sabato 19 ottobre 2013

Masochismo religioso - soffrire per guadagnarsi il paradiso e la stima altrui

Le autopunizioni corporee a sfondo religioso sono azioni altruisti o egoisti? Si tratta di cibi per lo spirito, o soltanto di soddisfazioni perverse della carne? O tutt'e due le cose ...
Catherine


Per due millenni l’asceta è stato esaltato per l’esemplare forza di volontà e l’eroismo: ma a torto. In realtà costoro erano caratteri apatici, sottosviluppati, frigidi, con la sensibilità disturbata, per i quali un controllo macerante era più agevole e la cui astinenza non era affatto espressione di virtù, spiritualità o energia.

Il casto, l’autoflagellatore, l’asceta da sempre glorificato dal clero, non è l’energico uomo tutto d’un pezzo, l’eroe dominatore di sé, ma un debole ideologicamente raggirato, un piccolo e bigotto ricettore d’ordini, casto non per spinta interiore ma per suggestione esteriore. Nietzsche definisce gli asceti “asini molto robusti”, e ” in tutto e per tutto il contraltare di uno spirito energico”.

La salesiana francese Marguerite Marie Alacoque (1647-1690), la quale sosteneva che “solo il dolore rende sopportabile la vita”, si incise il monogramma di Gesù sul petto, e se la ferita guariva troppo in fretta, la bruciava di nuovo con una candela. A volte beveva solo acqua usata nel lavaggio dei panni, mangiava pane ammuffito e verdura marcia, e puliva con la lingua il vomito dei pazienti. 
Nell’autobiografia descrive la felicità provata riempiendosi la bocca delle feci di un uomo che soffriva di diarrea. Per simile coprofeticismo doveva però di notte baciare a lungo il cuore di Gesù che teneva a portata di mano...


Una Processione di Flagellanti, di Francisco Goya (18121819)

Grazie alle sue prodezze fu fatta santa nel 1864 da Papa Pio IX. L’ “Ordine del cuore di Gesù”, la devozione e la festa del Sacro Cuore di Gesù risalgono alle “rivelazioni” di questa suora, alla quale Cristo stesso mostrò il suo muscolo cardiaco: – Egli mi disse: “Il mio Cuore divino è così appassionato d’amore per gli uomini e per te in particolare che, non potendo più contenere le fiamme della sua ardente carità, occorre che le diffonda attraverso il tuo tramite, e che si manifesti a loro per arricchirli dei suoi preziosi tesori che ti ho rivelato, e che contengono le grazie santificanti e salutari necessarie a rimuoverli dal baratro della perdizione; e ti ho scelto in quanto abisso d’indegnità e ignoranza per la realizzazione di questo grande scopo, in modo che tutto sia compiuto da me”. Dopodiché domandò il mio cuore, che io lo pregai di prendere, ciò che fece, e lo mise nel suo, adorabile, all’interno del quale me lo fece vedere come un piccolo atomo che si consumava in questa fornace ardente…

Pianto, sangue, dispregio del corpo, della libido, del mondo in generale: è questa l’ascesi medioevale, la rivelazione dello spirito cristiano.

Teresa d’Avila insegnava che ” tutto ciò che ha un fine dev’essere tenuto in nessun conto. La vita intera è piena d’inganno e falsità; tutto non fa che mentire, non c’è nulla che non sia letame, tutto il mondano fa schifo, anche l’acqua, i campi, i fiori: tutto ciò mi sembra spazzatura”.

Di S.Caterina da Genova (1447-1510), si dice che l’odio per se stessa era più grande di quanto potesse sopportare: strappava e masticava la sporcizia dagli abiti dei poveri e inghiottiva sterco e pidocchi. Fu canonizzata nel 1737. S.Angela di Foligno (1248-1309) sorseggiava l’acqua dei lavacri dei lebbrosi: “Non avevo mai bevuto con tanto godimento…Un pezzo della pelle morta delle ferite dei lebbrosi era incastrato in gola: invece di sputarla mi sforzai di ingoiarla e mi riuscì. Mi sembrò d’essermi comunicata. Non potrei mai esprimere le voluttà che mi assalirono”. 

La suora Caterina di Cardona fuggì dalla corte spagnola nel deserto, dove per 8 anni dimorò in una spelonca dormendo per terra. Indossava un abito penitenziale che la torturava, e teneva appese al corpo delle catene e si castigava per ore coi più svariati strumenti di tortura. Alla fine si mise a pascolare l’erba strisciando al suolo e brucando come un animale.

Letto e condiviso da: fintatolleranza.blogspot.it
Fonte: www.circolovegetarianocalcata.it

6 commenti:

  1. Risposte
    1. Sicuramente un argomento curioso e scomodo, soprattutto per noi occidentali.
      Certo si parla di violenza, ma auto inflitta, e quindi non rivolta all'esterno.
      La difficoltà per me (cresciuta come tutti noi nell'idea della barbaria e dell'inciviltà dei popoli tribali) è concepire questo mezzo per approdare a un stato alterato che dovrebbe elevare l'anima, e soprattutto distinguere (sempre che sia possibile) lo scopo spirituale da quello materiale che, per gli occidentali, si ridurebbe forse a una specie di voglia spinta di protagonismo.

      Mi viene in mente il tatuaggio, i piercing, che sarebbero oggi la versione decadente di tali pratiche, la loro versione snaturata e caricaturale ... Come anche il velo in testa, stranamente tornato in auge nell'ultimo decennio..

      L'uomo cerca da sempre l'armonia, ma in genere lo fa nel posto sbagliato, cioè all'esterno. Credo che l'armonia sia quando un individuo riesce a vivere secondo la propria natura, non andando a infierire volontariamente sugli altri, ovviamente (perché in tal caso non potrebbe comunque essere in armonia visto che provocherebbe reazioni negative dall'altra parte).. e secondo la Natura.
      Un tema senz'altro non facile e che generalmente si preferisce liquidare senza pensarci troppo! ;)

      Elimina
  2. eh si! Della domanda iniziale, facciamo la seconda, soddisfazioni perverse della carne. Freud l'avrai letto spero, non mi piace, sia chiaro, Jung è molto più sulla strada giusta, però dell'ebreo una cosa si deve dire, aveva ragione, anche solo sul fatto del soffocare l'energia sessuale e il nascere di patologia nevrotiche, ma aveva ragione su questo punto. Perché? Perché l'ho provato, sulla mia pelle e su quella di persone che ho incontrato e conosciuto, è vero! E se vai a vivere all'estero, paesi nordici credo siano il paradiso, ma anche altre nazioni non sono frustrate, bigotte e pudiche, o solamente ipocrite alla fine? Insomma, a me, tutti sti frustrati del cazzo mi hanno sempre rotto i coglioni ovunque, perché l'idolo di chi non scopa detto in parole semplici, è il duce come minimo. Sai Nice che diceva di questi santi cristiani? hahahahaha, oddio, li chiamava "asini molto robusti" e non sbagliava, asini perché si perdono il meglio della vita e molto robusti perché pochi sopporterebbero. Io dico sempre, provate a fare ad un inglese o ttedesco, solo metà di ciò che deve subire un italiano medio. Ti prendi un pugno sul muso , io dico.
    E allora, al bel paese di nostro signore che vuoi dire?
    Dico solo che in dodici mesi di barcellona ho visto più feste che qui in dieci anni, la gente si bacia ovunque, di che sesso sono quando si baciano non gliene frega niente a nessuno e sono tutti felici, sorridenti e con voglia di divertirsi. Peccato che oggi sia dura in paesi del genere se non ci sei nato, niente lavoro, niente sussidio e quindi le strade si riducono a una, fai il criminale? No, di certo.
    Staremo a vedere che fine farà questa gerontocrazia maledettamente puritana e ben pensante
    dai un ochiata a questo
    http://maestrodidietrologia.blogspot.it/2013/10/uomini-e-donne-ed-umarells-senilita-e.html
    C

    RispondiElimina
  3. Ciao Dioniso, grazie per le tue riflessioni, sempre benvenute. Si, la castità volontaria rientra chiaramente nell'elenco delle autopunizioni benché in realtà potrebbe essere semplicemente una scelta di vita!
    La natura umana è infinitamente variegata, ma la cosa che ritengo più pericolosa ancora è il fatto che le religioni puntino al recupero di tali tendenze e le sfruttano per i loro fini di potere e di supremazia ...

    RispondiElimina
  4. IO DA QUESTO PUNTO DI VISTA ODIO L'ITALIA PAESE DI BIGOTTI E CORROTTI

    RispondiElimina
  5. Secondo il mio modestissimo punto di vista, le religioni, tutte per come sono strutturate e per lo scopo ultimo che hanno, ossia quello di tenerci bassi con "loro" in alto a ridere di noi, dovrebbero essere debellate insieme ai governatori delle linee di sangue nere, alle forze dell'ordine. Come prima cosa ci vorrebbe una bella petizione per arrestarli per crimini di sangue contro l'umanità con le loro missioni di pace e finti attacchi terroristici, pianificati nelle loro segrete stanze. Credo ci vorrà molto tempo perchè questo avvenga nel 3D! Ancora troppa gente ignorante, terrorizzata dalla "vera" luce e intrappolata in quella finta, persone che dopo la morte del contenitore fisico si dirigono nel paradiso che è una prigione nuova, insomma "loro" sanno come funzioniamo, ci studiano da millenni sono i nostri concreatori e sanno di cosa siamo capaci infatti usano la nostra mente per mantenere la "matrix" inalterata. Allora sve-gliatevi, Terrestri! :-)

    RispondiElimina