martedì 22 dicembre 2015

E' Natale!

Bruno Aliberti

Hai addobbato l'albero?
Finite le spesucce dei regalini natalizi?

Or che Bravo sei stato, puoi rilassarti sul divano, accendere la tv e apprendere il modo più consono in cui vestirti durante le festività, per evitare quelle non volute figuracce che ti porteresti dietro, come un pesante e troppo oneroso fardello, per l'intera tua esistenza, mentre molta gente dormirà in auto o sotto i ponti, sempre che non tassino pure questo.

Dopo, permanendo dinanzi alla scatola magica, durante la cena, potrai goderti qualche aggiornamento dei vari Vespa Santoro Paragone Fazio, che hanno invitato per te un sacco di quei politici che sanno cosa è meglio, proprio per te, ed anche per l'Italia e per gli Italiani.

E, come di consueto, tra qualche suicidio di chi non ce la fa più per i debiti e qualche anziano che si lascia morire d'inedia, non riuscendo a comprare il minimo per sfamarsi, neppure sottocosto al supermercato, perché la pensione di 500 euro non gli è stata sufficiente nemmeno per pagare le bollette di luce e gas per il riscaldamento, il governo dei parlamentari ...



... - eletti con una legge dichiarata incostituzionale (dopo solo 8 anni) e quindi illegittimo, così come illegittimo il capo dello stato, perché voluto e votato da chi è stato illegittimamente eletto, come illegittime tutte le leggi emanate contro il popolo, con in testa a tutto i Trattati, non referendati dal popolo, con i quali hanno svenduto, per trenta denari, Italia ed Italiani a quei Banchieri Europei che stampano le banconote euro, al costo di pochi centesimi rivendendocele al valore nominale, pure con prestito annuale e relativi interessi - con la new entry dei giovani renziani già sul palcoscenico mediatico, pronti a sfornare le loro mirabilie di ricchi lustrini e cotillons natalizi, ci rifilano la notizia che "finalmente" hanno tolto il finanziamento pubblico dei partiti (dopo un referendum di qualche decennio fa), ma a partire dal 25% l'anno prossimo ed a continuare per il 50% nel 2015 e del 75% nel 2016, mentre l'imu la vogliono ora, anzi prima, anzi ieri, insieme alla Tares e migliaia di altri acronimi che sostituiscono quelli precedenti aumentando l'aliquota in modo esponenziale.

E, mentre pensi a quanto DEVI divertirti sulla neve chimica, durante la consueta settimana bianca dove hai deciso di rilassarti, festeggiare ed augurare un prospero anno nuovo a chi ancora vorrà suicidarsi, lascerà casa e andrà a vivere e morire sulla stessa neve che allieterà le tue prossime giornate, come avviene SEMPRE durante le vacanze, quegli stessi governanti illegittimi di cui sopra emaneranno, nel più assoluto e sordido silenzio dei media, quegli ultimi commi che servono per far tirare le cuoia in modo DEFINITIVO a chi con una fatica sovraumana era riuscito a resistere al tempo, all'usura, alla fame, alle tasse, alle scie chimiche, al cancro iniettato in tutti i modi possibili ed immaginabili.



C'è qualcuno che sta peggio?
E chi se ne fotte.
E' Natale



(Articolo di Natale 2013)


1 commento: