lunedì 6 maggio 2013

Allarme per le perdite dalla centrale di Fukushima

Non parlarne equivale a eliminare il problema? ... I mass media tacciono.
Come al solito.
Catherine


Arata Yamamoto and Ian Johnston, NBC News

Tokyo - Come l'insistente ticchettio di un SOS, gli aggiornamenti continuano ad arrivare. Giorno dopo giorno, gli operatori della distrutta centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi, hanno dettagliato le loro lotte per contenere le perdite di acqua radioattiva. Perdite che hanno fatto crescere la paura che l'impianto, devastato dallo tsunami nel marzo 2011, potrebbe persino crollare durante il procedimento di pulitura, che si presume impiegherà degli anni

La situazione ha attirato l'attenzione persino dell' International Atomic Energy Agency (Ente Internazionale per l'Energia Atomica ) che ha mandato una squadra di esperti lo scorso mese, per stendere una relazione. Hanno avvisato che il Giappone potrebbe avere bisogno di un tempo più lungo dei programmati 40 anni per pulire l'impianto. .In questo mese ci si aspetta una relazione più dettagliata

Poca possibilità è stata data ai giornalisti, per dare uno sguardo dentro la centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi
La scoperta del pesce greenling vicino ad un bacino di acqua che viene usata per la centrale nucleare nel febbraio scorso, pesce che conteneva ca 7400 volte il limite di cesio radioattivo ritenuto sicuro, non ha che fatto salire la preoccupazione

Notizia "rassicuranti" invece dal World Health Organization (Organizzazione Mondiale Sanità [niente meno!!]) dicevano che Fukushima non aveva causato “percepibile aumento dei rischi di salute" al di fuori del Giappone e che “nessun osservabile aumento di cancro oltre la variazione naturale” era riscontrabile nella più parte del Paese...




Ma per le aree più colpite, il resoconto della OMS diceva che avrebbero potuto verificarsi aumenti nei rischi di vari tipi di cancro. Per esempio i neonati maschi si diceva che, nel corso della loro vita, avrebbero potuto contrarre leucemia, rispetto alle stime normali, con un rischio del 7% in più e le neonate femmina il 6% di rischio in più di cancro al seno.

L'esperto nucleare indipendente John Large, che ha fornito prova del disastro di Fukushima al parlamento britannico ed ha scritto dei resoconti in merito per conto di Greenpeace, ha detto che nell'impianto c'erano centinaia di tonnellate di materiale “intensamente radioattivo”.

Ha detto che, normalmente si possono inviare dei robot per rimuovere il carburante e questo in modo relativamente semplice, ma questo era diventato difficile causa il danno procurato dallo tsunami.

Large ha detto che l'impianto era vicino al livello freatico quindi era difficile evitare che l'acqua entrasse ed uscisse.“Finché non si ferma il passaggio, non sarà possibile contenere la radioattività . Questo continuerà per anni ed anni prima di essere contenuto,” ha detto. "Le strutture di contenimento hanno cominciato a rompersi. Le strutture artificiali non durano a lungo quando vengono messe in condizioni avverse".



Larged ha poi aggiunto: "Questo potrebbe avere un effetto marcato sulla salute delle future generazioni in Giappone. Ciò che questo creerà è una "generazione Fukushima" , come accadde per Nagasaki e Hiroshima , dove particolarmente le ragazze avranno difficoltà a sposarsi perché stigmatizzate dal fatto di essere cresciute in un'area radioattiva."

Le perdite nel mare non creeranno conseguenze solo all'ambiente marino, ha detto Large, dato che ogni particella radioattiva sarà spiaggiata, asciugherà al sole e sarà portata dal vento nella campagna circostante.

Anche gli attivisti giapponesi sono preoccupati per le perdite dell'impianto. La Associated Press ha riportato che "un flusso costante di acqua freatica entra nella base degli edifici danneggiati e questo produce nell'impianto circa 400 tonnellate quotidiane di acqua contaminata.
Secondo gli operatori alla centrale, in loco sono state immagazzinate in serbatoi ben 280.000 tonnellate di acqua contaminata.

Una attivista di Greenpeace ha detto che "la questione dell'acqua contaminata è molto seria e siamo molto preoccupati ed anche molto arrabbiati perché sono passati 2 anni e loro hanno detto che non ci sono pericoli."

Greenpeace ha testato il cibo che viene venduto nei supermercati e ad oggi non si sono trovati “livelli di radiazione maggiori date dalle direttive governative" , ha detto Takada.

L'allevatore Masami Yoshizawa vive nell'area di Namie, che all'epoca fu dentro la zona di evacuazione obbligatoria, ma che ora è tra i posti in cui le persone hanno avuto il permesso di ritornare. Li tiene 350 mucche, come “un simbolo vivente di protesta.” “Per noi allevatori è impossibile tornare a lavorare a Namie. La nostra comunità scomparirà . Diventerà come Chernobyl … Solo i più vecchi che dicono di fregarsene della radioattività, torneranno, ma i bambini non torneranno mai più” ha detto.



saluteolistica.blogspot.it

Fonte originale: worldnews.nbcnews.com

2 commenti: