giovedì 8 dicembre 2011

Il futuro è arrivato e il modello economico è giunto al capolinea

Massimo Fini

"Il giorno del Big Bang non è lontano. Il denaro, nella sua estrema essenza, è futuro, rappresentazione del futuro, scommessa sul futuro, rilancio inesausto sul futuro, simulazione del futuro ad uso del presente. Se il futuro non è eterno ma ha una sua finitudine noi, alla velocità cui stiamo andando, proprio grazie al denaro, lo stiamo vertiginosamente accorciando. Stiamo correndo a rotta di collo verso la nostra morte, come specie. Se il futuro è infinito e illimitato lo abbiamo ipotecato, con l’iperbolica massa di denaro che abbiamo messo in circolazione, fino a regioni temporali così sideralmente lontane da renderlo di fatto inesistente. L’impressione infatti è che, per quanto veloci si vada, anzi proprio in ragione di ciò, questo futuro orgiastico arretri costantemente davanti a noi. O, forse, in un moto circolare, nicciano, einsteniano, proprio del denaro, ci sta arrivando alle spalle gravido dell’immenso debito di cui l’abbiamo caricato. Se infine, come noi pensiamo, il futuro è un tempo inesistente, allora abbiamo puntato la nostra esistenza su qualcosa che non c’è, sul niente, sul Nulla.
In qualunque caso questo futuro, reale o immaginario che sia, dilatato a dimensioni mostruose e oniriche dalla nostra fantasia e dalla nostra follia, un giorno ci ricadrà addosso come drammatico presente. Quel giorno il denaro non ci sarà più. Perché non avremo più futuro, nemmeno da immaginare. Ce lo saremmo divorato"... 
Così scrivevo nel 1998, nella pagina conclusiva del mio libro - Il denaro "Sterco del demonio" - dieci anni prima che la crisi dei subprime mettesse a gravissimo rischio l’intero sistema finanziario mondiale (o, per essere più precisi, occidentale); cioè il sistema del denaro. Non è pensabile che le leadership mondiali, politiche, economiche, intellettuali, non sapessero queste cose. Del resto non era così difficile capire che fatto 100 tutto il denaro circolante nel mondo nelle sue svariatissime forme, (ogni credito è denaro, promessa di futuro) se con l’un per cento di questo 100 si possono comprare tutti i beni e i servizi esistenti, il resto non corrisponde a nulla, a nessuna ricchezza, ma come scrivevo in "Denaro", solo a un’ipoteca sul futuro così enorme da essere inesigibile.
L’errore, tutt’altro che inconsapevole, delle leadership occidentali, politiche, economiche, intellettuali, è di volersi accanire, cocciutamente, sulla crescita, sul futuro, quando crescita e futuro non ci sono più per il modello di sviluppo che, partito due secoli e mezzo fa con la Rivoluzione industriale, è arrivato al suo massimo limite di espansione, al suo muro, alla sua fine. E infatti tutti i governi, insieme ai sacrifici chiesti alle popolazioni, si ingegnano a cercare "misure per la crescita", fumosissime e del tutto illusorie. Metteranno un altro po’ di futuro, cioè di denaro, in un futuro che non c’è sperando che il loro illusionismo duri ancora un po’, fino a quando i protagonisti di questo sporco gioco saranno usciti di scena e le genti inferocite non potranno più appenderli al più alto pennone come meriterebbero.
Quello che dovrebbero fare le leadership occidentali è esattamente il contrario. Lavorare, di comune accordo, per una decrescita graduale, limitata e ragionata in modo da ridurre drasticamente il rapporto fra beni reali e il denaro in circolazione. Dovrebbero insomma governare la decrescita invece di tentare contrastarla. Se non lo faranno il mondo del denaro, prima o poi, più prima che poi, collasserà di colpo. E allora verranno veramente i tempi delle lacrime e, letteralmente, del sangue.

2 commenti:

  1. Ciao Catherine, sono d'accordo, solo la decrescita può dare una risposta, deve essere però unita ad un nuovo modello di mondo. Quella proposta da Latouche e Pallante è un modello possibile, ma ce ne sono altri, molto più favorevoli al potere... anche un ritorno ad un medioevo capitalistico è in fondo decrescita.
    E' importante che assieme a questa decrescita, che è ormai l'unica scelta di mondo, viaggi la speranza di una visione egualitaria e ridistribuita, da cui la definizione felice, che significa consapevole e guidata. "Da un governo", dice Fini... ormai dubito che un qualsiasi governo che non sia espressione di democrazia diretta possa rappresentare altro che non i propri interessi e quelli dei suoi burattinai.
    Quindi decrescita felice, accompagnata da una visione di mondo compatibile ed a misura d'uomo, due concetti che devono andare insieme e diventare un solo.
    Un saluto e un abbraccio.
    Namastè

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con te Rosa, è chiaro che ho postato questo articolo in riferimento all'idea di decrescita di Latouche, e di Pallante in Italia, e di nessun'altra. Applicata un contesto che gli permetta di fiorire - perché anche in decrescita si fiorisce, alla faccia dello "sviluppo infinito" demoniaco-tecnologico a tutti i costi! - naturalmente. :)
    Ho anche messo alcuni link di approfondimento alla fine dell'articolo.
    Aggiungo qui un video di un recente dibattito in cui hanno partecipato sia Massimo Fini che Pallante:
    http://www.youtube.com/watch?v=Woz3JtRClgw

    Le idee ci sono, ma temo che la massa sia ormai in anestesia pre-mortem.
    Io preferisco rimanere sveglia. ;)
    Un caro saluto a te.

    RispondiElimina