domenica 18 agosto 2019

Credi in tuo figlio e lui crederà in sé

Non esiste un gene dell'autostima, essa si costruisce durante l'esistenza.

L'ingrediente principale, come più volte già scritto, è sentire di valere per l'altro, cioè di essere amato e desiderato dall'altro per il solo fatto di esistere, indipendentemente di quello che si fa e che si sa.

Se al bambino arriva questo messaggio fin da neonato, il so nucleo dell'autostima avrà delle basi forti e stabili.

Si può trasmettere il messaggio sia con le parole, per esempio "fai tu che sei capace", sia con i gesti, per esempio non sostituendosi al piccolo, ma lasciandolo fare da solo. E' bene inoltre valorizzare le doti del bambino, rinforzandolo ogni qualvolta fa qualcosa da solo e bene.

Per i genitori però è facile valorizzare il bambino quando è capace; più difficile è interfacciarsi con lui quando sbaglia ...


Spesso, di fronte agli errori, il genitore confonde l'azione compiuta con la persona. 

Dire "hai sbagliato a scrivere" è diverso dal dire "non sei capace di fare niente". Il primo messaggio va a colpire il fare, l'altro la sfera dell'essere, diventando un messaggio di disconferma e rifiuto che colpisce la persona e il suo valore.

Sappiamo tutti quanto importante sia da grande vivere la nostra vita accettandoci per ciò che siamo, senza sentirci inadeguati e insicuri in ciò che affrontiamo e con la brutta sensazione di "non essere mai abbastanza", che ci porta a un'affannosa rincorsa verso un ideale dell'io irraggiungibile, in quanto idealizzato.

Per ognuno di noi una buona autostima e pertanto una buona valutazione delle proprie capacità, una buona fiducia nelle proprie emozioni e pensieri, inizia introiettando i messaggi che riceviamo dall'esterno. I genitori fanno dunque da specchio per i bambini, i quali avranno un'idea ci ciò che sono partendo dall'idea che i grandi hanno rimandato a loro.

Quando il bambino sbaglia, quindi, il problema non sono gli errori, ma il significato che diamo a essi.
Se li consideriamo "normali" nell'apprendimento di qualsiasi cosa, daremo al bambino il permesso di provare e anche di sbagliare, accettandolo sia quando riesce che quando non riesce.

E' infatti fondamentale che i genitori credano sinceramente in lui, ossia che lo percepiscano come capace di affrontare i compiti della vita e glielo facciano capire.

Tratto da: 
I Mantra della Maestra Annamaria
Pensieri da ricordare per crescere un bambino felice


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.