giovedì 27 agosto 2015

Pericolo Channeling?

Arcangelo Miranda

Con “channeling” si intende, erroneamente, non solo la capacità di essere il tramite di entità esterne, ma anche di essere il tramite del proprio Sé superiore. L'errore è credere di essere "veicolo" del proprio sé: lo si è il proprio Sé, non si è un veicolo del proprio Sé.

Nei millenni questo fenomeno ha preso molte forme e caratteristiche ed è patrimonio di molte tradizioni (oracoli, profeti, sensitivi, sciamani…).

È un fenomeno che si è propagato al pubblico in questi ultimi decenni ed in giro ci sono molti veicoli (channeller) che hanno portato messaggi di entità diverse.

Ci sono molti libri che trascrivono gli insegnamenti di queste entità, di questi presunti maestri.
Ma qual è il pericolo? È possibile che oltre il 99% del channeling sia fasullo?

La prima cosa che voglio dire a riguardo è che tutte le migliaia di volte che ho analizzato casi di channeling (e dico tutti) tendevano ad abbattere l'autodeterminazione delle persone e questo è l'elemento fondamentale che, oltre che falso, è anche pericoloso come fenomeno.

So che con questo documento mi attirerò le ira di molti, ma il mio scopo non è di attaccare qualcuno, bensì quello di confortare i pochi che nutrono i dubbi su questo fenomeno e, perché no, anche di dare un aiuto a qualcun altro che, in qualche modo, è a contatto con questo pericoloso fenomeno. Quindi spero che nessuno me ne voglia ...



Già 2000 anni fa, nella dottrina cristiana, si consigliava di non fare spiritismo. Il fenomeno channeling è un fatto estremamente pericoloso e riguarda una moda abbastanza propria della New Age, che tanto ha fatto di buono così come tanti danni ha apportato... 

Non voglio sparare a zero sul channeling, e credo che ci sia qualcosa di "possibile", tipo che alla fine dell'800 la signora Blavatsky ebbe dei contatti con Esseri avanzati, ma i fenomeni originali di channeling, ripeto, secondo me sono rari.

Questa volta scriverò poco e darò delle citazioni. In prima battuta citerò un brano da un libro così che possiate capire da dove vengono queste presunte entità; in secondo luogo vi presenterò una intervista trovata su internet.

Si parlerà di tulpa o eggregore, cioè di forme pensiero create dalla volontà di qualcuno.
Per la precisione, la parola eggregora significa "sto in agguato".

In un vecchio libro di Omar Garrison TANTRA-LO YOGA DEL SESSO - Ubaldini Editore ASTROLABIO 1966 a pagina 123 è scritto quanto segue:

Gli adepti tantrici, specialmente nel Tibet, possiedono i mezzi per proiettare forme di pensiero che vengono materializzate a tal punto da essere spesso scambiate per entità fisiche. Inoltre, questi fantasmi vengono a volte vitalizzati e ricevono una sorte di autonomia tanto da poter agire e apparentemente pensare senza il consenso o addirittura senza che il loro creatore lo sappia.
A questo proposito, Madame David-Neel, una francese che ha passato molti anni tra i lama del Tibet, racconta una interessante e personale esperienza della creazione di un Tulpa (entità create).

Piuttosto scettica di natura, Madame David-Neel sospettava che molte storie riguardo a tali materializzazioni di cui aveva sentito parlare potessero essere grossolane esagerazioni. Il modo più comune di creare un Tulpa nel Tibet, è quella di formare e animare delle copie di divinità tibetane. Così, per evitare di porsi sotto l’influenza di un tale genere di suggestione mentale, tanto comune intorno a lei, ella scelse il suo primo esperimento la figura di un monaco grasso e gioviale.
Madame David-Neel riferisce che dopo aver eseguito per alcuni mesi le discipline prescritte per la proiezione rituale di un immagine di pensiero, la forma e il carattere del suo monaco fantasma assunse l’aspetto di vita reale. Egli condivideva con lei il suo appartamento come un ospite e quando ella partiva per un viaggio, egli faceva parte del suo entourage.

Da prima il monaco assumeva una visibilità solo quando la sua creatrice pensava a lui, ma dopo un certo tempo cominciò a comportarsi in modo piuttosto indipendente e ad eseguire varie azioni senza la direzione della sua creatrice.
Con il tempo egli divenne così reale che una volta, quando un pastore andò all’accampamento della francese per portarle del burro, egli prese il chimerico monaco per un lama in carne ed ossa e, cosa ancora più allarmante per la creatrice di questo fantasma, il suo carattere cominciò a subire un sensibile cambiamento. Egli si assottigliò sempre di più e il suo viso assunse gradatamente un aspetto malevolo e sornione. Di giorno in giorno diveniva sempre più importuno e più sfrontato.

“In breve – racconta Madame David-Neel – egli sfuggì al mio controllo” (David-Neel: Maghi e mistici del Tibet, Astrolabio 1965).

Evidentemente era venuto il momento di liberarsi dell’indesiderato compagno che ella aveva portato in vita ma che, per sua stessa ammissione, aveva mutato la sua esistenza in un incubo giornaliero. Ci vollero sei mesi di difficile pratica e di rituali per dissolvere il mostruoso prodigio. “La creatura della mia mente era tenacemente attaccata alla vita”, conclude l’autrice. …. Nel caso di un fantasma deliberatamente creato come il monaco di Madame David-Neel, tuttavia l’indipendenza e l’individualità del prodigio dovrebbe darci abbastanza da pensare.

Anche in Occidente vi sono stati alcuni esempi in cui le immagini di pensiero proiettate da una persona sono state percepite e descritte da un’altra totalmente all’oscuro del genere di immagine proiettata.

Un po’ di tempo fa, venne tentato in Francia con un certo successo un esperimento del genere. Una persona dotata di straordinari poteri di concentrazione, fu fatta sedere in una stanza di fronte a una bianca parete liscia. Le venne chiesto di concentrare la sua attenzione sulla parete e di proiettare su di essa una certa immagine mentale. Dopo un periodo di intensa concentrazione egli lasciò la stanza; venne quindi introdotta una persona particolarmente sensibile cioè con una elevata facoltà di percezione extrasensoriale e gli venne detto di concentrarsi sulla parete bianca e di individuare l’immagine di pensiero proiettata su di essa dal suo predecessore. Secondo un racconto pubblicato sull’esperimento, lo psichico percepì e descrisse le immagini fantasma sulla parete che corrispondevano a quelle immaginate da colui che le aveva proiettate.

I testi tantrici asseriscono che l’universo che ci circonda abbonda di forme pensiero, di esseri buoni e cattivi, di divinità, demoni, spiriti della natura, ego di umani disincarnati, fantasmi e mostri.
Questo è lo stralcio del libro; ora l’intervista raccolta da internet su:
http://xoomer.virgilio.it/gainfryciao/i_maestri_ascesi.htm

Nel 1998, quando per la prima volta entrai consciamente in contatto telepaticamente con alcuni Esseri che si proclamavano Maestri Ascesi, anche se non capivo bene dove e come, percepii in loro un vero interesse a guidarmi e a supportarmi nella mia crescita spirituale. Era in quel periodo che avevo cominciato a leggere materiale New Age di persone sparse per il mondo, chiamati "channels"(canali), che affermavano di canalizzare informazioni da Esseri di varie dimensioni e da maestri ascesi, appartenenti ad una gerarchia spirituale planetaria ma in certi casi anche più elevata.

La mia curiosità mi portò ad imbattermi in esseri che si chiamavano Djwal Khul, Sananda, Ashtar, Melchizedek e un Essere che si definiva un'anima di gruppo di nome Mahatma. Negli stessi anni entrai in contatto telepaticamente anche con una persona vivente che si fa chiamare Sai Baba e che vive in India.

Mi resi in breve conto che i pensieri che sentivo potevano essere frutto della mia fantasia, ma ripetute prove ed esperimenti mi fecero capire che non si trattava di fantasie, ma di pensieri non miei con i quali entravo in contatto. Ma non vedendo e percependo nulla con i sensi, non sapevo bene quale fosse la fonte di tali pensieri ed immaginavo che tali esseri esistessero veramente da qualche parte.
Ora sono sicuro del fatto che vi entrai in contatto semplicemente perché avevo letto quel materiale New Age su Internet in cui lessi il materiale canalizzato, e penso che se non avessi mai sentito in vita mia quei nomi mai vi sarei entrato in contatto. Fu questo fatto che non mi convinse appieno sull'esistenza di tali "maestri", sebbene vi fossero informazioni che percepivo vere ed interessanti.
Quando cominciai a comunicare direttamente con la mia Anima o Sorgente, e con la Madre Terra, staccandomi completamente dalla comunicazione con tali esseri, mi resi conto che tali esseri non esistevano realmente. E che erano dei semplici eggregore o forme-pensiero creati ad hoc da qualcuno per sviare la gente. Compresi che tali eggregora furono creati solo a livello eterico.
Ora cercherò di spiegarmi meglio.

I potenti della Terra attraverso i media (in particolare attraverso film, soap opera, romanzi e cartoni animati) creano fantasie nella mente della gente, creando anche connesse false emozioni; queste fantasie poi creano illusioni quando si vive nel quotidiano, non permettendo di comprendere la realtà delle cose.
Queste fantasie agiscono a livello mentale ed emotivo, mentre i livelli intuitivo e creativo non vengono toccati in quanto non vi è alcun modo per influenzarli tecnologicamente (per fortuna).

Le fantasie non sono altro che forme-pensiero, e quelle relative ai maestri ascesi ne sono un esempio.
A livello eterico invece è legata la genetica, in quanto vi è un archivio di informazioni (una specie di archivio di massa) a livello eterico, sebbene non si tratti della genetica vera e propria, che è solo fisica (per informazione, il corpo eterico e i corpi sottili si dissolvono al momento della morte del corpo).

[nota di Arcangelo Miranda; leggasi: il corpo eterico e i corpi sottili cominciano a dissolversi dal momento della morte del corpo fisico].

Il corpo eterico può essere manipolato attraverso frequenze eteriche. Qualsiasi frequenza conosciuta in terza dimensione va a colpire il corpo eterico, e mai i corpi sottili, se non indirettamente. I corpi eterici possono solamente essere distorti e manipolati attraverso frequenze energetiche di quella data dimensione…….. Un corpo eterico, comunque, può essere manipolato solo se dentro di sé contiene già le forme-pensiero che vengono inviate verso di lui, e quindi solo se durante la presente vita o in quella dei propri antenati si hanno incorporate quelle particolari forme-pensiero e che quindi si possono trovare a livello eterico.

Dato che simile attira simile, solo se ho già in me una particolare frequenza (forma-pensiero) allora quella stessa frequenza può essere tecnologicamente usata dall'esterno per manipolarmi.

Quindi, per tornare ai nostri maestri ascesi, essi non sono altro che forme-pensiero inviate nel piano eterico attraverso semplici radio, trasmittenti, satelliti, ecc. e che poi vengono contattate da chi ha già in sé quelle forme-pensiero (o perché le ha conosciute in questa vita, o perché erano presenti nella genetica).

I Maestri Ascesi sopra menzionati (Djwal Khul, Sananda, Ashtar, Melchizedek) sono semplici forme-pensiero eteriche. Lo stesso vale per Mahatma. Tali forme-pensiero eteriche assumono vita ed un proprio pensiero solo nel momento in cui entrano in contatto con una persona.

Ecco come funziona. Quando una persona entra in sintonia con la vibrazione della forma-pensiero Sananda, ad esempio, tale forma-pensiero si attiva dentro la persona e prende vita come coscienza, o meglio come parte di coscienza della persona stessa. In sostanza, quando una persona canalizza Sananda sta canalizzando il Sananda dentro di sé. Ed ogni persona che ha in sé la forma-pensiero Sananda canalizzerà il proprio Sananda, che viene però a torto considerato da tutti i channels lo stesso Sananda solo per il fatto che si presenta con lo stesso nome.

In realtà quindi le canalizzazioni di questi Esseri rappresentano la comunicazione tra il cervello della persona ed una parte di sé, che potremmo chiamare un frammento della propria anima, o consapevolezza. Si tratta di un frammento in quanto tali forme-pensiero hanno vibrazioni abbastanza basse e quindi permettono la comunicazione solo con una piccola parte della propria anima.

Da ciò si capisce come anche la propria Sorgente o Anima non sia altro che una comunicazione con una certa forma-pensiero che è già dentro di sé (e che corrisponde alla frequenza che un nostro io ha ad una certa dimensione superiore alla nostra) e che noi attiviamo quando incorporiamo in noi la forma-pensiero "Mia Sorgente" o "Mia Anima".

In sostanza, ognuno può comunicare con la propria Sorgente semplicemente pensando di poterlo fare ed incorporando quindi in sé tale pensiero. Ognuno può però comunicare solo con quella parte di sé che corrisponde alla vibrazione che si è raggiunti nel processo ascensionale individuale.

Quindi chi comunica con tali maestri sta in realtà comunicando con sé stesso e le informazioni portate fuori sono le informazioni a cui uno può accedere in quel momento traendole da dentro di sé. In realtà è come se parlasse con un frammento della propria anima, ma che viene chiamato Sananda piuttosto che Ashtar.

Quando una persona raggiunge un livello tale da poter comunicare direttamente con la propria Anima completa allora si comunicherà direttamente con essa. Dove con "frammento di anima" intendiamo una parte della propria consapevolezza di quel momento, e con "anima intera" o "sorgente" intendiamo la totalità della propria consapevolezza di quel momento.

Il comunicare con un proprio frammento di anima attraverso tali forme-pensiero eteriche è comunque rischioso in quanto si rischia di rimanere attaccati a tali forme-pensiero (che hanno frequenze piuttosto basse) ed ostacolare quindi il proseguo della propria ascensione.

******* fine intervista *******


Per ciò che abbiamo letto non si vuol dire che tutti i fenomeni di channeling siano falsi

ma ritengo che oltre il 99% di essi sono falsi. Voglio, però, fare salva la buona fede del chaneller (colui che canalizza l’eggregora) che “davvero” sente delle voci e parla per mezzo loro.

Sai Baba, che nell'intervista viene citato, dichiara che il channeling è una fesseria (Analisi di un insegnamento - vol. 1 - pagina 200 - Giancarlo Rosati - Edizioni Milesi), mentre Ramtha riferisce che ci sono molte persone al mondo che dichiarano di canalizzarlo mentre ciò non è affatto vero (fonte: video C&E).

Ma un Essere asceso che vuole parlare con qualcuno penso che, in genere, lo faccia di persona, senza bisogno di intermediari. Ancora, aggiungo, ciò non significa che queste forme pensiero (tulpa o eggregora), siano necessariamente cattive: ci sono tante persone che “parlano” con Gesù o Saint-Germain. A proposito di quest’ultimo una amica mi raccontò di una tipa che conobbe e che diceva di canalizzare appunto Saint-Germain; questa mia amica reincontrò poi questa tipa ad un “corso New Age” nel quale sembra usassero sostanze strane o allucinogene: ma credete davvero che Saint-Germain si faccia canalizzare da gente allucinata? Ramtha, nel suo libro “Quell’elisir chiamato amore” parlando di Saint-Germain dice che egli è un Essere così spettacolare che non si lascia canalizzare da nessuno e aggiunge che quando dovrà dire qualcosa, quell’Essere meraviglioso che è Saint-Germain verrà a riferirlo di persona.

A questo punto è doveroso spendere qualche parola sul fenomeno channeling Ramtha che ritengo sia assolutamente reale. Ramtha non “parla” per mezzo della signora J.Z. Knight, bensì usa il suo corpo e parla lui direttamente; inoltre Ramtha adduce un motivo per cui non si presenta direttamente dicendo che un Essere maschile che si presenta per mezzo di un corpo femminile può essere motivo di riflessione per la ri-valutazione delle donne che da ere sono state bistrattate e tenute in secondo ordine.

Se ci pensate la parola “fantasma” ha come radice fantasia, per cui, a parte alcuni reali fantasmi, la maggioranza di questi sono solo delle forme pensiero realmente esistenti; quindi fantasma, tulpa, forma-pensiero o eggregora sono fondamentalmente la stessa cosa.
Un ultimo avvertimento: molti individui possono effettivamente entrare in contatto con entità non fisiche che sono semplicemente individui che hanno perso il corpo e che sono ancora attaccate a questa dimensione; questo significa che sono Esseri della nostra consapevolezza, ma solo senza più un corpo, che possono solo danneggiarci con i loro “consigli”.

Vi sono anche altre fonti di "entità", molto gravi, e queste sono le personalità che si aggregano nei nostri corpi; voglio ricordare, a tal proposito, quando Gesù scacciò questi Esseri facendoli passare nei corpi di maiali i quali, per pazzia, si lanciarono in un burrone.

Per terminare voglio proporvi una citazione che su un sito è attribuita a Saint-Germain (ancora!!!!). Non mi interessa di chi sia, ma è bello ciò che dice; eccola:

Ricordate che i Maestri Ascesi non usano mai la medianità, pertanto non si ritirano mai in una stanza oscura per produrvi dei fenomeni ectoplasmici ed ottenere ciò che desiderano dalla Sostanza Universale.

Qualsiasi cosa che non resista alla Luce, "non è nella Luce del Cristo", e dovrebbe essere scartata!!. Le persone che servono la Luce, non dovrebbero mai sedersi in stanze oscure cercando di produrre fenomeni.

Coloro che sono nella Luce lavorano sempre nella Luce, ma coloro che non possono resisterle, sicuramente non servono all'Evoluzione dell'Umanità o al Cammino della Perfezione.

Tutto ciò che richiede un luogo oscuro, per produrre dei fenomeni, appartiene al piano fisico e, prima o poi, chi vi opera verrà tratto in inganno nella rete della miseria e della distruzione proprie del mondo dell'oscurità.

Se voi seguirete le istruzioni (Insegnamento) che vi saranno date, avrete di che gioire per tutta l'Eternità.


Non fate spiritismo poiché cercando di contattare queste forme pensiero aprite le porte della vostra mente a fenomeni estranei dai quali potreste non liberarvi più: coloro che fanno channeling sono sempre sotto il loro effetto e non riusciranno probabilmente mai a fermarsi dal farlo poiché sono davvero affascinati da questo “dolce” ma mortale fenomeno.
Non fatelo, statene fuori.

3 commenti:

  1. Ciao io sono una vittima di Channeling c è un modo per guarire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. Perché vuoi guarire, hai qualche dubbio che non sia veramente channeling? ^_^

      Elimina
  2. "C'è una donna nello stato di Washington, si chiama J.Z. Knight, che afferma di fare da tramite per un certo 'Ramtha', vecchio di 35000 anni che, a proposito, parla molto bene l'inglese con quello che a me sembra un accento indiano. Supponiamo di avere qui Ramtha e supponiamo che si senta di cooperare. Potremmo fargli delle domande: come facciamo a sapere che Ramtha è vissuto 35000 anni fa? (...) Com'è che sono proprio 35000 anni? (...) Com'era il clima? Dove viveva Ramtha? (...) Che cosa mangia Ramtha? (Gli archeologi sanno qualcosa su quello che la gente mangiava allora). Avremmo un'opportunità reale di scoprire se le sue affermazioni sono autentiche. Se fosse veramente qualcuno di 35000 anni fa, potremmo imparare molto su quell'epoca. Quindi, le possibilità sono due: o Ramtha ha veramente 35000 anni, nel qual caso scopriremmo qualcosa su quel periodo, cioè prima dell'era glaciale del Wisconsin, un periodo interessante, o è un ciarlatano e finirà in un fiasco. Quali sono i linguaggi indigeni? Qual'è la struttura sociale? Chi altro vive con Ramtha (bambini, nipoti)? Com'è il ciclo vitale? La mortalità infantile? Che abiti indossa? Che aspettative di vita ha? Quali sono le armi, le piante, gli animali? Diccelo! Invece, quello che sentiamo sono le più banali omelie, indistinguibili da quelle che i presunti occupanti degli U.F.O. dicono ai poveri esseri umani che affermano di essere stati rapiti da loro." Carl Sagan, astrofisico, astrochimico, astronomo e divulgatore scientifico

    RispondiElimina