori diffusi per probabili pandemie.

E’ immaginabile che in corrispondenza di un salto così futuristico nel progresso tecnologico, in cui basta sfiorare col dito uno schermo per poter attingere a strumenti di conoscenza incredibili e nel contempo dover lavorare il doppio (ammesso che un lavoro ci sia), non sia stata scoperta una cura per le malattie?

Dovremmo forze alzare gli occhi al cielo ed, a mani giunte, invocare l’intervento uno spirito divino?
Impossibile ci senta o ci veda, visto che da anni, i nostri cieli sono attraversati da aerei senza livrea che rilasciano scie persistenti di agenti chimici che devono avvelenarci. Avvelenarci si, ma lentamente.
Adesso raccontami di Bersani, Berlusconi, o Grillo… Draghi, Napolitano e Monti, di ciò che ha detto in tv Travaglio, Crozza, o Paragone all’ultima parola, invitando Giannino dalle lauree mai prese, o il referente al senato Messora, al quale (citazione del 20 giugno alle ore 1.59 su Fb) “delle scie chimiche non glie ne frega niente, perché non può occuparsi di tutto ma, soprattutto, le ritiene una grandissima stronzata” .

16 commenti:

  1. Ho potuto leggere ed apprezzare il tuo articolo.
    In riferimento a cio' ho letto un libro, Il Club Bildenberg e credo (se non lo hai gia' letto) che anche tu lo troverai interessante.

    Voglio darti uno spunto di riflessione, e voglio "darci" una possibilità:

    Ammettiamo che tutto ciò è vero, che c'e' un organizzazione mondiale o un governo internazionale sovrastante che comanda, regola e determina vita e morte sulla terra.
    A parere tuo, per quanto dormiente possa essere la massa, è più plausibile che si arriverà ad un punto in cui questo sistema collasserà e la "massa" prenderà il controllo oppure che fino alla fine dei tempi i "pochi eletti" avranno sempre il controllo della situazione?

    A parere mio, in virtù anche di questa "primavera delle coscienze", c'e' stato di recente uno scisma all'interno delle segrete stanze e questa crisi (che certo non fa bene ai più ma non fa bene nemmeno ai pochi), ne è una concausa.

    In ogni caso, sarà la storia a dire come andrà a finire, noi potremmo parlarne, dubitare di avere ragione e senno ma avremmo sempre meno voce in capitolo di Maria De Filippi & simili.

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  2. Grazie per il suggerimento Felice. :)
    Condivido il tuo pensiero, aggiungendo che quell'elite è ormai dominata da un'eggregore composta da persone a loro volta schiave (seppur con privilegi materiali) del sistema stesso, la spirale del potere per il potere, e per fare si che il sistema crolli è necessaria prima di tutto una presa di coscienza individuale, che passi attraverso la conoscenza. Ma la maggior parte delle persone fa ancora la scelta, purtroppo, di non voler sapere. Non vuole sapere ciò che succede fuori, e ancora meno ciò che succede dentro sé stessa...
    Ciao :)

    RispondiElimina
  3. E' ormai noto che la migliore e piu' efficace arma nelle mani di una popolazione per difendersi dai diversi soprusi del potere e' l'informazione e cioe' ridurre al massimo l'ignoranza su quanto avviene intorno a noi e nel mondo intero, ottenendo in tal modo una visione reale e non "fantastica" di cio'. Solo in tal modo le masse avranno la possibilita' di combattere e contrastare i vertici del potere malefico e distruttivo, se non altro indebolendo notevolmente la loro capacita'offensiva.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Difficile trovare con una simile eleganza una sintesi così esaustiva.
    Complimenti a parte, mi sorge spontanea una domanda: la gente merita di essere salvata?
    Istintivamente mi viene da dire sì, ma poi osservo la pochezza dei tanti poveracci che mi circondano, che trovano momentaneo sollievo quando vedono qualcuno più in difficoltà di loro e allora, per un fugace attimo, si sentono felici.
    Questa è gente da salvare? Gente che non si degna nemmeno di aprire una pagina web per documentarsi su quello o quell'altro problema, preferendo redtube o pornoitalia per un altrettanto fugace attimo di felicità fatto da 5 contro 1?
    Sicuramente qualcuno va salvato, gente sensibile a certe tematiche e disposta a cambiare vita radicalmente.
    La giusta domanda da porsi è come trovare e mettere insieme questa gente.
    Cooperazione e sinergia sono strumenti estremamente potenti e che potrebbero garantire uno standard di vita decisamente superiore alla media se applicate ad un contesto di max 100 persone.
    Forse la ricerca di questi soggetti inizia qui questa sera su questa pagina web!
    Buona caccia!
    Per contatti mmassa79@gmal.com

    RispondiElimina
  6. ..mi ripeterò ma..sempre un piacere leggerti Doc..

    RispondiElimina
  7. https://www.facebook.com/jackson.jmjjking?ref=tn_tnmn

    RispondiElimina
  8. Certo che è vero! Basta essere realisti. Anche io ho letto il libro il club bilderberg. Ma gia si capisce anche senza leggerlo.

    RispondiElimina
  9. Complimenti davvero per l ottima riflessione.
    Anchè se il complotto non esìstesse abbiamo introdotto volutamente veleni a tutti gli stadi.
    come finira?
    Finirà come tutte le volte che si tira troppo la corda....si spezza
    Ancora complimenti per l ottimo articolo

    RispondiElimina
  10. si decentra sempre l'attenzione dal problema primario... il problema primario a mio avviso è la sovrappopolazione e la riduzione delle risorse. Mi collego a quello che qualcuno ha detto. la gente merita di essere salvata? una massa, compresa me, ottusa, offuscata, pronta ad incendiarsi se gli rubano dal proprio orticello, ma incurante di quello che stiamo rubando a noi stessi a grandi manciate. Ho il terrore di immaginare quello che questa massa possa fare in assenza o carenza di acqua e cibo, visto quello che fà quando non ha la liquidità per comperare l'ultimo gadget elettronico. Una massa pronta a fare lo struzzo pur di non prendere decisioni importanti, decisive e drastiche. Decisioni che stiamo delegando a quei oscuri poteri che tanto temiamo. Ma se questa massa non vuole prendere coscienza?? i pochi non debbono prendere provvedimenti? di certo saranno a tutela di loro stessi e come biasimare? è necessario correre ai ripari e prendere drastiche, veloci e decisioni.

    RispondiElimina
  11. Siamo tutti d'accordo sul fatto che bisogna "andare a caccia" di non dormienti. Più che altro bisogna stimolare chi si sta svegliando: questo blog, come tanti altri, e la rete in generale, può contribuire a una parte di tale compito. Ma il resto rimane una scelta individuale, da applicare nella realtà, e non solo in quella virtuale ..
    E bisogna lottare, come qualcuno ha specificato, contro la solita inerzia che caratterizza la nostra specie e che ci porta a delegare e ad essere, di conseguenza, sopraffatti.
    Paradossalmente Internet sarebbe uno strumento ideale di lotta contro l'ignoranza, ma vengono (volutamente e non) proposti troppi temi superficiali, alcuni sono vere e proprie armi di distrazione di massa, ed è difficile misurare l'eventuale cambiamento di coscienza in atto.
    Solo Zuckerberg lo sa!

    RispondiElimina
  12. La riduzione della popolazione Mondiale per rallentare i consumi energetici e riportarli nella sostenibilità del pianeta, non si trova in linea con la mia invenzione che riduce il consumo dei combustibili liquidi.
    A loro non interessano le evoluzioni, a loro interessa uccidere, questo disegno non poteva che partire da il Governo Americano, Governo con il culto della morte, guerrafondai dal DNA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che a "loro" non interessa, ma a noi magari si... Avresti un link sulla tua invenzione? Grazie!

      Elimina
  13. Catherine agganciandomi al commento di cui sopra ti informo che la tecnologia c'è già da tanti anni e fa riferimento a Ettore Majorana, qui c'è il link https://www.youtube.com/watch?v=5DTVy8AcWHc della Conferenza a seguito dell'inchiesta giornalistica di Rino di Stefano, è una macchina che oltre a creare energia tramuta anche la materia e quindi sarebbe utile anche per incenerire i rifiuti, e addirittura può traslare la materia.
    Inoltre per rispondere a questa domanda: "E, se fosse così, quali sarebbero i metodi utilizzati per effettuare questa riduzione della popolazione?" sono venuta a conoscenza di queste potenti armi che possono essere usate per più scopi:
    http://www.nexusedizioni.it/it/CT/il-controllo-politico-con-le-armi-a-energia-diretta-5507

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di averlo ricordato Laurama ^_^

      Elimina
  14. IL CASTELLO DELLE CERTEZZE

    L’Universo intiero assedia il castello delle certezze che nella mente della specie umana è tenuto in piedi dalla malta costituita del sudore e dal sangue degli schiavi.
    Il castello delle certezze è quell’edificio dal quale i detentori delle risorse non possono in alcun modo prescindere.
    Oggi esso rimane fisicamente tale ora come: Banca super protetta;ora come Residenza allarmata e difesa da una schiera di schiavi Pretoriani.
    Ma di quello fisico è ben più importante quello psichico creato e instillato giorno per giorno nella mente dell’uomo–massa ad opera degli schiavi che operano nel settore mediatico.
    Il loro compito fondamentale è: inculcare “l’idea-Realtà” che le certezze esistono; un sistema che le accoglie e le gestisce esiste; un Castello istituzionale legittimo che le difende e le promuove queste certezze esiste; che l’intento alla base dell’agire dei “reggenti” ( Capitalisti, Politici, Massoni, Preti, Rabbini, Imam, Scienziati e Uomini di Legge ) è teso unicamente al miglioramento qualitativo di queste certezze per l’esclusivo bene di “tutta” la Specie Umana se non addirittura di tutte le specie!
    E a suggellare questa felice “Favola” il prodotto più alto dell’Evoluzione su questo Pianeta ( il suddetto gruppo dei reggenti ) non cessa mai, nemmeno per un istante di ribadire che il Castello eretto con così tante difficoltà ( il sudore e il sangue dei suddetti schiavi per l’appunto ) è in perenne conflitto con il regno del Male, dell’oscurità, delle Tenebre, del Kaos, dell’irrazionale che mina la razionalità del Castello!
    E che pertanto tutti noi Umani (ovvero i soliti Schiavi ) sono chiamati a lottare e difendere il Castello!
    Naturalmente sappiate che NESSUNO è Indispensabile e tutti gli individui senza qualità sono SACRIFICABILI se ciò rientra in un progetto di “ Riqualificazione “ della vita su questo Pianeta Terra !

    RispondiElimina