lunedì 27 marzo 2017

La Storia Antica è una Bufala? Fomenko e la Nuova Cronologia

Molti degli eventi descritti dalla storiografia ufficiale in merito all'antichità sono pure e semplici invenzioni basate su una sfilza di equivoci metodologici e dati mai verificati accettati come assiomi dagli storiografi moderni. E' questa, in parole povere, la spiazzante teoria - denominata 'Nuova Cronologia'- avanzata dal prof. Anatolij Timofeevič Fomenko, matematico, fisico e scienziato presso l'Università statale di Mosca.

Le idee della Nuova Cronologia sono una continuazione diretta delle idee iniziali di Nikolaj Aleksandrovič Morozov e potrebbero essere considerate come una evoluzione delle teorie del francese Jean Hardouin.

In particolare Fomenko afferma:

- che differenti versioni degli stessi eventi storici furono contestualizzatì con vere date e locazioni da parte di storici e traduttori, creando "copie fantasma" multiple di questi eventi. Tali 'copie fantasma' risultano spesso distanziate da periodi lunghi secoli o addirittura millenni;
- che tutti questi eventi, reali e fittizi, sono stati incorporati nella cronologia tradizionale;
- che, come conseguenza, la cronologia ritenuta universalmente corretta sia in realtà sbagliata e ripeta eventi principalmente dal 900 in avanti;
- che questa cronologia fu essenzialmente inventata nel sedicesimo e diciassettesimo secolo;
- che la datazione archeologica, la datazione dendrocronologica, la datazione paleografica, la datazione al Carbonio 14, ed altri metodi di datazione di fonti antiche ed artefatti conosciuti al giorno d'oggi sono erronee, non esatte o dipendenti dalla cronologia tradizionale;..


- che non esiste un solo documento che possa essere verosimilmente datato precedentemente all'XI secolo;
- che l'Antica Roma, l'Antica Grecia e l'Antico Egitto furono creati durante il Rinascimento dagli umanisti e dal clero;
- che l'Antico Testamento sia probabilmente un rendiconto di eventi accaduti nel Medioevo, e che il Nuovo Testamento sia in realtà più vecchio dell'Antico Testamento;
- che la cronologia convenzionale presenta molte incoerenze, generalmente ignorate, dando la percezione che tali incongruenze non esistano;
- che gli oroscopi egiziani evidenziano periodi dal 1000 fino al 1700 al più tardi;
- che il Libro della Rivelazione o Apocalisse di Giovanni che noi conosciamo, conterrebbe un oroscopo risalente al 25 settembre - 10 ottobre 1486, compilato da un cabalista di nome Johannes Reuchlin;
- che gli oroscopi contenuti sulle tavolette sumere/babilonesi hanno una ricorrenza di 30-50 anni sulla linea temporale e che quindi sono inutili per la datazione;
- che le tavolette delle eclissi cinesi sono inutili per la datazione poiché contengono troppe eclissi che non si sono mai verificate. (Fonte).

Mai come in questo caso, se le teorie di Fomenko fossero fondate, varrebbe la pena di citare Orwell: "Chi controlla il passato controlla il futuro", e Santayana: "La storia è un mucchio di bugie su eventi che non sono mai accaduti, raccontati da persone che non erano lì per vederli."

Proponiamo di seguito una intervista rilasciata ad Italo Cillo (del blog Miglioriamo) dal ricercatore ed autore Varo Venturi.

Buona visione.



Fonte: www.anticorpi.info

Il sito italiano dedicato a Fomenko: www.nuovacronologia.it

Il libro: 


Nessun commento:

Posta un commento