venerdì 22 gennaio 2016

Gli esseri umani? Non sono originari della Terra. Parola di ecologista

Un ambientalista americano sostiene che gli esseri umani non sono originari del pianeta Terra, ma furono inseriti sul pianeta dagli extraterrestri decine di migliaia di anni fa.

Il dottor Ellis Silver ha annotato una serie di caratteristiche fisiologiche per presentare la sua tesi, in un suo nuovo libro, del perché gli esseri umani non si sono evoluti assieme ad altre forme di vita sulla Terra.

Si va dagli esseri umani che soffrono di problemi alla schiena – e ciò suggerisce che ci siamo evoluti in un mondo con meno gravità – fino all’avere, molto facilmente, scottature dovute al sole e difficoltà nel partorire. Il dottor Ellis ha indicato che mentre il pianeta soddisfa, nella maggior parte, le necessità degli esseri umani, talvolta non serve agli interessi della specie, così come lo immaginarono gli extraterrestri che ci hanno portato. Nel suo libro, HUMANS ARE NOT FROM EARTH: A SCIENTIFIC EVALUATION OF THE EVIDENCE (Gli umani non sono della Terra: Una valutazione scientifica delle prove), l’ecologista scrive che la razza umana possiede dei difetti che segnala essere “non di questo mondo“.

L’umanità è, presumibilmente, la specie più altamente sviluppata sul pianeta, eppure è sorprendentemente inadeguata e mal equipaggiata per l’ambiente medio della Terra, “affetti dalla luce solare, una forte avversione per alimenti di origine naturale, ridicoli alti tassi di malattie croniche, e molto di più“. Il dottor Ellis afferma che gli esseri umani possono soffrire di problemi alla schiena, perché si sono evoluti in un mondo con una minore gravità. Ha anche detto che è strano che le teste dei bambini siano così grandi, e ciò rende difficile per le donne dargli alla luce, col rischio di provocare la morte della madre e del bambino ...



Nessun’altra specie autoctona di questo pianeta ha questo problema, ha aggiunto. Egli, inoltre, ritiene che gli esseri umani non sono progettati per essere esposti al Sole come lo sono sulla Terra , e che non possono prendere il Sole per più di una settimana o due – a differenza di una lucertola – e non possono stare esposti al Sole tutti i giorni senza problemi. Inoltre, Il dottor Ellis sostiene che gli esseri umani sono sempre ammalati e questo potrebbe essere perché i nostri orologi biologici si sono evoluti per aspettarsi un giorno di 25 ore, come comprovato da ricercatori del sonno.

“Questa non è una condizione moderna, gli stessi fattori possono essere monitorati dalla storia del genere umano sulla Terra“, ha detto. Egli suggerisce che i Neanderthal e l’Homo Erectus si incrociarono con un’altra specie, forse proveniente da Alpha Centauri, che è il Sistema Stellare più vicino al nostro Sistema Solare, a circa 4,37 anni luce di distanza dal Sole. Il dottor Ellis ha aggiunto che molte persone sentono di non appartenersi e si sentono come a casa sulla Terra.“Questo suggerisce (almeno per me) che l’Umanità possa essersi evoluta su un altro pianeta, e potrebbe essere stata portata qui come una specie altamente sviluppata“.

“Una delle ragioni per questo (…) è che la Terra potrebbe essere un pianeta prigione, dal momento che sembra di essere una specie naturalmente violenta e che staremo qui fino a quando impareremo a comportarci correttamente“, ha detto. “La mia tesi propone che l’Umanità non si è evoluta da quel particolare ceppo di vita, ma si è evoluta altrove e trasportata sulla Terra (completamente evoluta come Homo Sapiens) tra i 60.000 e i 200.000 anni fa“, ha spiegato. 
Mentre altri scienziati hanno dichiarato che alcuni batteri sono arrivati sulla Terra dallo Spazio, Chris McKay, un astrobiologo della NASA, ha affermato che se si balzasse alla conclusione che sia vita extraterrestre sarà come fare “un grande salto”.

Il professore Wainwright, dell’Università di Sheffield ha in programma di approfondire la questione, e crede che la vita non abbia avuto origini sulla Terra e che arrivi costantemente dallo Spazio.

Fonte: www.altrogiornale.org


11 commenti:

  1. Lo diceva anche Peter Kolosimo......
    Cinquanta anni fa.....

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è per questo DNA umano e di qualsiasi mammifero siamo a corrispondenza oltre 95%. E allora?
      Inoltre tutti gli ominidi (i gorilla e gli scimpanzé) hanno più cromosomi di noi - 48 in tutto, invece dei 46 umani. E allora?

      Elimina
    2. No, è chiusura mentale, l'umanoide mammifero non esiste solo sulla terra, la nostra è una razza presente in molti altri pianeti con caratteristiche più o meno simili in base al luogo dove si trovano.

      Elimina
    3. No, è chiusura mentale, l'umanoide mammifero non esiste solo sulla terra, la nostra è una razza presente in molti altri pianeti con caratteristiche più o meno simili in base al luogo dove si trovano.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Si tratta di esaminare le diverse teorie odierne, non di abbracciarle per forza. Una de queste dice che forse sarebbero la scimmie ad essere più "moderne"degli umanoidi e non il contrario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Può darsi. La base di questa "ipotesi pseudoscientifica" è che scarseggiano i ritrovamenti di fossili di scimmie antecedenti a quelli degli ominidi.
      Ma bisognerebbe fare una ricerca più accurata per averne la certezza.

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Questa è solo una gnosi (visione mistico-religiosa) travestita in un linguaggio scientifico. Gli animali soffrono di malattie come noi; inoltre virus e batteri fanno spesso il salto di ospite dall'animale all'uomo.

    RispondiElimina