martedì 19 marzo 2019

Saper ascoltare

di Piero Cammerinesi

- Fammi parlare…
- Ma mi stai ascoltando?
- Hai capito cosa ti ho detto?


Quante volte abbiamo sentito o pronunciato queste parole nella nostra vita.
Migliaia, sicuramente.

E non finirà certo qui dato che, forse, uno dei maggiori problemi che oggi si frappongono tra noi e gli altri è che le persone non sanno ascoltare.

Farsi ascoltare, quello si, ma ascoltare l’altro, no. E l'entità del problema è direttamente proporzionale alla opinione che abbiamo di noi stessi. 

Tanto più ci sentiamo intelligenti, sensibili, certi di possedere saldamente la nostra porzione di verità - tanto più l'altro è solo una comparsa, un figurante nel teatro della nostra mente.

Ma cosa vuol dire ascoltare? Non tanto e non solo far parlare l’altro, non interromperlo, non ‘parlargli sopra’, capire quello che dice, per poi rispondere ...


Ascoltare veramente significa prima di tutto tacere interiormente, tacere con la voce, il pensiero, il sentimento. 

Significa non far sorgere nella nostra coscienza automaticamente la nostra interpretazione, la nostra spiegazione, il nostro personale giudizio su quanto l’altro sta dicendo.

Significa non solo non ‘parlargli sopra’, ma anche non…’pensargli sopra’.

E - attenzione - significa ancor meno percepire il nostro senso di simpatia o antipatia per le parole dell’altro.

Il giudizio o la nostra visione delle cose, o la nostra approvazione o condanna devono tacere fintantoché l’altro ci parla.

Dobbiamo esercitare un controllo strettissimo sulla nostra vita del pensare, del sentire e del volere, simile, per determinazione interiore, a quello che facciamo durante l’atto meditativo.

Il motivo per cui coloro che hanno avuto modo di parlare con un iniziato o un maestro spirituale ne hanno sempre tratto l’impressione di essere al centro dell’attenzione dell’altro - anzi, la netta sensazione come se nessun altro al mondo esistesse, durante il colloquio, oltre a loro due - è proprio questo: il maestro, l’iniziato sa ascoltare.

L’altro è davanti a me.
Le sue parole, i suoi sguardi, i suoi gesti, la maggiore o minore consequenzialità dei suoi pensieri, mi svelano il suo mondo interiore.
Io divento lui; vedo i suoi problemi con i suoi occhi, le sue debolezze con la sua anima, i suoi pensieri con la sua mente.

Solo dopo aver ascoltato, essermi identificato con l’altro - se richiesto - esprimo la mia opinione e lo faccio in modo tale da poter essere accolto dall’altro.
Ecco questo potremmo chiamarlo ‘saper ascoltare’.


"Amare vuol dire soprattutto ascoltare in silenzio." 
Antoine de Saint-Exupery

39 commenti:

  1. Saper ascoltare significa rispetto e tolleranza verso gli altri,sentire il sussurro con il quale Dio ci parla,non farsi domande che mettono in crisi la nostra ragione e mettersi alla ricerca solo della Verità,della Bellezza e dell*Amore.Emilio

    RispondiElimina
  2. PER CHI VUOLE ANDARE OLTRE IN MODO FACILE - IL SORRISO DEL BUDDHA

    E' potentissima dai risultati immediati.
    Sorridere, tutto qui.
    Sorridere molte volte nel corso della giornata, all'inizio disogna ricordarselo, in pochi giorni diventa una abitudine e si sorride decine di volte al giorno. Nessuna visualizzazione o pensiero specifico, quale che sia l'interiorità del momento sorridere.

    COME FUNZIONA
    Il subconscio non sa distinguere tra un sorriso vero o finto, in entrambi i casi esegue il programma sorriso che risiede nei neuroni con neurochimica associata, che in questo caso è la molecola della gioia, attraverso vari ormoni intermedi.

    Il risultato è una chimica della gioia che abbassa gli ormoni dello stress, adrenalina,noradrenalina e cortisolo, e induce uno stato di gioia.
    Il risultato è così potente che se si ha la musica accesa ci si ritrova a muoversi al ritmo della musica.
    Lo stato di gioia diventa continuo in dipendenza del numero dei sorrisi.

    Se lo fate fate saper i vostri risultati
    Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Oltre all'amore che cita giustamente Emilio, anche le sue manifestazioni nel quotidiano sono importantissime. Io stessa, per esempio, ho sorriso per mesi a commercianti poco propensi a farlo, e oggi mi salutano e mi sorridono loro per primo. Un semplice gesto che da gioia a tutti, e non è cosa da poco! ^_^

      Elimina
    2. UNA CONFERMA

      Una mia cara amica potrebbe fare la pubblicità a Mortisia della famiglia Adams.
      Austera, seriosa non sorride mai. E' andata per alcuni mesi in Giappone, li sorridono tutti per cultura. Ogni volta che parlava con qualcuno per educazione doveva sorridere dopo qualche tempo è cambiata.
      Poi al ritorno in Italia è tornata adessere Mortisia.
      Così è la vita
      Gianni

      Elimina
    3. Avete mai sentito parlare di Yoga della risata? molto interessante...ovvero "dell'arte di ridere" in gruppo e da soli.

      Elimina
    4. Si infatti! Anche se rimango del parere che le risate, come i sorrisi, sono più gustosi quando sorgono spontanei, penso che possa essere interessante per tanti. Ho Ho Ha Ha Ha!!
      ^_^

      https://crepanelmuro.blogspot.com/2018/03/la-risata.html

      Elimina
  3. Dona un sorriso a chi non c’è l*ha e rendilo felice,anche questo è Amore.Emilio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le risate sono problematiche

      Non metto in discussione la loro efficacia, tuttavia ridere a comando è assai difficile, per non dire qualsi impossibile senza un adeguato addestramento che è cosa da pochi.
      Il sorriso invece è alla portata di tutti, si può sorridere anche da arrabbiati.

      Un sorriso fa ridere i babini e questo riempie il cuore.
      Gianni

      Elimina
    2. Ciao, vi segnalo un buon articolo sul tema del mistero della risata, che sfiora appena l'argomento, e sul quale varrebbe la pena riflettere più seriamente
      http://www.visivagroup.it/showthread.php?t=12865
      Credo che non sia un caso che un grande comico e saggio siciliano dicesse spesso che "chi non ride non è una persona seria".

      Elimina
  4. Grande! Grazie.

    Per essere seri dobbiamo per forza essere tristi? ;)

    https://crepanelmuro.blogspot.com/2017/06/siamo-seri-impariamo-ridere.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resta insondabile il segreto della magia della risata, ma forse la Gioconda ne sa qualcosa di più, o Stanlio, quando, sul letto di morte, disse che "non avrebbe rivolto più la parola a chi avrebbe pianto durante il suo funerale"...

      Elimina
  5. A proposito di ridere, non tentare di condividere un articolo della Crepa su facebook, non ci riuscirete, non li passano da stamattina, e non solo: li hanno tolti tutti fin dalla creazione della pagina FB legata al blog ("La Crepa nel Muro") e anche sul mio profilo personale, e dovunque sono stati condivisi, non ne rimane nemmeno uno!
    Non mi chiedere perché, non lo so .. ma meglio riderci sopra! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il perchè è semplice è in corso la censura.

      Articoli e video anti vaccini e altri argomenti scomodi sono stati tolti da face book e you tube.
      Amzon non vende più libri contro i vaccini.
      Non c'è bisogno di spegere internet prima il monopolio poi la censura.
      Gianni

      Elimina
    2. E' quello che mi stanno dicendo anche altre persone, Gianni, ma perché oscurare tutto il blog, compreso il link generale della home? Boh..
      E se hanno preso di mira me, che sono un pesce piccolo con un blog modesto e tutto sommato moderato, vuol dire che c'è in atto un'ecatombe .. E vuol dire che lascerò facebook! ;)
      Solo che per ora non ho avuto echi di altre vittime di FB come me! ^_^

      Elimina
    3. Secondo me iniziano dai piccoli che non fanno notizia, poi...
      Sono i piccoli a creare disturbo perchè tanti piccoli assieme fanno una moltitudine.

      Anche google sta già facendo censura per questo uso duckdukgo.
      A quando i blog?
      Approfittiamone a dare notizie fin che si può.
      Gianni

      Elimina
  6. Solo che per ora non ho avuto echi di altre vittime di FB come me! ^_^
    Questo vuol dire che, per adesso, cominciano con te (noi)…
    Dedichiamo questi pensieri a chi non crede nella "teoria" del complotto.
    Che squallore, meno male che c'è il sorriso a soccorrerci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IL VERO MOTIVO DI TUTTO.

      Si tratta della centesima scimmia, la cosa più temuta in assoluto dai potenti.
      Noi nel nostro piccolo facciamo parte delle 99 scimmie, poi ne basta solo una o pochi di noi in più per ribaltare il pianeta.
      Non arrendiamoci, ciascuno di noi potrebbe essere la famosa centesima scimmia.

      Catherine con questo blog partecipa alla centesima scimmia come tutti noi che lo frequentiamo.
      Nel nostro piccolo siamo più potenti di quel che sembra.

      VIVA NOI
      Gianni

      Elimina
    2. Caro Gianni, penso proprio che fino a quando l'uomo resterà quello che è, non cambierà nulla: tutto sarà come prima, con e senza la 100a scimmia; il rapporto tra bene e male non può cambiare, altrimenti finisce il miraggio della vita...opinione mia naturalmente, e come tale del tutto relativa e soggettiva.

      Elimina
    3. Giuseppe il male è necessario alrimenti come puoi sapere cosa è il bene.

      Io la vedo in positivo, è vero che la massa è omogenea e solo automi, ma è altrettanto vero che molte persone iniziano a farsi domande.
      Sono queste persone il futuro gli automi seguiranno inevitabimente.
      Gianni

      Elimina
    4. ...gli automi seguiranno inevitabilmente?
      Me lo auguro, ma passeranno molti eoni, c'è tanto sonno in giro...

      Elimina
    5. Giuseppe comprendo che non è facile essere positivi in questo fango.

      Abbiamo poche frecce nella faretra questo è vero, ma è anche vero che cambiando noi stessi cambiamo il mondo, alla peggio quando ce ne andremo saremo svegli.
      Gianni

      Elimina
    6. Spero di non essere frainteso: ai sogni preferisco il realismo, crudo per quanto sia, ...preferisco essere ferito dalla verità, che essere confortato da una menzogna, e i sogni sono menzogneri, generano aspettative e le aspettative sono il pomo della discordia sociale...

      Elimina
    7. Hai detto bene, sempre tenere i pedi per terra, concordo con te meglio la verità per quanto spiacevole sia.
      Gianni

      Elimina
  7. E ora sono anche senza PC! Non so usare il cell e quindi niente articolo oggi. Quando si dice che piove sempre sul bagnato!
    Beh, vuol dire che mi prenderò una vacanza! ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Sora Menica, oggi è Domenica e ci si riposa, tanto sei disarmata, an' do' vai se il PC non ce ll'hai?

      Elimina
    2. Ahahahah! Ho rimediato uno vecchio per i prossimi giorni, ma che fatica! :P

      Elimina
  8. Negli Stati governati da regimi di tipo Monarchico si usa dire......Lunga vita al re e io che voglio bene a queste pagine dico invece.......Lunga vita al Blog.Emilio

    RispondiElimina
  9. Giuseppe a proposito della verità.

    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche quello che non ti aspetti. Eraclito

    Gianni

    RispondiElimina
  10. Certo Gianni: l'imprevisto è sempre dietro l'angolo, anzi credo che si possa dire che è una delle "costanti universali"...e aggiungo che se l'imprevisto è insito in questa frase "Ciò che inseguiamo ci sfuggirà, ciò che sfuggiamo ci inseguirà " allora anche l'imprevisto può essere previsto...(fragorosa risata).

    RispondiElimina
  11. Giuseppe hai proprio ragione.

    La realtà nel bene e nel male viene continuamente creata dalla mente.
    Per cui chi sa agisce usando la mente per creare una realtà migliore, chi non sa (la massa) ha sempre in cambio quello che non vuole.
    Sono prede di se stesse.

    Se ti guardi attorno i lagnosi ne hanno sempre una, ai solari gli va tutto bene.
    Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ai solari va tutto bene?
      La pre-censura su internet di ieri è anche per i solari! O sono esenti solo perché sono "positivi" nel pensiero?

      Elimina
    2. La censura è censura.

      Ieri era la chiesa oggi i media e i controllori di internet, domani magari proibiranno di avere pensieri nostri.
      Per quanti sforzi la chiesa ha fatto non è riuscita ad impedire il libero pensiero.
      E' nella natura umana vedere le catene quando diventano troppo strette. Gianni

      Elimina
  12. Amazon ha rimosso i libri che trattano di cure naturali per l'autismo.
    Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E intanto banna i documentari sui vaccini e consente la vendita delle sex dolls http://humansarefree.com/2019/03/as-amazon-bans-vaccine-documentary.html

      Elimina
  13. Figuriamoci, spesso queste ricerche vengono scartate invece di essere approfondite .. niente di nuovo. Ciò che conta è vendere .. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me hanno venduto la loro coscienza
      Gianni

      Elimina
    2. Ciò che conta è vendere …?
      A mio parere il denaro (facile) non è il fine ma il mezzo (ne usano ed abusano di tanti altri…) di asservimento per eccellenza. Ne hanno tanti di soldi che si possono permettere il "lusso" di morire anche di infarto sull'altare del denaro, magari insigniti anche del fregio di "cavalieri del lavoro".

      Elimina
  14. Per Gianni: la Coscienza non si può vendere, la mente si, quella può temporaneamente offuscare la Coscienza e, come tutti i Mediatori, svolge egregiamente la sua funzione di creatrice di menzogne (parassita). Opinioni, opinioni, niente di più...

    RispondiElimina