lunedì 21 marzo 2016

Il cervello è necessario ma non sufficiente a spiegare la coscienza...

...la neuroscienza e la clinica lo confermano (Nde e non-località)

"Io sono semplicemente convinto che qualche parte del Sé o dell’Anima dell’uomo non sia soggetta alle leggi dello spazio e del tempo.» (C.G.Jung)

"La coscienza non è riducibile a eventi neurali. Il significato del messaggio non sarà mai trovato nella chimica dell’inchiostro."(Roger Sperry, Nobel per la neurofisiologia)
La mente non è strettamente correlata al cervello e al suo funzionamento.
Come riporta il titolo di un interessante libro sul tema del neurochirurgo Massimo Gandolfini:

“Il cervello è organo necessario ma non sufficiente a spiegare la coscienza”

L’intero mondo antico lo ha sempre saputo, oggi noi lo stiamo lentamente accettando grazie ai risultati empirici e i nuovi paradigmi della neuroscienza contemporanea e della psicologia [Gallese; K.Pribram & Bohm; Sheldrake; S.Hameroff; C.G.Jung; Zylberbaum, etc].

Studiosi come Hameroff & Penrose, o Karl Pribram, hanno elaborato alcuni dei paradigmi attualmente più accreditati per quanto riguarda il possibile funzionamento del sistema cervello/psiche.

Ma nonostante ciò, in ancora moltissimi ambiti accademici di Psicologia e Medicina, gli “addetti” sembrano non esserne minimamente a conoscenza, continuando a insegnare e divulgare ciò che hanno studiato 20-30 anni fa attraverso i vecchi paradigmi meccanicistici/riduttivi, gli stessi paradigmi che sono attualmente sempre più in disuso e incompatibili con la recente ricerca empirica e fenomenologica provenienti dai campi quali la neuroscienza, la psicologia e la fisica.
Qui di seguito troverete un piccolissimo assaggio (video) proveniente dal campo della ricerca in ambito neurofisiologico e psicologico. A parlare è il dott. Bruce Greyson, Psichiatra noto, in questo stralcio di un convegno del 2008, ci lascia una piccola panoramica delle NDE (Near Death Experience – Esperienze Pre-Morte) in pazienti tenuti sotto osservazione. I dati sono abbastanza aggiornati.

Da tali studi derivano conseguenze epistemologiche imprescindibili per qualsiasi studio futuro del fenomeno della coscienza, che, come dimostra la letteratura più aggiornata, questa “coscienza” sembra essere “non-locale” (vedi Pribram, Hameroff e Penrose)

«[…] Si sapeva infatti che la coscienza era un epifenomeno dell’attività elettrico-chimica cerebrale, e che in assenza di attività cerebrale non poteva esserci nessuna forma di coscienza. Tuttavia, i recenti sviluppi delle tecniche di rianimazione, che hanno permesso di “riportare in vita” pazienti dichiarati clinicamente morti, hanno aperto inquietanti interrogativi riguardo i rapporti tra cervello e coscienza. […] La cosa più inquietante è che alcuni pazienti ciechi, hanno riferito e descritto con accuratezza oggetti ed eventi accaduti durante la loro NDE. »
(Ring., e Cooper,S., “Mindsight: Near Death and Out of Body Experiences in the Blind”, William James Center for Consciuosness Studies, Palo Alto 1999)

Bruce Greyson – Il problema mente-corpo alla luce delle NDE (Near Death Experience – Esperienze pre-morte)



ARTICOLI utili e d’approfondimento su “Cervello-Coscienza”:

Neuroscienza e Cervello – La cosiddetta morte cerebrale (articolo)
Near Death Experiences e Consapevolezza (da Neuroscienze.net – ne consiglio vivamente la lettura)
Morte e Coscienza (articolo)
Esperimento del neurofisiologo Zylberbaum (Messico, 1987) che dimostra per la prima volta sperimentalmente l’interconnessione cerebrale tra due persone a distanza
(cliccando invece QUI troverete l’articolo tecnico pubblicato in peer review su PubMed)
Riepilogo di diversi studi sperimentali che hanno dimostrato la possibilità della psiche di funzionare e inter-connettersi con sistemi esterni in maniera non-locale (ovvero anche a distanza). Tutti gli esperimenti qui citati sono hanno superato la peer review, ovvero sono presenti in letteratura scientifica e passati al vaglio scientifico più volte.
Karl Pribram. “modello cerebrale olografico della funzione cognitiva”. (Wikipedia)
Il modello ORCH-OR è un modello della mente ideato da Roger Penrose e Stuart Hameroff.
La coscienza è un effetto quantistico. Roger Penrose rilancia la sua teoria

Fonte: www.jungitalia.it

Alcuni articoli correlati:

Le enigmatiche esperienze di quasi-morte

1 commento: