martedì 21 maggio 2013

Asma, Ansia, Stress, Attacchi di Panico … e metodo BUTEYKO

La dottoressa Flavia Lollis spiega questo metodo, messo a punto dal medico ucraino Kostantin Pavlovich BUTEYKO.

Il dottor Buteyko ha casualmente osservato una relazione tra l’ipertensione e l’iperventilazione ed ha associato l’iperventilazione anche all’asma, di cui soffriva. Ha compiuto su se stesso i primi esperimenti, poi estesi ad altri asmatici. Ha quindi portato l’attenzione sul respiro, importante nella scuola medica dell’India e dell’estremo oriente ma trascurato in occidente.

Il Ciclo dell’Ossigeno.
Il respiro è una forma di nutrimento. Al nostro corpo sono necessari circa 4-6 litri di ossigeno al minuto.

L’iperventilazione non è un problema finché è momentanea, ad esempio per uno spavento o negli apneisti, ma diventa un problema se è cronica, cioè se la quantità di ossigeno raggiunge il doppio o fino a sei volte la quantità necessaria.

L’aria che inspiriamo è composta al 20% da ossigeno, al 78% da azoto, 2% da gas rari e 0,03% da anidride carbonica (CO2). Quella che espiriamo è composta dalla stessa quantità di azoto, 16% ossigeno e da 3,5 a 4 % di anidride carbonica.

Gli alveoli bronchiali sono come dei sacchetti che si gonfiano e si dilatano durante l’inspirazione, entrano così in contatto con i capillari arteriosi e venosi determinando uno scambio d’aria con il sangue. L’ossigeno passa al sangue che a sua volta cede anidride carbonica. Il sangue però possiede sempre un 6% di anidride carbonica. Il sangue porta l’ossigeno alla cellula che lo trasforma in anidride carbonica (CO2) ed acqua (H2O). Le cellule in questo modo possono compiere il loro lavoro, ad esempio se fanno parte di un muscolo producono l’energia per muoverlo...



Problemi dell’Iperventilazione.
L’iperventilazione è un problema perché il risultato non è un maggior apporto di ossigeno nel sangue ma espello una maggior quantità di anidride carbonica. L’emoglobina, contenuta nei globuli rossi, trasporta l’ossigeno del sangue. La quantità di emoglobina determina la quantità di ossigeno trasportabile. L’anidride carbonica invece è disciolta nel sangue. Il risultato quindi è una diminuzione di anidride carbonica nel sangue, negli alveoli e nelle cellule. L’anidride carbonica non è dannosa ed anzi svolge funzioni importanti. Poiché è un vasodilatatore in caso di carenza i muscoli lisci si contraggono: i bronchioli (causando asma), le vene e le arterie (aumenta la pressione), l’intestino ed il colon (causa coliti spastiche).

Il motivo di queste reazioni è che il corpo rileva la carenza di anidride carbonica, quindi ne limita la fuga, chiude le vie respiratorie, producendo muco o catarro, causa ostruzione del naso, sinusiti, raffreddori.

I broncodilatatori (es Ventolin) apre i bronchi, quindi determina un aumento della carenza di anidride carbonica. In realtà gli asmatici hanno la fortuna che la loro patologia evidenzia il problema, la carenza di anidride carbonica, di cui soffrono altre persone pur prive di sintomi evidenti.

L’anidride carbonica inoltre è importante per il rilascio dell’ossigeno dal sangue alle cellule. L’emoglobina rilascia l’ossigeno dove c’è una maggior concentrazione di anidride carbonica (effetto Bohr). La carenza di anidride carbonica causa un legame più stretto tra emoglobina e ossigeno, quindi i tessuti sono poco ossigenati. Gli esami del sangue rilevano in questo caso poca differenza nei valori di emoglobina tra vene ed arterie.

Se i tessuti sono poco ossigenati ci si sente più stanchi, si va verso la stanchezza cronica, ne risentono in particolare le cellule del cervello, del cuore, del fegato e delle ghiandole surrenali. Ad esempio le ghiandole surrenali producono pochi ormoni, compreso il Cortisolo (il cortisone naturale presente nel nostro corpo). Ne consegue un indebolimento dell’apparato immunitario, che sballa, rendendoci vulnerabili agli attacchi di virus ed influenze, e non riconosce gli agenti esterni causando allergie.

L’anidride carbonica regola anche la produzione degli enzimi durante la digestione, ad esempio la proteina del latte non è scomposta, ci intossica, rendendoci intolleranti al latte. I sintomi variano dal mal di testa alle riniti, e possono manifestarsi anche dopo alcuni giorni dall’ingerimento del latte. La reazione è individuale.

Altri problemi possono essere l’ipertensione, della quale soffriva lo stesso Dott. Buteyko, in forma grave e dalla quale guarì completamente, gli attacchi di panico, disturbi alla vista, il diabete (in fase iniziale), i problemi causati da respirazione anaerobica (produzione di acido lattico) ed i crampi notturni (per i quali si consiglia mezzo cucchiaio di sale oceanico grezzo, integrale, in mezzo bicchiere d’acqua).

Le Cause.

La causa principale dell’iperventilazione è lo stress. Reagiamo ancora come l’uomo delle caverne, di fronte ad un pericolo il corpo si prepara alla lotta o alla fuga, aumenta il glucosio, l’ossigeno, l’adrenalina, la glicemia e la frequenza del respiro.

Possono esistere anche cause fisiche come un endema polmonare in altitudine, incidenti all’apparato respiratorio, il fumo attivo o passivo, un enfisema. Il metodo naturalmente non è in grado di restituire anche la funzionalità agli alveoli polmonari danneggiati.

Nessun farmaco è ritenuto responsabile dell’iperventilazione. Eczemi, psoriasi o eritemi sono manifestazioni allergiche causati da carenza di cortisone naturale, che a sua volta può essere causato dall’iperventilazione. L’asma che segue un trattamento al cortisone è semmai un radicamento del problema.

Diffusione del Metodo.
Dopo le prime pubblicazioni (anni ’60), il ministero della sanità russa ha approvato questo metodo in via provvisoria (1964), poi, visti i risultati, in via definitiva (1982), a spese dello stato per alcune patologie respiratorie come l’asma, l’angina pectoris (colpisce il muscolo del cuore), la bronchite cronica.

Il sistema si è dimostrato utile anche per problemi circolatori, morbo di parkinson, e benefico anche per i malati di AIDS ed allevia gli effetti collaterali alle vittime di Chernobyl. In definitiva tutti ne traggono benefici.

Dalla Russia il sistema si è diffuso in Australia, dove si trova la più alta concentrazione di asmatici del mondo. Michael Cichorsky, manager del marketing della ditta farmaceutica GLAXO, è stato sfidato ad una conferenza da un istruttore del metodo Buteyko affinché si mettesse per tre settimane nelle sue mani, ha imparato il metodo, si è licenziato ed ha aperto una clinica privata che applica il metodo.

Il metodo si è poi diffuso in Canada, negli USA, in parte in Oriente, in Gran Bretagna ed Irlanda. Gli sperimentatori scientifici australiani, americani ed inglesi si sono dichiarati favorevoli: l’85% degli asmatici trattati smette l’assunzione di farmaci, il 10% li riduce e solo il 5% prosegue l’assunzione dei farmaci.

Buteyko inizialmente riceveva in cura solamente i casi disperati ed otteneva miglioramenti notevoli nel 70% dei casi. Da 5-6 anni il metodo è arrivato anche in Italia. Si tengono corsi a Prato, Bari, Milano, Roma, Padova ed una donna russa che ha lavorato con Buteyko insegna il metodo a Belluno.

Limitare l’Iperventilazione Cronica.
È possibile rieducarci ad una corretta respirazione mediante esercizi che ne cambiano progressivamente la frequenza. Kostantin Buteyko a 32 anni si è sentito dire che aveva ancora pochi mesi di vita, è morto due anni fa ad ottanta anni.

C’è un test chiamato Pausa-Controllo per determinare in modo abbastanza esatto il nostro stato di iperventilazione. Guardiamo l’orologio, vuotiamo i polmoni espirando, tratteniamo il respiro fino al momento in cui avvertiamo il primo stimolo di respirare (non è da trattenere il fiato il più possibile), memorizziamo il tempo e riprendiamo a respirare normalmente.

Una persona sana resiste 60 secondi, sono il 6,5% della popolazione mondiale e la dottoressa Flavia Lollis non ne ha mai incontrata una; al massimo qualcuno ha raggiunto i 52 secondi. I monaci tibetani raggiungono i 120-150 secondi. Si è sufficientemente sani arrivando a 45-55 secondi mentre si è a rischio asma arrivando sotto i 20 secondi. Test di laboratorio con misurazioni scientifiche confermano la validità di questo test aleatorio.

La durata cala bruscamente in caso di sonno, cibo intollerante, arrabbiature e stress.

Un primo esercizio di rieducazione è rimanere senza respirare per la metà del tempo massimo, ma chi ha problemi lo eviti. Esistono due tipi di esercizi: curativi, per ripristinare un livello accettabile di anidride carbonica, oppure esercizi per una terapia d’urgenza, tecniche diverse a polmoni vuoti. C’è un libro in italiano di Rosa Maria Chicco (già console italiana a Capodistria), “Attacco all’Asma” delle edizioni BLU International Studio (12 EURO), ma pochi riescono da soli ad imparare con successo gli esercizi (fatto confermato da uno dei presenti). Lo stesso Buteyko aveva scritto un libro ma poi lo ha ritirato. I corsi normalmente si tengono un sabato e sei altre mezze giornate.

5 commenti:

  1. Io non ho mai sofferto di attacchi di panico, ma una volta sono rimasta bloccata su una barca con alcuni amici. Nonostante non ci fosse reale pericolo e il clima fosse un po' teso ma controllato, scoprii che una delle mie amiche soffriva di attacchi di panico. Non ce l'aveva mai detto prima, e rimanemmo un po' tutti scioccati dal vederla stare così male, colpita da una cosa così improvvisa e in grado allo stesso tempo sia di paralizzarla ma anche di farle perdere completamente il controllo.
    Ricordo che i giorni seguenti tutti noi che eravamo stati con lei su quella barca le chiedemmo come si sentisse, perché l'immagine di quanto era stata male era ancora ben presente nei nostri occhi. Nonostante lei tendesse a minimizzare, ci raccontò di tutte le altre volte che le era capitato. La spingemmo a vedere se in giro c'era qualcosa che poteva consultare o acquistare per tentare di conoscere meglio questo disturbo e, possibilmente, imparare a controllarlo.
    Non voleva partire con qualcosa di troppo forte tipo terapie, farmaci o quant'altro, così dopo diverse ricerche abbiamo conosciuto il Dr. Giacconi di aspeera.it che le ha dato alcuni consigli iniziali per acquisire informazioni sull'argomento (questi, per la cronaca).
    In realtà ci ha raccontato che dentro non si limitavano solo a discutere il problema, ma offrivano anche degli spunti per risolverlo che a lei sono stati molto utili per imparare a controllarsi prima e durante gli attacchi. Se può essere di aiuto a qualcuno come è stato per lei....io lo spero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver condiviso la tua testimonianza Chiara .. :)

      Elimina
  2. Per noi che soffriamo di attacchi di panico e ansia, io sono venuto a conoscenza di quest’evento gratuito, lo trovate su facebook qui.
    Dobbiamo cercare ovunque stimoli e consigli che ci aiutino a stare meglio e questa conferenza secondo me è una buona occasione. Almeno, io intendo sfruttarla e trarne il massimo!

    RispondiElimina