lunedì 8 agosto 2016

I 100 articoli che spariranno per primi

In caso di emergenza ci sono determinate cose che vanno letteralmente a ruba nei negozi e quindi finiscono prima di altre. 

Quindi puoi anche chiamarle “ le cento cose che devi iniziare a mettere da parte” visto che al momento dei un eventuale emergenza potresti anche non riuscire a trovarle.

Anche se per ognuna non te ne serviranno più di due esemplari (devi avere due di tutto). Considera che ognuna di queste cose si presta bene anche per il baratto.

1. Generatori (quelli buoni sono cari. Lo stoccaggio di gas è rischioso. Il rumore attira i ladri, c’è la manutenzione ecc.)

2. Filtri e purificatori per l’acqua

3. Gabinetti portatili

4. Legna d’ardere stagionata. Il legno ci vuole circa 6 – 12 mesi per asciugarsi e per l’uso domestico

5. Olio per lampade, stoppini, lumi (olio puro dev’essere la prima scelta, altrimenti QUALSIASI)

6. Combustibile liquido per lampade. Impossibile averne troppo.

7. Pistole, munizioni, spray al peperoncino, coltelli, clave, mazze e fionde

8. Apriscatole e sbattitori manuali, fruste

9. Miele/sciroppi, zucchero bianco e integrale

10. Riso, fagioli, frumento...




11. Olio vegetale per cucinare. Senza di esso il cibo si brucia o dev’essere bollito ecc.

12. Carboncino, liquido accendifuoco (all’improvviso sarà scarso)

13. Contenitori per l’acqua (da procurarsi con urgenza). Qualsiasi misura. Piccoli contenitori solo di plastica dura. Se vengono usati per bere, devono essere sicuri per alimenti.

14. Piccola stufetta a gas

15. Macina cereali manuale

16. Bombole di gas (urgente: ce ne sarà sicuramente carenza)

17. Manuale di sopravvivenza

18. Reticelle per lampade (senza questo articolo, l’illuminazione a lungo termine è difficile)

19. Provviste per neonati: pannolini, latte in polvere, pomate, aspirina, ecc.

20. Assi per lavare, secchio per mocio con strizzatoio (per la biancheria) ...
21. Fornelli (gas e cherosene)

22. Vitamine

23. Supporto per piccoli contenitori di gas (urgente: l’uso di piccole taniche è pericoloso senza questo articolo)

24. Prodotti per l’igiene femminile, la cura dei capelli e della pelle

25. Biancheria intima termica

26. Seghe, asce, accette, cunei (anche olio per affilatura)

27. Vassoi di alluminio, carta stagnola resistente (ottimo per uso culinario e come oggetto di scambio)

28. Contenitori per benzina (plastica e metallo)

29. Sacchi per l’immondizia (non se ne possono avere abbastanza)

30. Carta igienica, fazzoletti e asciugamani di carta

31. Latte in polvere e condensato (agitare il liquido ogni 3-4 mesi)

32. Sementi (non ibride) (da NON dimenticare assolutamente)

33. Mollette, corda, grucce per la biancheria (da NON dimenticare assolutamente)

34. Kit riparazione pompe

35. Tonno sottolio

36. Estintori (oppure uno scatolone di bicarbonato di sodio in ogni stanza)

37. Kit di primo soccorso

38. Batterie (tutte le dimensioni, comprare quelle che scadono più tardi)

39. Aglio, spezie e aceto, provviste per prodotti al forno

40. Cani di grande taglia (e un sacco di mangime per cani)

41. Farina, lievito e sale

42. Fiammiferi (meglio quelli accendibili su ogni superficie). I fiammiferi spariranno per primi

43. Carta da scrivere, blocchi, matite, calcolatrici solari

44. Borsa refrigerante (ottima per non far congelare i cibi in inverno)

45. Stivali da lavoro, cinture, jeans e magliette resistenti

46. Torce e bastoncini auto-luminescenti, lanterne a cherosene (Dietz n. 76)

47. Giornali, diari e album (buttate giù idee, sensazioni, esperienze, illustrazioni)

48. Bidoni di plastica (ottimi per conservare, per l’acqua e per trasportare, se provvisti di ruote)

49. Prodotti per l’igiene: shampoo, spazzolino da denti, dentifricio, collutorio, filo interdentale, tagliaunghie ecc)

50. Utensili da cucina in ghisa (robusti ed efficienti)

51. Provviste e attrezzi per la pesca

52. Zampironi e repellenti per zanzare, spray e creme

53. Nastro isolante

54. Tele, picchetti, spago, chiodi, corde

55. Candele

56. Detersivo per bucato (liquido)

57. Zaini e borse da campeggio

58. Attrezzi e provviste per il giardinaggio

59. Forbici, stoffe e attrezzi per cucire

60. Frutta, verdura, minestre, stufati ecc. in scatola

61. Candeggina (pura, NON profumata, tra 4 e 6% di ipoclorito di sodio)

62. Articoli per la conservazione in barattolo (barattoli/coperchi/cera)

63. Coltelli e attrezzi per affilare: lime, pietre, acciaino

64. Biciclette, gomme, tubi, pompe, catene ecc.

65. Sacchi a pelo, coperte, cuscini, materassini

66. Rilevatore di monossido di carbonio (a batteria)

67. Giochi da tavolo, carte, dadi

68. Veleno per ratti, topi, scarafaggi

69. Trappole per topi e formiche e trappole adesive per scarafaggi

70. Piatti, bicchieri e posate di carta (tanti)

71. Salviettine umidificate, oli, sapone asciutto e antibatterico (per risparmiare acqua)

72. Attrezzatura antipioggia, stivali di gomma ecc.

73. Strumenti per la rasatura (rasoi, creme, borotalco, dopobarba)

74. Pompe a mano e sifoni (per acqua e carburanti)

75. Salsa di soia, aceto, dadi da brodo, concentrati di sugo di carne e brodo

76. Lente d’ingrandimento

77. Cioccolata/cacao/succhi di frutta in polvere/punch (aromatizzano l’acqua)

78. Kit di sopravvivenza

79. Vestiti di lana, sciarpe, paraorecchie, guanti

80. Manuale dello scout, libro fai da te

81. Kit di isolamento termico per finestre

82. Cracker, salatini, ciambelline salate, miscela di frutta secca, carne secca speziata

83. Popcorn, burro d’arachidi, noci

84. Calzini, biancheria intima, magliette (cambi)

85. Legname (ogni tipo)

86. Vagoni e carri (per il trasporto da e per)

87. Culle e materassi gonfiabili

88. Guanti per lavoro, per scaldarsi, giardinaggio ecc.

89. Ganci per lanterne

90. Nastro per riparare buchi nel vetro

91. Tè

92. Caffè

93. Sigarette

94. Vino e liquori (per corrompere o per uso medicinale ecc.)

95. Cera di paraffina

96. Colla, chiodi, viti, dadi e bulloni

97. Gomma da masticare e caramelle

98. Nebulizzatori (per rinfrescarsi/lavarsi)

99. Cappelli e foulard in cotone

100. Capre e polli



Scrive un superstite della guerra di Sarajevo:

In una guerra si vivono delle cose orribili: la morte dei genitori e degli amici, fame e malnutrizione, freddo infinito, paura, attacchi dei cecchini.

1. Fare delle scorte aiuta, ma non si sa mai quanto dureranno i problemi, quindi stabilitevi vicino a delle risorse di cibo rinnovabili.

2. Vivere vicino a un pozzo con una pompa a mano è come vivere nell’Eden.

3. Dopo qualche tempo anche l’oro perde il lustro. Ma in guerra non c’è lusso più grande della carta igienica. Il suo valore aggiunto supera quello dell’oro in guerra.

4. Se doveste rinunciare a una comodità, fate a meno dell’elettricità. È la cosa a cui è più facile rinunciare, ammesso che vi troviate in un clima mite e non avete bisogno di riscaldamento.

5. Cibi in scatola sono fantastici, specialmente se hanno un sapore proprio anche non scaldati. Una delle cose migliori sono le scorte di sugo in scatola, che rende molti dei cibi secchi e insipidi accettabili. Deve essere solo scaldato, non bollito. È anche conveniente se comprato in grandi quantità.

6. Portatevi dei libri. Letteratura di evasione o gialli sono più preziosi quando la guerra si prolunga. Certo è ottimo avere molti manuali di sopravvivenza, ma la maggior parte delle situazioni le dovrete risolvere comunque da soli, e avrete un sacco di tempo da ammazzare.

7. La sensazione di essere umani può svanire molto rapidamente. Non posso dirvi quante persone ho conosciuto che avrebbero scambiato un pasto assolutamente necessario con un po’ di dentifricio, fard, sapone o profumo. Non ha molto senso combattere se dobbiamo perdere la nostra umanità. Queste cose alzano il morale come poche altre.

8. Rifornitevi di candele a consumo lento e di fiammiferi, fiammiferi, e ancora fiammiferi!


Nessun commento:

Posta un commento