giovedì 21 marzo 2019

Gli effetti che il silenzio produce nel cervello. La neuroscienza nell’era del rumore.

"La strada per tutte le grandi cose passa attraverso il silenzio."

-Friedrich Nietzsche


Sempre più persone vivono in città, vicino a dispositivi rumorosi, traffico incessante e innumerevoli stimoli fisici e psichici. Non c’è da stupirsi, quindi, che il silenzio è diventato un bene in via di estinzione o luoghi in cui la frenesia della vita moderna non è finita l’ampiezza del suo spazio e il naturale tranquillità della sua geografia sono ora rifugi esclusivi, dove si può ancora sperimentare (e pagare un buon prezzo) la qualità incontaminata del silenzio.

Il silenzio ha già un mercato ed è considerato un prodotto di lusso e alcune persone viaggiano per il mondo a caccia zone di silenzio, come uccelli rari ( “il silenzio è d’oro”, dice la famosa frase). Ora troviamo, per esempio , la Finlandia, un paese già noto per essere un po’ noioso, dove non accadono molte cose, ora approfittano della sua bassa densità del suono come una sorta di marchio: “fatto a mano in silenzio filandese”

Nell’articolo citato, scritto da Daniel A. Gross, notiamo che c’è una tradizione che lega il silenzio con il disagio e la malattia dalla stessa parola usata in inglese al rumore, “rumore”, che sembra provenire da una Radice latina che potrebbe essere “nausea” o “noxia” (parola da cui deriva “nocivo”), entrambi legati al dolore e al disgusto prodotto dal rumore.

Ora gli scienziati sembrano confermare la vecchia nozione che il rumore fa male, disturbato e malato: per strappare il velo di silenzio che mantiene un’aura, un ambiente vergine per coltivare lo spirito stesso. Il rumore è diventato sinonimo di stress ...


Daniel A. Gross ci dice che dalla metà del secolo scorso, gli scienziati hanno notato che vivere vicino ad un rumore elevato, come un aeroporto o una strada, è correlato con effetti negativi, come la pressione alta. 

Questo è stato collegato in seguito con l’insonnia, malattie cardiache e acufeni.

Da qui l’idea così diffusa e innegabilmente reale nel nostro tempo di inquinamento acustico. Quando si cerca un nuovo quartiere, questo è uno dei fattori che vengono presi in considerazione, aumentando il valore di una proprietà; e anche molte persone lasciano le città in cerca di quella perduta o in fuga per la salute, dalle città affollate che non sono solo come arterie e polmoni congestionato silenzio sono anche come infezioni dell’orecchio e l’emicrania collettivi provocato dal passaggio del suono incessante.

È utile, seguendo Gross, capire come il rumore colpisce il nostro cervello:

Le onde sonore vibrano nelle ossa dell’orecchio, che trasmettono il movimento alla coclea sotto forma di una lumaca. La coclea converte le vibrazioni fisiche in segnali elettrici che l’orecchio riceve. Il corpo reagisce immediatamente a questi segnali, anche nel bel mezzo del sonno profondo.

La ricerca neurofisiologica suggerisce che il rumore prima attiva l’amigdala, gruppi di neuroni situati nei lobi temporali del cervello associata con la formazione della memoria e le emozioni. Questa attivazione innesca un rilascio immediato di ormoni dello stress come il cortisolo. Le persone che vivono costantemente esposte a ambienti rumorosi sperimentano livelli di stress cronici elevati.

Lo studio seminale nella letteratura in proposito è stata fatta nel 2005 da Luciano Bernardi, medico e musicista, una combinazione rara ma sicuramente affascinante che ci ricorda forse anche Marsilio Ficino e anche Pitagora, che ha usato la musica come medicina. Bernardi di per sé non era studiare gli effetti di silenzio, ma di musica, ma qui negli intervalli e la musica intercapedini, neurofisiologia del silenzio ha cominciato a dispiegarsi.

Bernardi e colleghi di notare che gli spazi di silenzio intervallati a caso hanno avuto un effetto considerevole sulla frequenza cardiaca, la respirazione e le registrazioni cerebrovascolari dei soggetti di studio esposti al suono. Scoprirono che le pause di 2 minuti erano molto più rilassanti della “musica rilassante” o che il silenzio continuava. Un rilassamento che si correla con minori rischi di problemi cardiovascolari.

Lo studio suggerisce che il silenzio è esacerbato dai contrasti. “Forse lo stimolo è qualcosa che concentra l’attenzione della mente in una direzione, così che quando non c’è nulla che continua a stimolare, allora si ha un rilassamento più profondo”, dice Bernardi. Sembra che il silenzio esista solo in relazione al suono, come l’oscurità con la luce o forse anche come il vuoto che in realtà è una pletora di potenziale energia creativa.


Forse il “silenzio” è composto da una aurea quasi infinita sempre più sottili suoni non udibili come infrasuoni possono emettere alcuni cetacei o suoni siderali miticamente sentiti dai filosofi pitagorici, anche se oggi sappiamo che nello spazio, senza atmosfere, non viene prodotto alcun suono, forse c’è qualcosa oltre a ciò che i nostri dispositivi possono catturare nello stesso modo in cui esiste “energia oscura” o altri fenomeni misteriosi per la fisica.

Potremmo anche aver bisogno di un terzo orecchio per rilevare la gamma mistica del suono. Tutto questo per fare scuse e un’ode al silenzio come un continente ancora inesplorato, inesauribile, che invita sempre ad un regno più profondo e spiritualmente leggero.

Le conclusioni di Bernardi, secondo cui “una pausa nella musica induce un maggiore rilassamento all’esposizione precedente alla musica”, che indica che forse il piacere della musica deriva da “un’alterazione controllata tra stimolazione e rilassamento”, ci ricordano la famosa frase di Mozart che “la musica non è nelle note ma nel silenzio tra loro” oppure torna a Pitagora, una figura imprescindibile quando da queste parti: “c’è la musica nella spaziatura delle sfere, c’è la geometria nel ronzio delle corde “(Pitagóras, che, dobbiamo ricordare, fu uno dei primi grandi entusiasti del silenzio, rendendo obbligatori 5 anni di totale silenzio prima di ricevere la sua dottrina) …

L’intervallo, l’assenza di suono e memoria, come la sua leggera scia eterea, è ciò che rende la percezione espandersi e contrarsi e prendere il volo come inspirazione ed espirazione e la sua oscillazione tra uno stato di vuoto e pienezza.

Un altro studio, citato da Gross, della Duke University, ha dimostrato che i topi esposti, in forte contrasto con le loro abitudini, a 2 ore di silenzio hanno iniziato a sviluppare nuovi neuroni, che è noto come neurogenesi. I ricercatori teorizzano che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il cervello entra in uno stato di allarme altamente sensibile quando si verifica il silenzio, dal momento che non ci siamo abituati.

In qualche modo il silenzio diventa un ambiente arricchito, paradossalmente stimolante per la crescita neurale. Tieni presente che il profondo silenzio che provi mentre mediti, quando le cellule del tuo cervello assumono un’ampiezza cristallina, potrebbe essere il suono della nascita di nuovi neuroni e delle costellazioni sinaptiche.


Tutto questo, anche, per invitare a una rivalutazione attiva del silenzio che, più rumore, più prezioso e vitale dobbiamo considerare. Pensala come la nave di porcellana più delicata, perché ogni silenzio è rotto dal suono meno stridente. E ogni coscienza che riesce a mantenere la fiamma del silenzio nutre gli altri, con una frequenza armonica, come le calme onde di un lago calmo su una montagna in primavera.

Il silenzio è il bastione strutturale dell’armonia dell’essere, fluttuante nello spazio come un fiore di loto o come l’albero Kabbalista le cui radici sono le stelle. In questo senso, una sorta di professione o hobby di guardiani e silenziatori può essere concepito – un nuovo silenzio come nutrimento; forse come quelle persone che nelle cerimonie mantengono lo spazio creando un perimetro invisibile e assistendo alla possibile irruzione di forze esterne.

Salvare il proprio silenzio come un atto di carità per evitare di creare rumori inutili e inquinano l’ambiente, perché forse qualcuno nel silenzio diamante può essere quello di ascoltare la musica delle sfere e trovare la pace che la comprensione.

Avviso: Si, lo so, l'articolo è stato tradotto un po' approssimativamente, quando avrò tempo cercherò la fonte originale e lo correggerò!

16 commenti:

  1. E' tradotto bene. Si capisce ! E' vero che il Silenzio è riposante. Un salutare trucchetto: ammutolire il tv o le radio quando dicono le cazzate...sempre più spesso...o quando trasmettono canzonette, NON quando si ascolta un discorso intelligente o scientificamente eruditivo, vero, o quando si ascolta musica musicale d'armonia...

    RispondiElimina
  2. Un suggerimento di "musica musicale d armonia"?..😂...io credo che l armonia nella musica sia del tutto soggettiva...penso che le vibrazioni della musica,vadano in totale risonanza con quelle che caratterizzano l ascoltatore,e questo spiega perché un tipo di musica che a me urta ad altri piaccia,quindi radio a tutto volume altro che spente,al massimo cambiare stazione...

    RispondiElimina
  3. "Ti regalo il mio silenzio, affinché tu possa sentire il profumo dei tuoi pensieri più belli!"...Per caso conoscete la fonte di questa stupenda "poesia"?

    RispondiElimina
  4. "Le parole come violenza
    Rompono il silenzio
    Arrivano schiantandosi
    Nel mio piccolo mondo

    Sono dolorose per me
    Mi trafiggono direttamente
    Non riesci a capire?
    Oh mia piccola ragazza

     Tutto ciò che ho sempre voluto
    Tutto ciò di cui ho sempre avuto bisogno
    È qui nelle mie braccia
    Le parole sono davvero superflue
    Possono solo fare male

     Le promesse sono fatte
    Per essere infrante
    Le emozioni sono intense
    Le parole sono banali
    I piaceri rimangono
    E così anche il dolore
    Le parole sono insignificanti
    E trascurabili

     Tutto ciò che ho sempre voluto
    Tutto ciò di cui ho sempre avuto bisogno
    È qui nelle mie braccia
    Le parole sono davvero superflue
    Possono solo fare male

     Tutto ciò che ho sempre voluto
    Tutto ciò di cui ho sempre avuto bisogno
    È qui nelle mie braccia
    Le parole sono davvero superflue
    Possono solo fare male

     Tutto ciò che ho sempre voluto
    Tutto ciò di cui ho sempre avuto bisogno
    È qui nelle mie braccia
    Le parole sono davvero superflue
    Possono solo fare male

     Goditi il silenzio"

    (enjoy the silence - depeche mode)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto pare non tutte le canzoni sono banali.
      La canzone citata è un raro esempio.
      Gianni

      Elimina
  5. Il silenzio è solo una parte del problema anche se notevole.

    Solo con lo spegnere il dialogo interiore porta a sentire la musica della creazione.
    La mente è sempre con noi come pure il suo continuo rumore, è questa la vera sfida che è assai difficile da superare.
    Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mente è sempre con noi come pure il suo continuo rumore, è questa la vera sfida che è assai difficile da superare.
      La metafora della Carrozza, proposta dal maestro esoterista George Ivanovic Gurdjieff, è la rappresentazione ideale, e ancora attualissima, dell’essere dormiente, ovvero di colui che non decide la direzione della propria vita, ma ne è succube, condizionato dalle forze esterne che influenzano il proprio percorso. Gurdjieff, nel suo libro “Vedute sul mondo reale”, paragona l’essere umano ad un veicolo destinato al trasporto di un passeggero. Un veicolo definito carrozza che rappresenta il corpo fisico, trainato da cavalli che sono le emozioni, guidato dal cocchiere che è la mente, mentre il passeggero è l’anima (o coscienza).
      Gurdjieff adoperava questa metafora per spiegare agli allievi della sua scuola esoterica, il procedimento per cui la coscienza che è in ognuno di noi, è assopita in un sonno indotto, descrivendo così il funzionamento del pilota automatico (mente ed emozioni) che gestisce la nostra macchina biologica (il corpo fisico).
      Basta ricordarsi che noi siamo il passeggero...più facile a dirsi che non a farsi: ma ne vale la pena! La Bhagavad Gita insegna come fare in pratica, senza aspettative di alcun genere. Le aspettative sono il veleno dell'esistenza e della coesistenza pacifica.

      Elimina
  6. Salve oscurità,mia vecchia amica,nei miei sogni camminavo inquieto su strade di ciottoli e ad un tratto nel buio della notte mi sono fermato,ad ascoltare il suono del silenzio.The Sound of Silence.Simon and Garfunkel.

    RispondiElimina
  7. Per Catherine: ti segnalo un articolo molto lungo, in inglese, che tenta di affrontare il "perché la nostra Coscienza sia in stato di ipnosi": forse qualcuno di noi arriccerà il naso, ma almeno c'è qualcuno che tenta di capire e di farci capire; ovviamente si tratta sempre di "opinioni" personali, per cui il benefico dubbio sarà sempre il benvenuto.
    http://humansarefree.com/2015/03/escape-their-trap-and-set-your-soul-free.html
    La traduzione on line non è molto affidabile, c'è qualcuno di noi che può "limarla"? Grazie!

    RispondiElimina
  8. Bisogna diminuire i rumori e i gesti inutili.

    Il silenzio e l'economia dei gesti portano all'espansione della mente.
    Il rumore e i gesti inutili portano alla distrazione della mente.
    Di facilissima difficoltà
    Gianni

    RispondiElimina
  9. Di facilissima difficoltà…Sei forte Gianni.
    Comunque concordo che bisogna iniziare a "rallentare" i ritmi biologici (camminare, respirare, parlare, gesticolare, ecc...) per fermare (magari!) il chiacchiericcio della mente. Poi, forse, verrà il vero silenzio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuseppe ti ringrazio per l'apprezzamento.

      Dici bene "Poi, forse, verrà il vero silenzio".
      Basta iniziare poi il resto viene da se.
      Gianni

      Elimina
  10. Viviamo immersi in un oceano di rumori e questo a lungo andare non fa altro che farci ammalare,soprattutto psicologicamente e quindi bisogna cercare di fare il possibile per alienarsi da tutto ciò che è fonte di rumore e riscoprire invece nuovamente i meravigliosi e armonici suoni della Natura,il rumore di un ruscello,il cinguettio degli uccelli,il rumore del vento,che non sono dannosi ne*al nostro udito e ne*alla nostra mente.A mio parere è questa l*unica terapia che abbiamo a nostra disposizione per liberarci dal frastuono dell*Esistenza.Emilio

    RispondiElimina
  11. Il frastuono dell'Esistenza...dici bene Emilio, ma il frastuono non può essere eliminato, bisogna conviverci e limitarne i danni anche, ma non soltanto, stando in contatto con la natura e più vicini a Sé stessi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuseppe il frastuono è tale solo se lo si vuole.

      Se si vede il frastuono il caos che ci circonda come tale l'unica cosa possibile è limitare i danni come dici.

      L'alternativa furba consiste nel vedere il frastuono e i rumori come musica, la musica del caos.
      La musica è ovunque basta ascoltarla, non è dificile è solo un modo diverso di vedere le cose, in questo modo quello che disturba arricchisce.

      Alla fine è sempre una questione di scelta.
      Gianni

      Elimina