mercoledì 26 giugno 2019

Tenebra (Darkness) - George Gordon Byron

Lord Byron scrisse "Darkness" nell’anno 1816, un anno che venne definito “senza estate” a causa dell’eruzione del monte Tambora, nelle Indie Occidentali olandesi. 

Allora si era diffusa una gran paura, quella della fine del mondo. La paura ancestrale di tutti gli esseri umani, sembrava imminente.
Ai giorni nostri suona di nuovo come uno strano monito ...
Catherine


Ho fatto un sogno, che non era soltanto sogno.
Il sole splendente s’era spento e le stelle vagavano al buio nello spazio eterno senza raggio né direzione; la terra gelata girava cieca abbuiandosi nell’aria illune; venne mattino, passò, tornò senza recare giorno, e gli uomini, presi dal terrore di tanta desolazione, dimenticarono le loro passioni, i cuori agghiacciarono pregando in se stessi per avere luce.

Si viveva tutti intorno ai bivacchi: troni e palazzi di re coronati, capanne e abitazioni d’ogni genere vennero bruciate per fare luce, intere città consumate;
gli uomini si stringevano attorno ai roghi delle case per guardarsi ancora in faccia ...


Felici coloro che dimoravano nell’occhio dei vulcani e dei loro picchi ardenti: un’atterrita speranza era ciò che restava al mondo.
Le foreste date al fuoco, d’ora in ora cadendo incenerite sparivano; i tronchi crepitando si schiantavano e spegnevano e tutto era nero.

I volti umani a quella luce disperante, se la fiamma guizzando li colpiva, avevano un aspetto spettrale. Qualcuno prostrato si copriva gli occhi e piangeva; altri appoggiavano il mento sulle mani giunte e sorridevano; altri ancora correvano su e giù alimentando i roghi funebri e folli d’inquietudine guardavano in alto al cielo offuscato, funebre ammanto di un mondo defunto, quindi imprecando si gettavano in terra urlando e digrignando i denti.

Gli uccelli rapaci stridevano atterriti e sbattendo le inutili ali svolazzavano al suolo; le belve più feroci diventavano docili e spaurite; le vipere s’attorcigliavano e strisciavano tra turbe di genti sibilando senza mordere: le ammazzavano per cibo.

La guerra, per un poco cessata, riprese a saziarsi: un pasto si pagava col sangue e ognuno si saziava ingozzandosi al buio, torvo, in disparte.

Non era rimasto più amore: la terra era tutta un pensiero di morte, immediata e ingloriosa; i morsi della fame rodevano le viscere, gli uomini morivano, ma le ossa e le carni restavano insepolte.
Magro mangiava magro, anche i cani assalivano i padroni; tranne uno: rimasto fedele a un cadavere tenne a bada uccelli, bestie e uomini digiuni presi dalla fame finché altri morti stramazzando attrassero le scarne mascelle; lui non cercò cibo ma con pietoso e ininterrotto lamento, e un acuto guaito desolato, leccando quella mano che ormai non rispondeva con carezze, morì.
Poco a poco, la folla perì tutta di fame.

Di un’immensa città in due sopravvissero che erano nemici: s’incontrarono accanto alle braci morenti di un altare dove un cumulo di sacri oggetti era ammassato per un empio uso.
Con mani scheletrite e fredde frugarono e raccolsero ceneri fioche, con esile fiato vi soffiarono un alito di vita destando una fiamma beffarda e, a quel chiarore, alzarono gli occhi per guardarsi in viso: si videro, gettarono un grido e morirono; l’uno morì per l’orrore visto nell’altro, senza sapere a chi la fame aveva scritto sulla fronte: Demonio.

Il mondo era vuoto; prima popoloso e potente, era un grumo senza stagioni, senza erbe alberi uomini e vita: grumo di morte, caos di dura creta.
Fiumi, laghi, l’oceano, tutti erano quieti, e nulla si muoveva nel silenzio degli abissi.
Navi senza equipaggio marcivano in mare, gli alberi cadevano in pezzi, affondavano giacendo a dormire nell’abisso senza flutti.

Le onde morte, sepolte le maree, la luna, loro signora, già spenta, nell’aria ferma placatisi i venti, sparite le nuvole – inutili per essa: la Tenebra era l’Universo.

Traduzione di Francesco Dalessandro
da Il sogno e altri pezzi domestici, Il Labirinto, 2008


Per chi conosce l'inglese, da gustare in lingua originale:

Darkness

I had a dream, which was not all a dream.
The bright sun was extinguish'd, and the stars
Did wander darkling in the eternal space,
Rayless, and pathless, and the icy earth
Swung blind and blackening in the moonless air;
Morn came and went—and came, and brought no day,
And men forgot their passions in the dread
Of this their desolation; and all hearts
Were chill'd into a selfish prayer for light:
And they did live by watchfires—and the thrones,
The palaces of crowned kings—the huts,
The habitations of all things which dwell,
Were burnt for beacons; cities were consum'd,
And men were gather'd round their blazing homes
To look once more into each other's face;
Happy were those who dwelt within the eye
Of the volcanos, and their mountain-torch:
A fearful hope was all the world contain'd;
Forests were set on fire—but hour by hour
They fell and faded—and the crackling trunks
Extinguish'd with a crash—and all was black.
The brows of men by the despairing light
Wore an unearthly aspect, as by fits
The flashes fell upon them; some lay down
And hid their eyes and wept; and some did rest
Their chins upon their clenched hands, and smil'd;
And others hurried to and fro, and fed
Their funeral piles with fuel, and look'd up
With mad disquietude on the dull sky,
The pall of a past world; and then again
With curses cast them down upon the dust,
And gnash'd their teeth and howl'd: the wild birds shriek'd
And, terrified, did flutter on the ground,
And flap their useless wings; the wildest brutes
Came tame and tremulous; and vipers crawl'd
And twin'd themselves among the multitude,
Hissing, but stingless—they were slain for food.
And War, which for a moment was no more,
Did glut himself again: a meal was bought
With blood, and each sate sullenly apart
Gorging himself in gloom: no love was left;
All earth was but one thought—and that was death
Immediate and inglorious; and the pang
Of famine fed upon all entrails—men
Died, and their bones were tombless as their flesh;
The meagre by the meagre were devour'd,
Even dogs assail'd their masters, all save one,
And he was faithful to a corse, and kept
The birds and beasts and famish'd men at bay,
Till hunger clung them, or the dropping dead
Lur'd their lank jaws; himself sought out no food,
But with a piteous and perpetual moan,
And a quick desolate cry, licking the hand
Which answer'd not with a caress—he died.
The crowd was famish'd by degrees; but two
Of an enormous city did survive,
And they were enemies: they met beside
The dying embers of an altar-place
Where had been heap'd a mass of holy things
For an unholy usage; they rak'd up,
And shivering scrap'd with their cold skeleton hands
The feeble ashes, and their feeble breath
Blew for a little life, and made a flame
Which was a mockery; then they lifted up
Their eyes as it grew lighter, and beheld
Each other's aspects—saw, and shriek'd, and died—
Even of their mutual hideousness they died,
Unknowing who he was upon whose brow
Famine had written Fiend. The world was void,
The populous and the powerful was a lump,
Seasonless, herbless, treeless, manless, lifeless—
A lump of death—a chaos of hard clay.
The rivers, lakes and ocean all stood still,
And nothing stirr'd within their silent depths;
Ships sailorless lay rotting on the sea,
And their masts fell down piecemeal: as they dropp'd
They slept on the abyss without a surge—
The waves were dead; the tides were in their grave,
The moon, their mistress, had expir'd before;
The winds were wither'd in the stagnant air,
And the clouds perish'd; Darkness had no need
Of aid from them—She was the Universe.


Qui si può leggere Les Ténèbres in francese, tratto da:,
Œuvres de Lord Byron, Volume 3 - Di Charles Nodier (Autore), Amedee Pichot (Autore), Baron George No L Gordon Byron (Ideatore)

40 commenti:

  1. Che scenario... Quando tutto si spegne, fuori e dentro, quanta luce in quel cane che ha resistito amando fino all'ultima carezza. Commovente... Da' un significato nuovo e immenso a quell"Infuriati infuriati al morire della Luce... ". Infuriarsi la forza dell'amore contro il morire della luce. Magnifico.

    RispondiElimina
  2. Ciao Azen. Si, stupendo.. e la scena del cane è indimenticabile :)

    Millenni fa, quando ero ancora una ragazza e che vivevo ancora in Francia, trovai un giorno un foglio strappato a un vecchio quaderno sul marciapiede (mi capita spesso di trovare carteggi, o anche delle carte da gioco .. ;) )

    Il testo di quel foglio era scritto a mano, la grafia non era molto sicura.
    Cominciai a leggere...era scritto in modo maldestro, frettoloso, con errori di grammatica, ma descriveva un mondo post apocalittico, come se fosse stato vissuto di persona, straziante. Non sapevo cosa pensare, sembrava un testo al limite del profetico..o che proveniva da un passato non definito..

    Circa 40 anni dopo, mentre frequentavo un corso di recitazione, qui in Italia, l'insegnante ci diede un testo sul quale lavorare. Riconobbi immediatamente le parole (anche se in italiano questa volta) che avevo letto su quel foglio abbandonato, e finalmente scoprì, a distanza di anni, che si trattava del testo di Byron: Tenebra!

    La spiegazione, ormai semplice da dedurre, era che si trattava di un compito di traduzione che qualche studente aveva sbadatamente perso per strada. ^_^
    Ma almeno avevo scoperto chi aveva scritto quelle righe e perché!
    Quindi l'ho inserito nel mio archivio della Crepa, e oggi l'ho riproposto volentieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che meraviglia il tuo racconto e la tua esperienza!!! Tra l'altro mi chiedevo proprio in questi giorni come sceglievi gli argomenti del blog, nel senso che sono sempre molto particolari e molto vari. Ora scopro che il tuo archivio segreto ha ispirazioni... "millenarie"! :)))

      Elimina
    2. Semplicemente, i miei interessi sono effettivamente molto vari ;)
      Ma non parlarmi di calcio o di politica "spicciola"!
      Il mondo funziona su una scala più grande, in cui noi abbiamo ben poco da dire e da fare, ridotti come siamo, ma persino i "potenti" non sanno più che pesce pigliare.
      E questo mi consola assai! Ahahah!

      Elimina
  3. Il buon caro vecchio Lord Byron, compagno delle notti di studio della letteratura inglese al liceo 😊

    Il 1816 fu anno bisestile e pieno di eventi anche in Italia, in più l'eruzione del vulcano l'anno prima aveva accentuato i nefasti effetti della mini eta glaciale che già da qualche secolo stava scombussolando l'Europa e che nel 1845 porterà alla grande e tragica carestia in Irlanda, la famosa "famine", che vedrà oltre un milione di morti a fronte di una popolazione di poco più di due milioni di abitanti all'epoca, un'apocalisse.

    Per cui si, Byron fu "profetico", come lo erano (e sono) tutti i Romantici (intesi come esponenti della corrente poetico-letteraria del Romanticismo o Sturm und Drang in Germania) e come lo sono i visionari, che sanno leggere tra le minuscole pieghe e i segnali del quotidiano.

    Una nuova era glaciale è già prevista e assai probabilmente finirà come Lord Byron aveva profetizzato. La tecnologia che tanto amiamo non ci salverà, tanto più se lo stramaledetto 5G arriva.
    Ben oltre trentamila scienziati in tutto il mondo stanno protestando contro il 5G, sarà il caso di ascoltare loro e le loro fosche previsioni dell'immediato futuro?
    O vogliamo proprio auto distruggerci in nome di un progresso che è tale solo di nome?

    Chissà se Nostradamus aveva previsto questo "twist of events" a suo tempo....

    I poeti andrebbero ascoltati, da profeti in patria.

    Enoch

    RispondiElimina
  4. Prendendo spunto dal discorso del 5g di Enoch mi lancerei in un pout pourri di riflessioni... prima è arrivata la tv, il primo "schermo nero" cui ci hanno gradualmente abituati per ...addormentarci meglio e in modo pilotato, con l'illusione di un varo sul mondo che nel quotidiano magari non si vede. Poi ci hanno messo a disposizione le meraviglie veloci e iperconnesse della rete, tutta la meraviglia di uno schermo nero ancora più vasto dalle infinite possibilità, così che ognuno si illudesse di essere libero di cercare trovare conoscere ogni cosa possibile e in poche frazioni di secondo. Quindi ecco i dispositivi mobile, sempre più piccolo lo schermo nero, ma tutti sempre più agganciati alle meraviglie delle proiezioni sulla parete della caverna di Platone, e questa volta con uno straagemma per cui veniamo tutti nutriti nella parte più rognosa e affamata (l'ego personale) tramite quella cosa chiamata social (facebook and Co.) così che man mano che entriamo nel gorgo di vite virtuali in cui sentirci grandi e apprezzabili, diventiamo anche minuscoli come pixel alla nostra coscienza. Siamo al punto che la gente parla con alexa in casa e con le persone registra messaggi vocali per strada... alle soglie del 5g, così che il fantomatio progetto blue beam dellaproiezione olografica planetaria sia compiuto a livello di manipolazione mentale e obnubilamento di coscienze, avremo folle di burattini incapsulati collegati ai cavi di un campo di capsule-batterie (scenario matrix esemplare) dove finalmente l'esperimento avrà realizzato il suo obiettivo: il piano divino è dunque il gioco 3d illusorio elaborato da una civiltà supertecnogica avanzata come prospettato dalle teorie scientifiche più rivoluzionarie? (ho notato che anche su questo blog era stato affrontato l'argomento nel post "Il nostro Universo è un fake?" https://crepanelmuro.blogspot.com/2017/02/il-nostro-universo-e-un-fake.html)
    ...più che un pianeta prigione sembra di stare in una sala cinematografica... scopo finale? boh, sarà peril divertimento creativo di qualche coscienza creatrice di ennesima dimensione, come sempre. anche noi umanità man mano che "evolviamo" verso qualcosa espandendo la coscienza ci siamo divertiti un sacco a elaborare giochi di simulazione virtuale.
    Mi sa che "si salverà" più meno solo chi suona il tamburo (vibrazione primordiale), grida sulle alture a squarciagola e guarda in specchi neri di ossidiana (esplorazione reale di coscienza e non virtuale)...hmm, moh ci mancava proprio solo di parlare con alexa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In sintesi, non si tratta solo di scendere dalla ruotina del criceto ma anche di uscire dalla sala cinematografica di proiezione...

      Elimina
  5. Byron ha descritto efficacemente e in dettaglio lo scenario descritto da innumerevoli veggenti, in cui si dice "i vivi invidieranno i morti".

    Il cane sono le persone che non rinunciano alla loro umanità fino all'ultimo respiro.

    Noi siamo quel cane.
    Le tenuissime speranze future sono riposte proprio in tali persone e noi ne facciamo parte.
    Al peggio ci faremo una risata dall'altra parte assieme a quel cane e al suo padrone.

    Gianni

    RispondiElimina
  6. Peter Deunov morto nel 1944

    Ogni cosa che vi circonda presto crollerà e scomparirà. 

    Nulla resterà di questa civiltà, non la sua perversione; tutta la Terra sarà scossa e non verrà lasciata traccia di questa erronea cultura che mantiene gli uomini sotto il gioco dell’ignoranza.

    Ci saranno inondazioni, uragani, fuochi giganti e terremoti che spazzeranno via tutto. Il sangue scorrerà in abbondanza. 

    Ci saranno rivoluzioni, terribili esplosioni risuoneranno in numerose regioni della terra. Là dove c’è terra, arriverà l’acqua, e là dove c’è acqua arriverà la terra.
    Dio è Amore, tuttavia qui abbiamo a che fare con un castigo, una risposta della Natura contro i crimini perpetrati dall’uomo dalla notte dei tempi, contro sua madre, la Terra.
    Dopo queste sofferenze, coloro che saranno salvati, l’elite, conosceranno l’Era d’Oro, l’armonia e la illimitata bellezza.

    Lo sciamanesimo messicano predice le stesse cose da 5-6 millenni alla fine di questo periodo che è finito il nuovo peridodo è il 2020.

    Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah bene, almeno so cosa continuare a fare da qui all'inizio del nuovo anno, vediamo di arrivare all'appuntamento con l'oltre il più integri possibile.

      Enoch

      Elimina
  7. Lo sciamanesimo messicano è molto preciso.

    Dice che l'energia dominante a partire dal 2.000 lascia il posto alla nuova energia che sarà dominante dal 2020.
    Tutti dovranno cambiare che lo vogliono o no per alinearsi al nuovo ambiente energetico.

    Chi si rifiuta di cambiare lo farà lo stesso morendo.

    Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai anche bene che questo non lo dicono soltanto gli sciamani messicani, si parla da anni della Nuova Era.
      This is the dawning of the Age of Aquarius
      The Age of Aquarius!
      Acquariuuuus!
      Acquariuuuus!
      ..ricordi? ^_^
      La grande Onda che doveva arrivare nel 2012, potrebbe invece ritardare un pochino e arrivare nel 2036...oppure nel 2020?!
      Beh, abbiamo superato l'equatore galattico, ti pare poco?!
      I buoni saranno divisi dai cattivi!
      I buoni ascenderanno, gli altri boh!
      Chi c'è c'è, chi non c'è non c'è ;)

      Scherzi a parte, tutto ciò che riguarda le profezie o previsioni che siano, mi lascia sempre molto perplessa...

      Elimina
  8. Giusto perché la faccenda 2020 mi ha allarmata non poco, scorribandando in rete ho incrociato conferme altrettanto inquietanti legate a picchi solari, eclissi e allineamenti planetari.
    Forse é il caso di allenarsi allo spontaneo rilascio del proprio corpo quando si affaceranno situazioni planetarie critiche...in alternativa bisognerebbe creare alleanze tali da modificare il livello energetico terrestre e del sistema solare (tipo quella cosa della meditazione collettiva su quel lago in Giappone per curarlo dall'inquinamento - l'esperimento di Masaru Emoto o qualcosa di simile). Mi auguro che vengano nel frattempo attivati tutti i necessari "pilastri umani energetici connettori".
    https://www.attivitasolare.com/il-bivio-del-2020/

    RispondiElimina
  9. Catherine sulle profezie BISOGNA essere neutrali e non farsi coinvolgere.

    La profezia fa parte delle nostre capacità da antica data che vanno prese solo come informazione, senza fasciarsi la testa.
    Se poi si verificano non ci si può fare nulla.

    2012 il gran business
    Questa è la prova provata della stupidità umana nel credere alle profezie senza approfondire e poi è stato tutto un copia e incolla e affari.

    2012 COSA SIGNIFICA.
    Conta solo la parola degli sciamani e portatori di conoscenza discendenti dei Maya, gli unici che hanno una conoscenza completa del loro calendario che non è solo computo del tempo e comprende interiorità, cicli cosmici che interferiscono con le persone, cicli di 20 incarnazioni, tipo di energia individuale in cui si nasce, energia individuale, luoghi in cui è imprigionata la mente, stati post mortem e molto altro.

    Nel 2012 la vecchia energia e la nuova energia sono in equilibrio.
    A partire da quella data la nuova energia diventa gradualmente prevalente fino a che nel 2020 sarà in comando.

    Ma questo non l'ha a detto nessuno perchè non ci sarebbe stato il gran business 2012.

    Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Gianni, il 2012 era solo un esempio infatti. Ma non credere che non siano uscite fuori anche quelle che citi :)
      Per quanto riguarda le profezie, altro che neutrale sono, non le considero nemmeno, tranne quando, per studio, mi capitano le prove che profezie non erano affatto, In particolare quelle confezionate da "madre chiesa" ;)

      Elimina
  10. Quando verrà la fine del mondo secondo Cayce.

    Cayce, il profeta dormiente, morto nel 1944 come altri profetizzò la fine di tutto con sconvolgimenti geologici che avverranno in questo periodo storico.

    Gli fu chiesto QUANDO?
    Disse: Quando l'Etna e il Vesuvio erutteranno in contemporanea sarà il segno della fine che avverrà subito dopo.
    Incrociamo le dita non si sa mai.

    In ogni caso la maggioranza delle profezie sono state fatte ad eventi già avvenuti. Altre copiate in toto con qualche inserimento fantasioso.
    Specialmente quelle medioevali.
    Per cui essere cauti è buona norma

    Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, essere cauti è il minimo! ^_^

      Non sapevo della "profezia" di Cayce invece, grazie.

      Elimina
  11. A proposto del riscaldamento.

    Colorado USA le autorità hanno diffuso l'allarme invernale, 60 centimetri di neve il primo giorno d'estate.
    Stessa situazione invernale in Australia.

    Gli "esperti" hanno previsto il riscaldamente degli oceani in questo mese che alimenterà el nino, invece con le temperature oceaniche sono diminuite, stanno ancora cercando di capire il perchè.

    Gianni

    Gianni

    RispondiElimina
  12. http://www.blitzquotidiano.it/facebook/il-sistema-solare-e-sullorlo-di-una-fornace-galattica-414622/
    Forse c'è un mix di concause: scie chimiche, Haarp, cicli solari, follia umana sadomaso, inversione del campo magnetico terrestre e solare, https://www.focus.it/scienza/spazio/il-campo-magnetico-del-sole-si-sta-invertendo
    insomma siamo al centro di un tornado...come nel Titanic in fase di affondamento: le ballerine danzano, i musicisti suonano, e le scialuppe non sono sufficienti per tutti.

    RispondiElimina
  13. Un ricercatore che la sa lunga sui cicli solari e loro implicazioni è Maurice Cotterell
    https://www.altrogiornale.org/maurice-cotterell-i-segreti-dei-super-da¨i-sott-italiano/

    RispondiElimina
  14. Quando si dice "le coincidenze"...😊

    Stavo giusto leggendo dei commenti su un blog americano che parlano giustappunto di Maurice Cotterel e dei suoi libri sui culti solari, a cui la Massoneria si rifà fin dalla sua nascita millenni fa.
    Anche i Maya d'altronde la sapevano lunga sull'argomento....

    Vorrei a questo proposito fare una domanda a Gianni viste le sue esperienze di viaggi astrali:
    Cosa ne pensi dell'astrologia, e del fatto che i massoni che comandano il mondo fanno i loro rituali basandosi esclusivamente sulle posizioni dei vari pianeti e le loro congiunzioni astrali?
    O del fatto che non muovono un passo senza aver prima consultato l'astrologo di turno? Anche i vari dittatori della storia recente avevano il loro astrologo personale.
    Sono cose attendibili? Può la vita umana del singolo essere influenzata dagli astri?

    Secondo Franceschetti che ora si dedica all'astrologia e ama fare il tema natale a serial killer e personaggi storici, si.
    Ma a me sta roba non convince proprio, sbaglierò ma tutta l'importanza che viene data all'essere umano nell'universo mi rende assai perplesso...

    Grazie anticipatamente,

    Enoch

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...tutta l'importanza che viene data all'essere umano nell'universo mi rende assai perplesso...
      Come mai? Puoi spiegarti meglio?

      Elimina
  15. Giuseppe, credo molto semplicemente e banalmente che non essendo noi gli unici abitanti di questo e chissà quanti universi, dotati di auto coscienza ci sia una sorta di antropocentrismo troppo marcato in tutti coloro che si occupano di questioni esoteriche.
    Il mondo pullula di astrologi, e non mi riferisco a quei cialtroni da riviste, che sono convinti che sia tutto già scritto nel nostro giorno di nascita e nel nostro tema natale.
    Sembrano tutti convintissimi che la vita umana sia determinata dai pianeti, dai loro movimenti e posizioni, ma sarà proprio così? O molto più semplicemente siamo una delle tante varianti della coscienza che esprime se stessa e fa esperienza qui come in miliardi di altri pianeti in via di evoluzione (o distruzione, dipende)?

    Perché la nostra esistenza dovrebbe essere tanto importante nello schema universale delle cose da dover scomodare addirittura pianeti e cicli solari e congiunzioni astrali?

    Magari è un mio limite, ma non mi sono mai considerato al di sopra di qualunque altra forma di vita qui o altrove, né ho mai pensato che ogni mio gesto quotidiano o pensiero possano provenire da movimenti planetari.

    Enoch

    RispondiElimina
  16. A mio parere, ognuno di noi vive due vite contemporaneamente, incompatibili tra loro: una è quella della Coscienza/Anima e l'altra è quella dell'Ego. Da qui l'eterno contrasto che dilania l'essere umano, con tutti i suoi problemi esistenziali...La vita dell'Ego (corpo-mente) è una vita confinata nelle leggi della natura, tra cui le interazioni planetarie, di natura prettamente fisica/magnetica/eterica/astrale/mentale, cioè predeterminabile perché regolata da Leggi naturali.
    Ovviamente, il tutto va appreso col beneficio dell'inventario, e quindi da aggiornare continuamente. Nulla di nuovo sotto il sole cocente di giugno 2019...

    RispondiElimina
  17. Enoch hai fatto una fondamentale domanda sull'astrologia.

    Se da sempre viene data importanza alla posizione dei pianeti, un motivo dovrà pur esserci non trovi? E c'è veramente.

    Lo sciamanesimo non da alcuna importanza all'astrologia e ai pianeti, essendo una pratica di manipolazione consapevole dell'energia, possono ignorare l'ambiente energetico esterno.

    IL TEMA NATALE
    A contare non è la nascita ma il concepimento.
    E' stato scoperto che l'influenza dei pianeti è ininfluente, mentre è molto influente il ciclo mensile del Sole, che ogni mese bombarda la Terra in modo diverso, è il Sole il "mastro di chiavi", di conseguenza il DNA e le cellule in formazione nel concepimento devono obbligatoriamente rispondere all'ambiente elettrico del momento.

    Il ciclo di 12 mesi del Sole coincide con quello astrologico, cosa che solo oggi sappiamo, anticamente comprensibilmente hanno legato il tutto ai pianeti che erano misurabili e che in definitiva indicano il ciclo del Sole.


    LA VITA.
    E' stato scoperto che i pianeti, in particolare quelli grossi, quando sono allineati, in quadratura o semi quadratura, interferiscono con l'abiente elettromagnetico del sistema solare, interferendo con le emanazioni elettromagnetiche solari.

    Di conseguenza la radiazione elettromagnetica che raggiunge la Terra dipende anche dalla posizione dei pianeti.
    Noi siamo macchine elettriche, tutto ad un livello di base è governato dall'elettricità, di conseguenza tutto risponde alla configurazione planetaria dei pianeti del momento.

    Ha un senso che chi si è impadronito delle informazioni delle antiche scuole misteriche, conoscendo realmente queste cose, le usa a proprio beneficio usando la vera astrologia che non è quella main stream.

    I vari dittatori della storia erano tutti connessi con l'aristocrazia nera attraverso la massoneria che è una loro creazione. Anticamente combiavano i nomi ma la sostanza era la stessa.

    Di conseguenza ci sarebbe da stupirsi se non usano tali conoscenze astrologiche.

    Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un paio di anni fa guardando il sole di prima mattina mi ha colta una visione/percezione di una cosa che non era un corpo-sfera ma uno spazio 'vuoto' come un tunnel-utero che emetteva le anime, ossia da cui le anime venivano alla luce, come un varco/passaggio per entrare nel sistema solare/3D e poi dislocate... Pianeta terra tendenzialmente ma anche 'attorno alla terra'. Questa cosa faceva del sole un utero-madre, ossia qualcosa di energeticamente femminile... Cosa che mi é poi parsa strana. Il reale 'inseminatore' maschile era in questa percezione Sirio, come sole spirituale attivatori delle anime. In tutto questo, né il nostro sole né Sirio erano i reali originari creatori delle Anime ma rispondevano a qualcosa di oltre e ben più ampio (non so cosa né da dove, o almeno é un input che nn ho ricevuto nella visione-percezione). Insomma, uno era la madre uterina, l'altro il padre inseminatore ma l'origine delle anime proveniva da qualche altra parte ancora. Non so, forse appunto c'entra il DNA, ma chi/cosa/da dove crei/generi realmente le anime non saprei proprio.

      Elimina
    2. Hai delle esperienze spirituali davvero intense e profonde, molto bello il fatto che tu voglia condividerle con noi qui, grazie.

      Enoch

      Elimina
    3. Le condivido per testarle in un certo senso... Questo é un buon luogo per l'apertura e l'esplorazione di coscienza che vi trovo. Così, condividerle é un modo di comprendere se queste coste che ogni tanto mi arrivano da nn si sa dove siano dovute a illusioni dell'ego spirituale, agganci di eggregori varie, interferenze di qualche tipo... Il dubbio c'è l'ho, per cui sto in ascolto di come possano risuonare nelle altrui coscienze...

      Elimina
    4. Non credo che l'ego spirituale provochi esperienze di questo tipo Azen, in genere l'ego spirituale ti fa provare benessere mentale e ti dice che hai capito tutto e non hai più bisogno di porti domande perché hai già trovato tutte le risposte, e di fatto nelle azioni quotidiane ti comporti da snob che si sente al di sopra degli altri.
      Ne ho conosciuti svariati così, si spacciano per grandi guru e trattano gli altri come caccole, con una condiscendenza irritante e una scadenza ancora più irritante.

      Per quanto riguarda le eggregore, siamo tutti perennemente sotto attacco, però sono sicuro che tu sia capace di riconoscere esperienze che ti arrivano dal profondo, e secondo me questa descritta lo era, da possibili agganci di entità.
      E lo capisci se dopo aver avuto un'esperienza così non ti fermi e non ti accontenti di ciò che hai visto, ma continui a cercare senza mai pensare di aver raggiunto la verità rivelata, e non ti senti speciale o eletta per questo.
      Almeno io la vedo così.

      Enoch

      Elimina
    5. Saccenza, non scadenza!!

      Ma è a scadenza pure quella in effetti 😄😄

      Enoch

      Elimina
    6. Grazie. Non m'interesso di astrologia, troppo vaga, troppe incognite (data di nascita, appunto, ma anche movimenti degli astri, cambiati, ma che non vengono presi in considerazione etc..) e potrei accettarne l'idea solo se avesse delle basi un poco più concrete, l'idea dell'elettromagnetismo potrebbe esserne una. Bravo.
      E poi la ciliegina: ho anch'io un tema natale a casa da qualche parte (scopiazzato da quelli che trovi nel web poi, ho controllato), ma ne avesse azzeccata una, dico una! Ahahahah!

      Elimina
  18. Grazie Gianni per la risposta, che ha sicuramente molto più senso di quelle date dai vari astrologi.
    Che il Sole sia fondamentale per la vita intesa proprio anche come volontà di vivere è un dato di fatto indiscutibile, non a caso il maggior tasso di suicidi si ha nei paesi con poca luce solare.
    Avevo dubbi sui pianeti e tu me li hai dissipati, grazie ancora.

    Enoch

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enoch il Sole non viene considerato sia dagli astrologi che dai sostenitori del global warming e climatologi vari.

      Lo trovo ovvio perchè se nell'equazione ci inserisci il sole che tutto governa, tutto il resto sparisce.

      La vera astrologia non è leggere il cielo.
      Usano tale conoscenza come trampolino di lancio verso il campo di informazioni da cui scaricano informazioni di grande precisione, senza errore alcuno.

      Ci sono esempi notevoli di quanto ho detto. Ne cito uno.
      Ad una astrologa parecchi anni prima che Hitler diventasse noto hanno chesto cosa dicono gli astri su di lui.
      Ha descritto il futuro ed è stata la prima persona ad usare la parola Furer riferendosi a Hitler, ha descritto gli eventi e ha concluso che ha visto cose troppo orribili per parlarne.
      Di casi così ce ne sono un numero elevato.

      Gianni

      Elimina
    2. Peccato non abbia voluto parlarne, magari riusciva a mobilitare qualcuno per salvare qualche vita in più?
      E magari ha visto pure che Hitler era il fantoccio psicopatico dei Rothschild e degli altri massoni americani che hanno creato ben due guerre, partite entrambe dalla Germania guarda caso, finanziando Hitler e i suoi (e i loro) piani scellerati per poter alcune avere la creazione di un certo stato in Medio Oriente....che è più nazista di quelli tedeschi che li gasavano, ma guarda tu il caso.

      Non sarà che 'sti astrologi sono tutti più o meno in mala fede???

      Enoch

      Elimina
    3. Perché il sole non è considerato dagli astrologi?

      (Scusa se la domanda è già stata fatta e magari non l'ho letta)

      Elimina
  19. Azen hai avuto una esperienza notevole, che va meglio definita.

    Questa cosa faceva del sole un utero-madre....Sirio....
    L'esperienza non è avvenuta sotto il tuo controllo e volontà ma sotto il controllo della tua coscienza che gestisce le percezioni.

    Per cui la tua coscienza ti ha fatto vedere qualcosa che in qualche modo avresti capito unendolo alle tue credenze e convinzioni senza spaventarti. Non a caso che ci hai unito Sole, sirio, uteri, e altrove, questo ti ha tenuto radicata nella realtà.

    Non hai visto le anime ma l'aspetto energetico dell'universo e altre realtà, una cosa molto notevole, un amico ha avuto una esperienza simile e l'ha interpretata in modo diverso ma coerente con le sue credenze.

    RITIENITI FORTUNATA perchè hai corso un grave pericolo.
    Capita che i mistici o i credenti religiosi o chi cerca, vedano i corpi energetici o cose anomale come la tua.
    Non capendo cosa hanno visto sono fermamente convinti di avere visto Dio o il paradiso e passano il resto della vita come eletti da Dio.
    Hanno visto è vero, ma non hanno capito quello che hanno visto.

    Nel tuo caso sei riuscita ad unire la visione a una conoscenza di un qualche tipo ed è stato questo a salvarti.
    Se ti succede ancora la cosa migliore che puoi fare è di osservare in modo neutro lasciando il capire in seguito.

    Gianni

    RispondiElimina
  20. Enoch e Gianni, grazie grazie, ancora una volta mi avete fatto riflettere non poco.

    Alla fine, pensando a cose come tutto il ricercare e la tensione della coscienza che vuole comprendere, e in tutto questo cosa sia (per me) quella cosa chiamata Dio, mi é tornata in mente questa e mi sono sentita sollevata perché mi pare la spiegazione funzionale perfetta per ogni singola coscienza dell'universo in qualunque dimensione, e della Coscienza Universale di tutte le origini. A volte immagino che la nostra coscienza mandi in esplorazione esperienziale 111 serpenti biancodorati o una potenza ennesima di tale numero, e li mandi con amore perché facciano esperienza e li attende con altrettanto amore per quando vorranno tornare e raccontare tutto ció che hanno 'visto' e rigenerarsi un pó a Casa.
    Scusate, ogni tanto mi parte pure la poetessa... Comunque, mi pare che ruoti tutto attorno a due cose che poi sono una: l'Amore per la Libertà.

    *Mi sono moltiplicato per sentirmi (Fernando Pessoa)

    "Mi sono moltiplicato per sentirmi,
    per sentirmi ho dovuto sentir tutto,
    sono straripato, non ho fatto altro che traboccarmi,
    mi sono spogliato, mi sono dato,
    e in ogni angolo della mia anima c'é un altare a un dio differente."

    RispondiElimina
  21. Azen ti ringrazio per l'apprezzamento.
    Restando inteso che qualsiasi cosa ti venga detta o impari ne devi fare tu esperienza, solo così si è liberi.

    Guarda tu ad esempio.
    Come tutti fin da piccola sei stata perfettamente ammaestrata come i cani nell'accettare il pensiero predefinito ed a fare l'automa, eppure nonostante tutto questo lavaggio del cervello ti stai facendo le domande giuste e sei alla ricerca di risposte.

    Come hai detto, è proprio l'amore per la libertà attorno a cui tutto ruota, è la ricerca della libertà che ti spinge e spinge tutti quelli che si fanno domande.
    Che nei cosciente o meno alla base delle tue ricerche c'è la domanda delle domande: "Ci deve pur essere un modo migliore di vivere!!"
    E' nella nostra natura il cercare la libertà.

    Su Dio ti dico la posizione sciamanica.
    L'esistenza di Dio è basata sul sentito dire, non sul vedere Dio.
    Di conseguenza gli sciamani si astengono dal fare ipotesi. Che esista un Ente Supremo è ovvio, quale? Nessuno lo sa.

    Gianni

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.