domenica 26 giugno 2011

Giappone: una nuova norma permetterebbe il riutilizzo dei fanghi radioattivi.


Catherine

Laurent Mabesonne: "Sono un francese che vive in Giappone, à Nagano, da 15 anni, con mia moglie giapponese e mia figlia di 2 anni. Mi permetto di chiedervi di diffondere questa informazione che preoccupa molto i gruppi di cittadini qui in Giappone. La NHK ha annunciato ieri sera che il Ministero dell'Agricoltura e della Pesca avrebbe autorizzato uno nuova norma per il riutilizzo dei fanghi contaminati prevenienti dalla depurazione delle acque contaminate. Fino a 200 becquerels di cesio radioattivo, per qualsiasi uso (principalmente concimi agricoli e terriccio da giardinaggio), con valori che possono arrivare fino a 1000 becquerels nei casi di regioni già contaminate.

Questo significa che non potremo più contare sulle ultime produzioni agricoli che dovrebbero essere meno inquinate, come quelle provenienti dalle regioni di Kyushu, Hokkaido etc. , che in questo modo saranno ulteriormente inquinate dagli stessi concimi messi in vendita grazie alla norma. Significa anche che tutto il territorio sarà contaminato da questi prodotti" ..
Nella regione di Tokyo i fanghi depurati provengono da immense quantità di acqua potabile (18 milioni di abitanti) quando essa aveva raggiunto i 200 becquerels al litro in cesio 137. 
La radioattività si ritrova chiaramente concentrata nei fanghi, residui della depurazione per rendere di nuovo l'acqua potabile.

"Sembra che siano state costruite delle case con mattoni fatti con quei fanghi (cf. Koide Hiroaki, Università di Kyoto)." continua Laurent "In Giappone lo stato di diritto non c'è più da tempo ... La colpa è della tendenza a obbedire dei giapponesi oppure è la conseguenza logica di una minaccia che è troppo immane, e che rende cinici i potenti e volontariamente incoscienti gli altri?.
Chi ha dei bambini piccoli ha sicuramente più amore nel cuore, ma anche più rabbia ..."

Da segnalare inoltre questo video (non è necessario conoscere la lingua giapponese per leggere i numeri sul contatore Geiger), nel quale si sta effettuando la misurazione di radioattività di un terriccio classico venduto in un negozio. L'apparecchio rivela più di 2 microsivert/ora. Anche altri terricci hanno rivelato più di 0,3 microsivert/ora."

Tradotto da Catherine


Anche in Italia esiste un'ordinanza del 2006 per il ricupero dei fanghi. segnalo questa autorizzazione alla costruzione presso la Centrale nucleare di Latina, degli edifici «estrazione» e «condizionamento» dei fanghi radioattivi, dell'edificio «cutting facility» nonché di un deposito temporaneo di rifiuti radioattivi. (GU n. 160 del 12-7-2006)

Ma come mai, se anche in Giappone i rifiuti sono "condizionati", si trovano dei valori di radioattività così alti nel prodotto finito?

Nessun commento:

Posta un commento