martedì 18 giugno 2019

L'Epomeo di Ischia, la Terra cava e il regno di Agartha

Che l’area del golfo di Napoli abbia origine vulcanica è noto ed a volte persino evidente.

Ancora nel marzo 2015 le acque hanno infatti cominciato a ribollire per l’emersione in superficie di gas vulcanici dal fondo sottomarino, sotto il quale a una profondità tra gli 8 e gli 11 chilometri si trova un grande serbatoio magmatico tuttora attivo.

L’isola di Ischia, in particolare, rappresenta la porzione sommitale di un cono vulcanico che si trova a circa 900 metri di profondità sotto il livello del mare.

MONTE EPOMEO, PORTA D'ACCESSO AD AGARTHA?

Ma il Monte Epomeo che domina Ischia (rappresentando circa il 34% della superficie totale della celebre “isola verde”) non è un vulcano ma un immenso blocco inclinato di tufo verde fuoriuscito dalle profondità della terra al termine di una grande eruzione, di tipo esplosivo, circa 55.000 anni fa.

Sull’Epomeo esiste tuttavia un diverso racconto, che affonda nel mito oltre che nella storia: quello che vorrebbe che rappresenti una delle porte d’accesso alla mitica “terra cava” o “terra interna” del regno di Agartha. Il primo a parlarne in pieno Medioevo fu Corrado di Querfurt, vescovo di Hildesheim e poi di Würzburg, che servì come cancelliere Arrigo VIdal 1194 al 1201...


I LEGAMI CON VIRGILIO MAGO

Nel 1196 (anno in cui venne nominato legato generale per la Puglia e la Sicilia) in una serie di epistole il vescovo tedesco parla di come sia riuscito a penetrare in un anfratto su un monte, raggiungendo una misteriosa città sotterranea, prima di essere costretto alla fuga da alcuni guardiani “fatti di aria” ma armati di spada e frecce.

Quefurt ubicò il monte in questione sull’isola di Ischia, dove però collocò anche le anime penitenti, che la leggenda vuole invece associate ai Campi Flegrei. Il monte era dunque l’Epomeo o il Monte Barbaro a Pozzuoli, dove già Virgilio Mago, figura leggendaria medioevale napoletana (di cui lo stesso Quefurt scrisse descrivendo le opere meravigliose che egli avrebbe lasciato a Napoli), si sarebbe recato.


ANCHE HITLER FECE FARE RICERCHE AD ISCHIA

La ricerca della terra cava e del regno di Agartha coinvolse anche i Nazisti durante la seconda guerra mondiale. Hitler, ossessionato dall’esoterismo e dai miti di antiche civiltà tecnologicamente evolute e ancora nascoste in qualche parte della terra, provò a ritrovare Agartha, ufficialmente senza successo.

Ad Ischia i Nazisti avrebbero cercato l’entrata del possibile tunnel dell’Epomeo partendo dal luogo più misterioso dell’isola, la grotta di Mavone, oggi praticamente inaccessibile, situata in località Scannella (frazione di Panza, a Forio d’Ischia) su un costone roccioso a picco sul mare.

Le ricerche sarebbero poi proseguite con l’analisi della Grotta del Mago (che si trova ad Ischia Ponte dopo gli scogli di S. Anna, ed è oggi solo parzialmente accessibile), anticamente già sede di un culto solare.

Nulla è dato sapere dell’esito delle ricerche effettuate ormai oltre 70 anni fa, ma fino ad oggi il misterioso passaggio, se è mai esistito, non è stato ritrovato.

In compenso tutte le moderne teorie astronomiche e geologiche ci dicono che la terra non può essere cava (né piatta) e dunque che non avrebbe senso cercare possibili “porte” d’ingresso per un fantastico viaggio al centro della Terra.

Eppure il monte Epomeo continua ad affascinare ed attorno a lui continuano ad essere segnalati fenomeni apparentemente inspiegabili, come i numerosi avvistamenti di Ufo avvenuti in questi anni.

I MISTERI IRRISOLTI DI ISCHIA

E se ci fosse un fondo di verità nelle leggende, una delle quali, tra l’altro, narrata fin dal 1874 dallo scrittore danese Jorgen Vilhelm Bergsoe nelle sue “Novelle italiane”, parla di un’armata saracena scomparsa letteralmente dopo essersi rifugiata in una conca nei pressi del Monte Tabor, presso Casamicciola, sempre a Ischia?

Se la “terra cava” è sostanzialmente inverosimile, l’esistenza di uno o più cunicoli, naturali o meno che siano, che colleghino l’Epomeo ad altre località sull’isola di Ischia o persino sulla vicina costa campana potrebbe essere meno irrealistica.

Che poi questi cunicoli, come altri presenti in altre località terrestri, possano essere stati utilizzati anche come basi militari o persino da Ufo resta tuttora un mistero in attesa di una definitiva conferma o smentita.


La lista degli articoli correlati presenti in questo blog è lunga!
Per chi volesse approfondire l'argomento, basta digitare nel motore di ricerca interno del blog la parola: Agharti, o Agharta, o Terra cava, 
o ancora "Richard Evelyn Byrd" per trovarne diversi.
Buona ricerca! 

10 commenti:

  1. Di storie simili ce ne sono molte.

    Nel lago maggiore fuori Arona, c'è una supposta grotta magica.
    Un contadino parecchi decenni fa ha trovato tale grotta, dentro c'era una bellissima donna che gli ha concesso un desiderio.
    Il bifolco ha scelto di avere molte mucche (visto i tempi), è diventato ricco e poi ha perso tutto e si è trovato con meno di prima.

    Il malcapitato ha capito che erano doni interiori che doveva scegliere non materiali, non è più riuscito a ritrovre l'ingresso della grotta.

    La cercano ancora.
    Gianni

    RispondiElimina
  2. E' un argomento che mi intriga molto, dicono anche nel centro Italia (tra Lazio e Umbria) culla della civiltà Etrusca, vi sono degli accessi segreti in un lago, anche se ora non ricordo quale. Chissà quanti ce ne saranno sparsi in tutto il territorio italiano e non solo. Ma queste grotte magiche sono dei whormoles, tipo dei portali interdimensionali dove si il punto d'unione si sposta in automatico?

    RispondiElimina
  3. Ciao a tutti,
    il mio commento non tratta di questo argomento, ma di un altro.
    E´possibile vedere i due articoli di Sa Defenza e i due video su youtube?
    https://sadefenza.blogspot.com/2019/06/pelasgi-i-problemi-dellarcheologia-e.html
    https://sadefenza.blogspot.com/2019/03/cosa-dice-zacharia-sitchin-sulla-lingua.html
    https://www.youtube.com/watch?v=M-aQ1zUzRBo
    https://www.youtube.com/watch?v=v6Suq0hP1X8

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ma potevo mettere questi link sotto un articolo attinente.
      E una sola volta era sufficiente ..

      Elimina
    2. errata corrige: "potevi"

      Elimina
  4. Letimotif quello che dici può avere un senso, però la tematica ha molte sfaccettature.

    E' probabile che il punto di unione venga spostato in automatico, ma non capita sempre solo alle volte.
    E' ben documentato che nel 1800 in Inghilterra sono apparsi all'improvviso persone provenienti dal passato che non sono più tornati indietro.

    In Tibet ci sono svariate testimonianze di tali luoghi sotterranei, al punto che i locali portano solo fino all'ingresso di certe valli e non oltre perchè dicono che temono di scomparire.

    Gianni

    RispondiElimina
  5. In effetti senza un'adeguata preparazione potrebbe risultare mortale, un viaggio di andata senza nessuna certezza di ritornare.

    RispondiElimina
  6. Piccolo OT sempre per Catherine:

    Conosci i blog nellanimoantico.blogspot.com e oltrelastorianellanimoantico.blogspot.com?

    Molto ben fatti anch'essi, da leggere sicuramente.

    Enoch

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.